Limosani: "Quali le prospettive economiche dell'avvocatura in futuro?" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Limosani: “Quali le prospettive economiche dell’avvocatura in futuro?”

.

Limosani: “Quali le prospettive economiche dell’avvocatura in futuro?”

. |
martedì 25 Giugno 2019 - 09:07
Limosani: “Quali le prospettive economiche dell’avvocatura in futuro?”

La riflessione del prof. Limosani in occasione delle elezioni del Consiglio dell'ordine degli avvocati

i

In occasione del rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Messina, le cui elezioni avranno luogo nei prossimi giorni, vorrei porre all’attenzione dei tanti amici e colleghi alcune questioni che, sono convinto, impegneranno nel prossimo futuro l’azione e le politiche dell’Ordine a livello regionale e nazionale.

La prima riflessione nasce da un ormai ben noto, ma poco analizzato, dato statistico. In Italia si contano, in media, 4 legali ogni mille abitanti ma la distribuzione a livello regionale è molto eterogenea. In cima la Calabria con 6,8 legali ogni mille abitanti, seguono la Campania e la Puglia con 5,7 e la Sicilia con 4,3. Con valori molto più bassi troviamo le regioni del nord, ed in particolare Veneto con 2,4 – Lombardia 3,1 – Piemonte 2,1 – Emilia Romagna 3. Il numero di avvocati è maggiore nelle regioni ad economia più debole e, secondo le recenti indagini condotte dal CENSIS, i professionisti che operano nel sud dichiarano redditi inferiori del 35% rispetto alla media nazionale. L’outlook negativo sui divari di reddito, tuttavia, non è servito ad incoraggiare né la mobilità dei professionisti né tantomeno a far diminuire il numero di avvocati iscritti all’Ordine.

Il numero di avvocati, anzi, è cresciuto in modo continuo negli ultimi 30 anni -senza conoscere battute d’arresto- indipendentemente dall’andamento del ciclo economico. Anche quando la crescita del PIL (che può essere considerata una proxy dell’andamento della ricchezza e del volume delle transazioni sul territorio) ha conosciuto prolungati rallentamenti o addirittura tassi negativi, il numero di professionisti iscritti all’albo ha continuato ad aumentare. La dinamica che governa l’iscrizione all’Ordine degli avvocati, quindi, non sembra tanto essere riconducibile a fattori di natura economica quanto piuttosto a variabili di status -ed i potenziali benefici che tale status comporta- e/o fattori di natura istituzionale come, ad esempio, le modalità di accesso alla professione.

Un’ultima questione, infine, è legata alla segmentazione del mercato e alla mobilità interna. E’ possibile osservare, infatti, un primo segmento in cui pochi studi professionali, altamente qualificati e organizzati, si dividono quote importanti di mercato e sono in grado di proiettarsi al di là del contesto locale; un secondo segmento popolato da tanti professionisti che hanno ulteriormente sviluppato, grazie anche alla abilità di introdurre innovazioni tecnologiche e organizzative, l’attività svolta presso studi già esistenti e consolidati; un terzo strato, infine, in cui si muove una moltitudine di avvocati, sovente ai margini della professione, con guadagni insufficienti a fare fronte ai crescenti oneri che la professione oggi impone. La mobilità tra i vari segmenti è molto scarsa e il sistema appare bloccato.

Ora è comprensibile che il Consiglio dell’Ordine sia chiamato a dare priorità a temi che attengono alla formazione professionale degli avvocati, all’impatto dell’innovazione tecnologica nei processi, al corretto rapporto tra Ordine e magistratura, alla partecipazione attiva alle iniziative di riforma in corso nel paese. E’ innegabile, tuttavia, che gli aspetti economici influenzano l’attrattività della professione; e una realtà professionale completamente sganciata dalla dinamica economica e con una struttura che non facilità certo la mobilità e l’affermazione dei più giovani, e delle donne in particolare, rischia di implodere. Su questi numeri il prossimo Consiglio dovrà ritornare per sviluppare una riflessione più compiuta e proporre soluzioni in grado di allontanare la crisi che si intravvede all’orizzonte.

Michele Limosani

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Mangiapane Filippo 25 Giugno 2019 10:49

    Caro Prof.Limosani, quali sono le prospettive economiche dell’Avvocatura, si chiede e ci chiede Lei.
    Pari a zero e sottozero le rispondo io.
    Siamo troppi, siamo al sud, gli albi accettano tutti.
    Siamo alla deriva economica.
    Parecchi si cancellano, non riuscendo ad assemblare uno stipendio mensile.
    L’Avvocatura pensa a tutto, tranne che ad una tutela economica della sua classe, che vive, purtroppo, di patrocini a spese dello Stato e difese di ufficio
    Avv.Filippo Mangiapane, Presidente della Camera Penale di Messina “Erasmo da Rotterdam”.

    1
    0
  2. Aggiungo che molti hanno fatto la domanda del reddito di cittadinanza per difendere la loro dignità. Un avvocato si è suicidato per non avere potuto pagare l’affitto di casa.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007