Messina. Da "non lo faccio più" a "non sono stato io", le assurde scuse di chi getta i rifiuti in strada - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Da “non lo faccio più” a “non sono stato io”, le assurde scuse di chi getta i rifiuti in strada

Marco Ipsale

Messina. Da “non lo faccio più” a “non sono stato io”, le assurde scuse di chi getta i rifiuti in strada

giovedì 08 Luglio 2021 - 11:54

Chi dice di non essere residente a Messina e chi di avere fatto una cortesia a una persona anziana...

“E’ stata la prima ed ultima volta”. Come si giustificano i cittadini che vengono scoperti a lasciare i rifiuti in strada? Le spiegazioni sono le più svariate, alcune farebbero anche ridere se non fosse che da ridere c’è ben poco.

Da quando la raccolta porta a porta è stata estesa a tutto il territorio, la città è più sporca di prima, anche perché c’è chi non vuole adeguarsi e abbandona i rifiuti indifferenziati ovunque. Le fototrappole, però, sono in agguato.

Così c’è chi dice che non lo farà più e chi, beccata ad abbandonare due sacchi di rifiuti di fronte ad un supermercato, si giustifica dicendo di avere fatto “una cortesia ad una persona anziana”.

E’ il sindaco Cateno De Luca a fornire un campionario delle scuse fornite e a commentarle. C’è anche una persona sincera, che ammette di aver compiuto “un atto di leggerezza”, ma chi non si arrende neanche di fronte all’evidenza: “Non sono residente a Messina, non ha la facoltà” – ha detto una persona a un vigile urbano che l’aveva fermato. Come se i non residenti potessero gettare i rifiuti in strada.

Una persona ha abbandonato i rifiuti sulla strada statale 113. Dentro c’erano documenti personali che ne hanno consentito l’identificazione. Agli agenti che lo hanno verbalizzato ha detto: “Non sono stato io, è stato il mio domestico”. Ma la multa la dovrà pagare lui.

Tag:

6 commenti

  1. Quando nell’articolo si afferma ” la città è più sporca di prima ” , a cosa si riferisce quel …. di prima —- ?

    5
    3
  2. La mia esposa stava al fiume señor, a lavare… un gringo l’aggredì e la voleva… e ho corso in suo aiuto… avevo il coltello… quello mi guarda con gli occhi spalancati e muore… nel cadere avrà battuto la testa… io gli ho dato solo qualche coltellata

    0
    0
  3. Oggi all’altezza dell’uscita boccetta, direIone palermo, in autostrada hanno buttato un divano…. Stanno oltrepassando ogni limite e non capisco
    Che Problemi hanno…

    13
    0
  4. E c’è chi contesta De Luca per la violazione della privacy. Alla gogna li metterei in modo che tutti li possano vedere. E che siamo stati abituati con le precedenti amministrazioni al “volesse bene” a discapito di chi paga le tasse, con gli aumenti, perché ci sono sempre i furbetti che la vogliono fare o la fanno franca.

    4
    1
  5. capite perche messina non dovrebbe esistere più.

    0
    0
  6. messina è la monnezza di italia e del mondo

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x