Messina: ci siamo negati la Bellezza. Riprendiamocela - Tempo Stretto

Messina: ci siamo negati la Bellezza. Riprendiamocela

Rosaria Brancato

Messina: ci siamo negati la Bellezza. Riprendiamocela

domenica 09 Giugno 2019 - 07:10
Messina: ci siamo negati la Bellezza. Riprendiamocela

#bandadellaFalce - Per mezzo secolo ci siamo negati alla Bellezza. Organizziamo un grande evento per riprenderci il nostro Paradiso

La differenza tra il mondo reale e quello virtuale sta tutta nei numeri della partecipazione all’evento “Scatta lo Stretto (vedi qui) e le iscrizioni ed i like al gruppo della #BandadellaFalce. I like avrebbero lasciato presagire “l’invasione pacifica” di uno straordinario scorcio di sabbia e di mare per dire basta alla vergogna. Così non è stato.

Ma in fondo, come in ogni battaglia, l’importante è che ognuno di noi si alzi in piedi senza guardare se è solo o in compagnia. Ogni cambiamento inizia nel cuore di un singolo uomo e poi diventa contagioso.

Sulla Falce le responsabilità originarie non sono nostre, noi semmai siamo i sarti che vogliono mettere le toppe, i sognatori che immaginano un futuro diverso, i raccoglitori di “mmunnizza” che tolgono quel che una classe dirigente scellerata ha lasciato più di mezzo secolo fa.

Le responsabilità originarie stanno in capo a chi, 50, 60 anni fa, ha preso il più grande tesoro che avevamo e lo ha trasformato così come si usano le perle per darle in pasto ai porci. Avevamo il Paradiso ma è stato destinato ad altro. C’era un inceneritore, un campo nomadi, c’erano discariche, non sappiamo quanti e quali veleni siano finiti sotto i nostri piedi. Ci siamo negati la bellezza.

Avevamo pezzi di storia, le mura della Città, il Forte di San Salvatore, la Cittadella, la Lanterna del Montorsoli, avevamo chilometri di costa su un mare limpido e un orizzonte mozzafiato che non ha eguali al mondo.

Avevamo tutte le forme di bellezza abbracciate: natura, storia, arte, cultura. Lì, sotto il nostro naso. E che hanno fatto i nostri nonni e bisnonni?

Hanno creato musei, parchi naturali, lidi, attività turistiche, valorizzato la Falce?

Ovviamente no. E’ come se avessero agito bendati, in balìa di chissà quali mani, privi di una reale strategia politica. Hanno lasciato che ognuno facesse quello che voleva.

Ed anche l’unica vocazione naturale, la cantieristica, che aveva fatto di Messina un polo mondiale, è stata fatta agonizzare.

Tra veleni, sequestri, abusivismo, abbandono, inerzia, degrado, mezzo secolo dopo ci ritroviamo a tentare di costruire una nuova pagina di storia sul deserto.

E’ questa la nostra responsabilità ADESSO: ribaltare il tavolo ed invertire la rotta.

Da cittadini abbiamo una sola arma: martellare quotidianamente le istituzioni, proporre, pretendere, non mollare.

Al di là del Patto della Falce, arrivato con estremo ritardo rispetto a decenni di passerelle e promesse, dobbiamo trovare ogni strada ed ogni mezzo per riprenderci la bellezza.

Ci sono istituzioni che si stanno muovendo. L’Autorità Portuale ad esempio sta operando in questa direzione, per quanto di sua competenza. Conoscendo il commissario De Simone sono certa che #staconlabandadellafalce e sta dalla parte della bellezza. L’unico a rispondere all’evento Scatta lo Stretto è stato il sovrintendente del Teatro Gianfranco Scoglio, che ha fatto una proposta semplicissima eppure straordinaria: mettere a disposizione un palco per “incastonarlo” in quel pezzo di Paradiso.

Dietro le quinte adesso sono in tanti che si stanno muovendo per strappare quel lembo di terra ridotta a brandelli e trasformarla in un tessuto prezioso.

Ma è un lavoro immane e occorrono sinergie, senza invidie, individualismi, cappelli da mettere, senza rancori, campanilismi, vendette trasversali. Senza burocrazia.

Siamo l’unico Paradiso al mondo che si è travestito d’inferno.

Penso che la nostra unica vocazione sia quella turistica. Di un turismo a tutto tondo, che include natura, arte, cultura, storia, enogastronomia, sport. Ma viviamo come se fossimo una città senza identità né vocazione.

