Tornava a casa ubriaco e bastonava moglie e figli: finisce l'incubo per una famiglia di Mistretta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tornava a casa ubriaco e bastonava moglie e figli: finisce l’incubo per una famiglia di Mistretta

Veronica Crocitti

Tornava a casa ubriaco e bastonava moglie e figli: finisce l’incubo per una famiglia di Mistretta

mercoledì 20 Gennaio 2016 - 15:18
Tornava a casa ubriaco e bastonava moglie e figli: finisce l’incubo per una famiglia di Mistretta

Aveva il vizio di bere, il cinquantunenne, e per questo non riusciva più a trovare lavoro né stipendio per garantire alla famiglia la stessa sopravvivenza. Dilapidava tutto in alcool, trascorrendo la maggior parte delle sue giornate al bar.

E’ una storia fatta di minacce e violenze all’interno delle quattro mura di casa quella che ha visto come scenario il piccolo comune nebroideo di Mistretta, e come protagonista un 51enne disoccupato della zona. Vittime di anni ed anni di soprusi, la moglie 43enne dell’uomo ed i due loro bambini, di 6 e 12 anni.
Aveva il vizio di bere, il cinquantunenne, e per questo non riusciva più a trovare lavoro né stipendio per garantire alla famiglia la stessa sopravvivenza. Dilapidava tutto in alcool, trascorrendo la maggior parte delle sue giornate al bar, e poi a casa si scagliava contro la compagna ed i figli. Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Mistretta hanno messo in luce comportamenti di una violenza inaudita. Spesso l’uomo, più che ubriaco, tornava a casa e, con un bastone, colpiva moglie e bambini, insultandoli e minacciandoli di morte. Una volta, in un raptus di follia, avrebbe anche preso un coltello lanciandolo contro al maggiorenne dei figli che, solo per puro caso, non sarebbe stato colpito in pieno.
Le indagini sono scattate quando la moglie, già assistita al Centro Antiviolenze “Co.Tu.Le.Vi.” di Messina, ha deciso di denunciare tutto alle autorità.
I bambini sono stati ascoltati, così sono state riprese tutte le cartelle cliniche che accertavano lividi e maltrattamenti refertati in più occasioni. Durante una perquisizione, i militari hanno anche ritrovato quel coltello con cui l’uomo aveva cercato di ferire il figlio.
L’inchiesta, supportata anche dall’aiuto di uno psicologo del Centro di Valutazione e presa in carico della Famiglia Maltrattante e Abusante di Sant’Agata di Militello, ha infine fatto sì che il cerchio si chiudesse. Il Giudice per le Indagini Preliminari, Ugo Domenico Molina, ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare e adesso l’uomo è finito ai domiciliari (in una casa diversa da quella in cui abita la famiglia) con l’accusa di maltrattamenti. Per lui sono scattate anche le denunce per violazione degli obblighi di assistenza familiare e porto di armi od oggetti atti a offendere. (Veronica Crocitti)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007