Operazione Icaro: la Corte di Cassazione dichiara definitivi 5 ergastoli per boss e gregari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Icaro: la Corte di Cassazione dichiara definitivi 5 ergastoli per boss e gregari

Operazione Icaro: la Corte di Cassazione dichiara definitivi 5 ergastoli per boss e gregari

giovedì 05 Luglio 2012 - 13:26
Operazione Icaro: la Corte di Cassazione dichiara definitivi 5 ergastoli per boss e gregari

Sono diventate definitive le condanne per boss ed affiliati della mafia tirrenica e dei Nebrodi coinvolti nell'operazione Icaro. Confermati cinque ergastoli che erano stati inflitti dalla Corte d'Appello di Messina. Carcere a vita anche per i superlatitanti Calogero e Vincenzino MIgnacca.

A nove anni dagli arresti la Corte di Cassazione ha reso definitive
le condanne per boss e affiliati del clan della mafia tirrenica arrestati nell’operazione “Icaro” che il 29 novembre 2003 portò all’arresto di 44 persone. A svelare la mappa delle organizzazioni mafiosi il pentito Santo Lenzo che consentì, fra l’altro, ai Carabinieri di far luce su estorsioni, attentati e su ben cinque omicidi.
La notte scorsa la seconda sezione della Corte di Cassazione ha confermato i 5 ergastoli che erano stati inflitti dalla Corte d’Appello di Messina il 25 gennaio 2011. Da quella sentenza i giudici della Corte Suprema hanno eliminato solo qualche capo di imputazione per tre imputati già condannati per gli stessi reati.
Il carcere a vita diventa, dunque, definitivo per Carmelo e Rosario Bontempo Scavo, Sergio Antonino Carcione e per i fratelli Carmelo e Vincenzino Mignacca entrambi latitanti dal 2008 ed inseriti nell’elenco dei cento ricercati più pericolosi d’Italia. Confermate le condanne a 17 anni per il boss storico di Barcellona Giuseppe Gullotti; 14 anni e mezzo per il padrino della mafia di Tortorici Cesare Bontempo Scavo; 10 anni e 4 mesi al pentito Santo Lenzo; 9 anni e mezzo per Carmelo Crinò; 9 anni per Marcello Coletta; 4 anni e mezzo per Alfio Cammareri, un anno e mezzo, per Giuseppe Condipodero Marchetta, 6 anni e mezzo per Salvatore Giglia; 4 anni a Diego Antonino Ioppolo, 4 anni a Giuseppe Karra; 5 anni a Giovanni Pintabona e Giuseppe Sinagra. Sconto di pena per Maurizio Testini condannato ad 8 anni e mezzo. In primo grado era stato condannato a 14 anni e due mesi di reclusione.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007