Messina, 49enne muore d'infarto. Tempi di soccorso, altro allarme di Codice Bordeaux - Tempostretto

Messina, 49enne muore d’infarto. Tempi di soccorso, altro allarme di Codice Bordeaux

Redazione

Messina, 49enne muore d’infarto. Tempi di soccorso, altro allarme di Codice Bordeaux

lunedì 24 Gennaio 2022 - 08:39

I soccorritori hanno tentato invano di rianimare il notaio Francesco Paderni

Era rientrato nella sua villa di Ganzirri dopo aver giocato a tennis, quando si è sentito male. Sabato sera è morto il notaio Francesco Paderni, 49 anni. All’arrivo dei soccorsi era ancora vivo ma le manovre di rianimazione sono state vane.

“Ci risiamo – scrivono i coordinatore di Codice Bordeaux, Antonella Russo e Giovanni Giacoppo -. Si ripete ancora una volta a Messina una tragedia che forse si sarebbe potuta evitare con un intervento in tempi normali del servizio di emergenza – urgenza 118 che pare sia giunto sui luoghi parecchi minuti dopo; anzi pare che siano intervenute due ambulanze, la prima senza medico a bordo”.

Codice Bordeaux, quale comitato cittadino nato proprio per occuparsi della situazione del servizio emergenziale della provincia di Messina, chiede in via preliminare di conoscere in via ufficiale i tempi di intervento dell’ambulanza che ha soccorso il notaio Paderni ed insiste “affinché l’Assessorato Regionale alla Sanità fornisca il consenso alla creazione di un tavolo tecnico permanente di controllo – monitoraggio nel quale discutere delle questioni legate al 118 come richiesto lo scorso 11 gennaio, senza seguito, neanche per la condivisa campagna informativo sul corretto uso del servizio”.

Russo e Giacoppo chiedono anche che “le autorità sanitarie cittadine e regionale si attivino immediatamente per eseguire una mappatura di tutti i defibrillatori presenti sul territorio cittadino e per l’organizzazione di corsi per il loro utilizzo, attività per i quali il comitato si dichiara ampiamente disponibile alla fattiva collaborazione. Continueremo l’opera di pungolo e controllo senza in alcuna maniera distogliere l’attenzione fino a quando non si raggiungerà il risultato di avere un servizio di 118 provinciale che sia effettivamente un servizio di emergenza urgenza e non un servizio che debba purtroppo limitarsi a constatare gli avvenuti decessi”.

I funerali del notaio Francesco Paderni saranno oggi alle 16 nella chiesa Santa Maria della Lettera di Torre Faro.

2 commenti

  1. NON CREDO CHE IL PROBLEMA SI PONE SOLO QUANDO SUCCEDE QUALCOSA DI GRAVE A GENTE NOTORIAMENTE IMPORTANTE. PERCHE SE NE PARLA SOLO IN QUESTE OCCASIONI.

    2
    0
  2. CappelloDiPaglia 25 Gennaio 2022 09:57

    Queste persone non pagheranno mai per le loro colpe, intoccabili, per cui le vostre denunce (giustissime) rimarranno sempre e comunque inascoltate… Trovo assurdo che una persona di quest’età muoia in queste circostanze ed in queste modalità (a pochi passi dal Papardo, per giunta)… E pensare a quante di queste situazioni accadono giornalmente, ma non si vengono a sapere non trattandosi del notaio o dell’avvocatessa famosa, fanno gelare il sangue nelle vene! Succederà ancora… ancora… ed ancora… purtroppo!

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007