Ugl-Faisa-Orsa: "Ecco come i furbi fanno carriera in Atm con i contenziosi" - Tempostretto

Ugl-Faisa-Orsa: “Ecco come i furbi fanno carriera in Atm con i contenziosi”

Ugl-Faisa-Orsa: “Ecco come i furbi fanno carriera in Atm con i contenziosi”

venerdì 26 Ottobre 2018 - 06:44

Nel comunicato congiunto i sindacati ricordano come "nelle poltrone che contano in Atm è stato confermato il potentato politico-sindacale dell'era Foti-Cacciola e che le carriere si devono fare invece con selezioni trasparenti e non con facili contenziosi"

Se sacrifici devono essere devono essere per tutti. E’ questo il senso del comunicato stampa congiunto Ugl-Faisa-Orsa (firmato dai segretari Sciotto, Sturiale, Massaro) e nel quale si evidenzia come il presidente Atm abbia a volte descritto come sprechi diritti dei lavoratori acquisiti. Il drammatico debito della partecipata ha altre radici

Nella foga demagogica di attaccare indiscutibili diritti istituzionalizzati- si legge nella nota congiunta- il Presidente del CdA ha trascurato di analizzare i reali ed evitabili elementi di spreco che persistono in azienda e in tempi di “lacrime e sangue” non sono tollerabili. Nonostante l’annunciato nuovo corso orientato all’austerity, in ATM è ancora in vigore il sistema dei funzionamenti a parametro superiore con il riconoscimento delle relative differenze stipendiali. Alcuni soggetti, individuati con ordini di servizio –ad personam– durante le direzioni Foti / De Almagro, a tutt’oggi occupano “provvisorie” posizioni in mansioni superiori che oltre a gonfiare le loro buste paga rappresentano un prezioso requisito per futuri contenziosi legali volti a ottenere la mansione e il relativo trattamento economico in modo definitivo”.

Ugl, Faisa e Orsa spiegano come l’attuale dg dell’Atm Natale Trischitta abbia disposto nuovi funzionamenti a parametro superiore, un sistema questo che apre la porta a futuri contenziosi che vedranno soccombere l’azienda. Da anni infatti il sistema è questo: i più furbi, assunti con parametro d’ingresso, attraverso ovviamente decisioni prese dai vertici aziendali, acquisiscono in via “provvisoria” un parametro superiore che diventa automaticamente, anche in caso di cessazione del parametro, un’arma per vincere in tribunale, ottenendo avanzamenti di carriera.

Resta altresì da stabilire- proseguono Sciotto, Sturiale e Massaro– se l’azienda ha realmente bisogno di tali “mansioni superiori” spesso attribuite, stranamente, a rappresentanti delle varie sigle sindacali e/o soggetti vicini alla politica a vario titolo. Per risparmiare risorse pubbliche ed evitare assunzioni “trasversali” il Sindaco De Luca si è assunto l’onere di bloccare il sistema del lavoro somministrato nonostante l’oggettiva esigenza di conducenti, pertanto se in fase di pre-dissesto si riesce ad andare avanti senza assumere autisti, siamo certi che si possano evitare anche le “mansioni superiori” in settori meno fondamentali dell’esercizio. Durante il confronto in piazza con gli autisti interinali, il primo cittadino ebbe a dire: “nelle partecipate si entra attraverso concorso pubblico”, sarebbe opportuno che il Presidente Campagna gli facesse eco annunciando che in ATM si fa carriera attraverso selezioni trasparentiLa pace sociale in fase di carestia si ottiene condividendo i sacrifici non compiacendo chi minaccia la rivoluzione”

Le tre organizzazioni sindacali ricordano come lo stesso Campagna si sia lamentato dei numerosi contenziosi dei lavoratori per diritti lesi durante le precedenti gestioni, come il diritto al vestiario e/o l’errata applicazione della legge Brunetta ma nel caso delle cause legali per mansioni superiori resta lo status quo ante e non è stato ancora detto nulla.

Dispiace prendere atto- conclude il comunicato congiunto- che nell’azienda di Trasporto Pubblico Locale non si respiri ancora quell’aria di cambiamento che il Sindaco cerca faticosamente di trasferire alla città, in ATM è cambiato il Consiglio di Amministrazione ma l’impalcatura dirigenziale è quella stabilita nell’era Foti/Cacciola, nelle poltrone che contano resta confermato il potentato politico/sindacale di quelli che c’erano prima e difficilmente assisteremo al rilancio dell’azienda se il pallino resta in mano ai co-autori del debito e dello sfascio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007