L'inaugurazione dell'anno scolastico "solo per bimbi cattolici". E gli altri? - Tempostretto

L’inaugurazione dell’anno scolastico “solo per bimbi cattolici”. E gli altri?

.

L’inaugurazione dell’anno scolastico “solo per bimbi cattolici”. E gli altri?

Tag:

. |
lunedì 14 Ottobre 2019 - 08:00

Messina- Lettera aperta di un papà: "perchè inaugurare l'anno scolastico con una Messa?"

Di seguito la lettera aperta indirizzata dal genitore di un alunno alla dirigente scolastica dell’XI istituto comprensivo Gravitelli di Messina, prof. Domizia Arrigo

Una Messa per inaugurare l’anno

Gentile professoressa, mio figlio frequenta la Scuola Primaria Passamonte e lunedì mattina, il 14 ottobre, parteciperà all’inaugurazione dell’anno scolastico da Lei organizzata al Duomo di Messina. Inaugurazione che, dunque, coinciderà con una celebrazione eucaristica!

L’invito

Ma ci saranno assenti

Ho appena terminato di firmare il modulo di autorizzazione ad uscire durante l’orario scolastico e, purtroppo, ho anche appena terminato di spiegare a mio figlio perchè alcuni dei suoi compagnetti non parteciperanno a questa festa.

esclusi i bimbi non cattolici

Già, perchè i bimbi mussulmani, i bimbi ebrei, i bimbi protestanti, e tutti gli altri bimbi non cattolici, sono stati esclusi. Loro rimarranno in classe, non parteciperanno all’inaugurazione come la maggior parte dei loro compagni, non faranno festa insieme a loro e capiranno, qualora non l’avessero già capito, di essere diversi, di essere gli esclusi.

Le scuole sono laiche

Cara preside, mi sorgono alcune domande: ma le scuole che lei dirige non sono statali e, quindi, laiche per definizione? Non dovrebbero provare a fare dell’uguaglianza e dell’inclusione una priorità? Non sarebbe stato più opportuno organizzare una festa di inaugurazione dell’anno scolastico in un luogo che non fosse un tempio religioso dando così la possibilità a tutti, anche a chi non appartiene a quella religione, di parteciparvi?

Festa della scuola

Qualcuno potrà eccepire che allora non si dovrebbero festeggiare neppure il Natale o la Pasqua, ma quelle sono feste religiose appunto, a cui ognuno può, in base al proprio credo, decidere di partecipare o meno, qui invece si tratta di una festa della scuola, di TUTTA la scuola, di quella che dovrebbe essere l’istituzione che si prefigge di educare i nostri bambini, di farne i cittadini di domani.

Lezione sbagliata

Temo, purtroppo, che la lezione di oggi sia stata davvero sbagliata, sbagliata per mio figlio che fa parte di quella parte che avrà diritto di partecipare alla festa affermando la propria “supremazia religiosa”, e sbagliata per quegli altri bambini, quelli esclusi loro malgrado, cui io sento di dover chiedere scusa.

Preferisco non firmare questa lettera per non coinvolgere il mio bambino in questioni che ritengo siano da “grandi”, anche se temo che un assaggio di quello che significhi essere “grandi” oggi lo abbia già avuto. Spero che loro possano essere migliori di quello che siamo noi oggi, migliori delle lezioni sbagliate che stiamo loro impartendo.

Cordialmente, un papà.

3 commenti

  1. Se non vuole fare andare suo figlio a Messa, lo porti all’asilo anche a Pasqua, Natale, Epifania e Ferragosto.
    Troppo comodo fare il laicista quando conviene e celebrare le festività cattoliche quando si deve divertire.

    7
    7
    1. Temo che Lei non abbia capito il senso della lettera. Il padre ha scritto alla scuola non perché contrario alla messa, bensì per esortare l’organizzazione di eventi che permettano a tutti di partecipare. Eventi di questo tipo in un contesto scolastico sono, a parer mio, del tutto sbagliati in quanto, come spiegato dal padre, creano motivo di discriminazione in una scuola che ricordiamo essere un’istituzione laica. Le ricordo, inoltre, che inaugurare l’anno con una celebrazione eucaristica non equivale a celebrare una festa religiosa, come il Natale o la Pasqua da Lei citate. Sinceramente non riesco a capire il senso del suo commento. Le consiglio di rileggere il post con attenzione e di riflettere prima di commentare.

      3
      0
  2. Anche i miei figli fanno parte dell’XI comprensivo e penso che lei stia dando un’informazione sbagliata al resto della comunità quando parla di “esclusi”. In realtà la scuola non ha escluso nessuno, coloro che non partecipano in realtà si escludono da soli. Mio figlio ha due compagni il cui padre è di fede musulmana che partecipano persino alle recite di Natale perché stanno crescendo in un clima di libera scelta. La Chiesa apre le sue porte a tutti e una bella BENEDIZIONE non credo abbia mai ammazzato nessuno… Anzi.

    7
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007