Messina. Dal Palagiustizia al mercato a Giostra le scelte del sindaco accendono il dibattito - Tempostretto

Messina. Dal Palagiustizia al mercato a Giostra le scelte del sindaco accendono il dibattito

Marco Olivieri

Messina. Dal Palagiustizia al mercato a Giostra le scelte del sindaco accendono il dibattito

giovedì 22 Settembre 2022 - 17:00

Federico Basile alle prese con nodi strutturali: quale idea di città prevarrà?

MESSINA – Le scelte del sindaco Basile accendono il dibattito su quale idea di città debba prevalere. Ieri l’annuncio sul Palagiustizia da destinare negli immobili ex Cassa di Risparmio ed ex Banca di Roma. E il giorno prima la precisazione sul provvedimento imminente riguardante gli ambulanti, che chiedono lo spostamento del mercato dall’area Mandalari a Giostra. Tematiche che scatenano i nostri lettori e le nostre lettrici. E che raccontano quanto ogni scelta incida, come scelta strategica, sul futuro di Messina e su quale direzione dare a una realtà ancora troppo condizionata dalla dipendenza dall’auto e con spazi cittadini nei quali manca l’armonia tra spazio urbano e qualità della vita.

“Io sono il sindaco di tutti e le istanze personali devono essere inquadrate nell’interesse della città”

Lo stesso Federico Basile, parlando del confronto con gli ambulanti, ha evidenziato il nodo della questione: “I mercatali, correttamente, in base alla loro visione, cercano spazio su strada. Abbiamo trovato una soluzione tampone che deve essere condivisa, ma vedremo se va bene per la città. Io sono il sindaco di tutti i cittadini e le istanze personali devono trovare una completa localizzazione nell’interesse della città”.

Una frase chiave che sintetizza il senso dell’amministrare e la necessità di trovare un equilibrio tra opposte e legittime istanze. Equilibrio tra le richieste degli operatori economici e l’interesse a salvaguardare viabilità e condizioni igienico-sanitarie in strada, ad esempio. Tocca a chi ha responsabilità politiche la scelta finale, che non sempre potrà accontentare tutti.

Liberare gli spazi congestionati: una visione di città da sostenere

“Liberare” la città dalle auto e dall’eccessiva occupazione degli spazi significa concepire una Messina con servizi e uffici decentrati. Significa soprattutto, in linea con le dichiarazioni dell’assessore Mondello e dello stesso Basile, pensare a un’altra idea di città, incentrata sui mezzi pubblici e sulla possibilità di valorizzare edifici storici chiusi da tempo. Una rivoluzione culturale, insomma.

Il sindaco Basile interpreta il suo ruolo con serietà ma immaginare una città alternativa si traduce nel verificare se possano esistere soluzioni alternative a un Palagiustizia in pieno centro, osservano alcuni nostri lettori. Da amministratore pragmatico, magari, il primo cittadino non aveva alternative, in questa occasione. Ma oggi alla politica si chiede uno sforzo in più per far prevalere una città invisibile, per citare Calvino, ma che in prospettiva possa prendere corpo.

Probabilmente, nel caso specifico, ha ragione il nostro redattore Marco Ipsale: non è la soluzione ideale ma la destinazione del Palagiustizia è la più praticabile nella situazione concreta. Rimane importante però che non si perda un’idea alternativa di città. Una nuova idea di città che va trasmessa a noi cittadini. Cittadini di una realtà dove traffico, scarsa cura del territorio, crisi economica e sociale, scelte dissennate sul piano urbanistico hanno provocato un crollo della qualità della vita negli ultimi decenni.

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. Credo che la realizzazione di un mercato stabile in strada di fianco a quello che in realtà é uno svincolo autostradale sia proibito dal Codice della Strada

    11
    0
  2. salvatore giambò 22 Settembre 2022 18:41

    Ottima analisi, complessa ed equilibrata

    4
    1
  3. …Messina arriva buon’ultima, come è prassi, a concepire una città alternativa… come del resto è avvenuto in tante altre città di Italia e del Mondo… con risultati scarsissimi che a Messina diventano utopici non soltanto per mancanza di coraggio propositivo e concreto , ma soprattutto per mancanza di quattrini… volete un parere di tipo militare : estirpare le erbacce che deturpano il territorio ed estirpare la mala educazione dei cosi detti automobilisti … in quanto all’uso del mezzo pubblico può essere che tra due tre anni l’azienda debba dichiarare fallimento per scarsa frequentazione … in questo momento fiorisce una nuova idea di città, ma è soltanto una idea bella attraente, ma priva di contenuti … provate a darle corpp, poi ne parliamo !!!

    4
    2
  4. Buongiorno a tutti, ovviamente c’è chi è più idoneo di me a dare consigli, però pensavo, la Passeggiata a mare, che è nel massimo del suo degrado, con dossi e cunette create da radici di alberi sotterranei, lunghi più di dieci metri, e foglie è semi-utilizzabile solo per qualche pensionato per pescare, io direi, …tonto, persa per persa, si potrebbe fare il Mercatino rionale, non so, è solamente un mio pensiero, buon giorno a tutti.

    1
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007