Messina. Chiuso un locale con 350 persone assembrate - Tempostretto

Messina. Chiuso un locale con 350 persone assembrate

Marco Ipsale

Messina. Chiuso un locale con 350 persone assembrate

Tag:

lunedì 20 Luglio 2020 - 09:08

In un altro, invece, 20 kg di pesce sequestrato perché non tracciabile, Infine è stata fermata e identificata una donna, responsabile di aver aggredito una verificatrice Atm

MESSINA – Dentro c’erano circa 350 persone, con assembramenti e senza alcuna precauzione anticovid. Per questo la Polizia Municipale ha chiuso un locale della movida.

In un altro, invece, 20 kg di pesce sequestrato perché non tracciabile, violazioni in materia antincendio e sanificazione dei locali.

Controllati anche sei lidi balneari ma qui non sono emerse violazioni, diversamente da quanto avvenuto in tre locali del centro che, alle 3 di notte, restavano aperti e vendevano cibo e bevande. Per loro sanzione da 400 euro e proposta di sospensione dell’attività da 5 a 15 giorni, per la violazione dell’ordinanza sindacale che prevede la chiusura alle 2. Cinque verbali anche per occupazione abusiva del suolo pubblico.

Infine è stata fermata e identificata una donna, responsabile di aver aggredito una verificatrice in servizio a bordo di un autobus dell’Atm.

“Le pessime condizioni di conservazione degli alimenti che sono state riscontrate in un noto locale confermano la necessità di intensificare questi controlli anche perché, con l’aumento delle temperature, aumenta proporzionalmente il rischio di intossicazioni alimentari – dice l’assessore Dafne Musolino -. Importante anche evitare assembramenti, il divertimento notturno non può andare a discapito della salute pubblica, con il rischio di creare pericolose occasioni di diffusione del contagio da coronavirus. Stanno già partendo le prime notifiche dei provvedimenti di sospensione per i locali sanzionati la settimana scorsa, alle quali si aggiungeranno quelle dei locali di questa settimana. Come sempre non c’è alcuna volontà punitiva da parte dell’Amministrazione ma una ferma responsabilità per la tutela della salute della collettività”.

4 commenti

  1. bonanno giuseppe 20 Luglio 2020 09:25

    ma chiudiamoli …le sole multe o solo proposte di chiusura addaveni….fanno un baffo a questi nciuriati “imprenditori”

    21
    0
  2. Viste le foto, sarebbe anche giusto dire il nome dei locali… qui si mette a rischio la salute del cittadino… delinquenti!!!!

    24
    0
  3. Vergogna! Devono chiudere e basta! Incoscienti. Li manderei a spalare letame in campagna no nei locali.
    Chiusura perenne per sempre! E ritiro della licenza. E i cittadini, da persone responsabili, denuncino questi incoscienti.
    Nessuna pietà per nessuno.

    7
    0
  4. Flebile speranza 21 Luglio 2020 19:10

    Grazie De Luca & Co, finalmente un po’ di ordine. Continuate così, educate Tutti i messinesi al rispetto delle norme, tutelate la salute pubblica e punite duramente i furbetti. Controllate le licenze, troverete decine di attività che fanno tutt’altro rispetto alla autorizzazione ricevuta. Non mollare!

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007