Messina, il buco nell'acqua dei Consorzi di Bonifica, persi 10 mln del Pnrr - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, il buco nell’acqua dei Consorzi di Bonifica, persi 10 mln del Pnrr

Alessandra Serio

Messina, il buco nell’acqua dei Consorzi di Bonifica, persi 10 mln del Pnrr

giovedì 07 Ottobre 2021 - 07:00

Sono tre i progetti che riguardano il messinese nel “pacchetto” delle prime 61 richieste della Sicilia per intercettare i fondi del Pnrr, bocciate per “insufficienza progettuale”. Anche per la nostra provincia si tratta dei progetti dei Consorzi di Bonifica, tutti della zona dell’Alcantara. In fumo sono andati oltre 10 milioni di euro complessivi.

Il primo intervento, da 5 milioni 730 mila euro, era stato presentato dal Consorzio di Bonifica 11 Messina e riguardava la razionalizzazione del sistema irriguo delle acque superficiali del fiume San Paolo nei comuni di Francavilla di Sicilia e Motta Camastra. Il secondo stralcio del progetto, risalente alla fine degli anni ’90, era stato rivisto e “reso” esecutivo.

Stessa dinamica per gli altri due progetti dello stesso Consorzio di Bonifica 11: 3 milioni di euro per gli interventi di miglioramento e razionalizzazione dei sistemi di adduzione e distribuzione progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua fascia etnea valle dell’Alcantara (progetto esecutivo).

Infine 2 milioni 32 mila euro per il Progetto degli interventi di miglioramento e razionalizzazione dei sistemi di adduzione e distribuzione irrigui esistenti, con sostituzione delle reti secondarie e terziarie comiziali dell’impianto irriguo consortile “Piana Moio” nel comune di Moio Alcantara.

Sono 422 i milioni di euro “andati in fumo” per la Sicilia, con i progetti bocciati dal Ministero dell’Agricoltura per carenza progettuale: in circa la metà non era indicato correttamente il bando, nell’altra metà mancava il canale di finanziamento individuato.

Il Governatore Musumeci ha parlato di penalizzazione del Sud. Ma i criteri progettuali, predefiniti, erano stati concertati con le Regioni. Il 20 settembre scorso era l’ultima data per proporre eventuali osservazioni, c’erano 10 giorni di tempo. Un altro appuntamento che la Regione siciliana sembra aver mancato.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. E dire che i siciliani ci si sono ammazzati per eleggere questo governatore e questi rappresentanti.
    Micciche’ intanto pensa alla sua pensione da 400€ al mese.

    4
    0
  2. Praticamente il governo ha bocciato i progetti della Regione perchè non corrispondenti ai requisiti richiesti. Quindi progetti non credibili! E inoltre hanno anche trovato una carenza nei progetti, superficialità e improvvisazione. Ora Musumeci invece di prendersela con quei cialtroni che ha alla Regione, se la prende con il governo. Vedete che gente che abbiamo in Sicilia. Non sanno neppure compilare i moduli per ottenere i finanziamenti. Questa è la professionalità e la preparazione di questi personaggi. Gente insignificante, impreprata, buona solo a perceperire lauti stipendi rubati alla collettività che purtroppo li vota e si fa rappresentare da questi miserabili cialtroni!

    6
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x