E’ come avere in casa un dipinto di Picasso e metterlo nel cantinato in mezzo alle cose da vendere al mercatino dell’usato. E’ come avere Caravaggio e Antonello da Messina al Museo e non valorizzarli (ops……già accade……). E’ come avere una struttura fieristica che affaccia sullo Stretto, sguardo rivolto alla Madonnina e non usarla per decenni ostacolando bandi e iniziative (ops…. Già accaduto….).

Dobbiamo tornare a guardare il mare come un fratello, un padre, e non come nemico.

Dobbiamo ricominciare da lì, dalla bellezza. Organizziamo un evento che lasci tutti a bocca aperta, che faccia strabuzzare gli occhi, che abbia eco ovunque e sia l’inizio di una nuova storia. La nuova vita della Falce.

Mettiamoci al lavoro, insieme, ricominciamo da lì, dove c’è l’essenza della nostra identità

#donnasarinastaconlabellezza

Rosaria Brancato

Tag:

7 commenti

  1. Alfio Ardizzone 9 Giugno 2019 08:57

    Condivido in tutto. Ma bisogna lavorare sulla testa dei messinesi e poi, solo dopo, si potranno ottenere risultati positivi. È necessario che ogni cittadino capisca che questa meravigliosa città appartiene a tutti e deve essere amata. Basta poco, solo un maggiore senso civico da parte di tutti noi e un lavoro serio da parte di chi amministra, il resto lo ha dato la natura.
    A.A.

    4
    0
  2. Carmelo Salvo 9 Giugno 2019 09:49

    Cara Rosaria,
    Messina prima di riprendersi la grande bellezza, deve acquistare senso e orgoglio di comunità. Mettendo da parte, come dici tu, invidie, campanilismi e ignavia. A cuppa non è du Comuni, du sinnucu, di politici. O per meglio dire, non è solo loro. Ho visto un servizio su Giostra, il mio quartiere. Tutti a lamentarsi, giustamente, delle istituzioni per l’incuria e l’abbandono. Ma chi ha buttato di tutto e di più nell’area recintata dove una volta c’erano le baracche? Chi ha bruciato e brucia i cassonetti da munnizza? Senza questo amore “vero” per Messina, che non può esserci solo il tempo di una partita di calcio, o di una giornata di mezz’agosto quannu c’è a Vara, sarà difficile riuscire a riappropriarsi di quella bellezza unica che ha la nostra città.
    Una bellezza struggente che, permettimi, fa più male non veder splendere a chi vive a oltre mille chilometri di distanza.

    4
    0
  3. Hai ragione TURISMO TURISMO E BELLEZZA

    0
    0
  4. Condivido pienamente il tutto.
    Sembra una pazzia ma mi permetto di proporre un evento con tenori, approfittando del successo del giovane Alberto di Amici, anche se detesto la de filippi, con altri tenori gia affermati nel nostro scenario unico al mondo.
    Sarebbe veramente un evento che avrebbe una eco vastissima.
    Condivido con Carmelo Salvo il pensiero che, per noi che viviamo ormai a parecchie centinaia di km dalla nostra “terra santa”, fa ancora più male.
    Ma dico da qualche tempo a mia moglie ed ai miei figli che ho la sensazione che la rinascita della nostra meravigliosa ed unica città è partita FINALMENTE.
    Impegniamoci tutti però, vicini e lontani.

    0
    0
  5. Ora il campo Nomadi si è spostato sulla litoranea zona Nord…..e nessuno se ne occupa….mi vergogno di essere messinese…Sindaco e Vigili inesistenti

    61
    0
  6. I siti UNESCO sono una forte attrattiva per il turismo di cui la nostra città ha disperato bisogno. Nessuno dei nostri amministratori negli anni trascorsi si è mai fatto promotore di sottoporre a questo organismo internazionale la candidatura della riserva naturale di Capo Peloro un posto forse unico al mondo: avere il paradiso a portata di mano e preferire andare all’inferno (dove manderei volentieri i nostri amministratori dal cervello molto piccolo)

    0
    0
  7. ” martellare quotidianamente le istituzioni, proporre, pretendere, non mollare”. Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese.( J.F.K.) Basta dare la colpa ad altri. Quando lasci la spazzatura in spiaggia, devasti un lampione, rompi un pianoforte pubblico, caghi in una piscina comunale… Non sei pronto per proporre un cambiamento. Il cambiamento viene da dentro. Devi prima imparare a fortissimamente amare la tua città.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007