Messina, il Clan Off cala il sipario in via Trento. Ma vuole riaprire altrove - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, il Clan Off cala il sipario in via Trento. Ma vuole riaprire altrove

Emanuela Giorgianni

Messina, il Clan Off cala il sipario in via Trento. Ma vuole riaprire altrove

martedì 08 Settembre 2020 - 17:30
Messina, il Clan Off cala il sipario in via Trento. Ma vuole riaprire altrove

In via Trento non c’è più il Clan Off Teatro. La compagnia teatrale abbandona la sua storica sede, ma promette: “probabilmente non ci fermeremo mai”

In via Trento non c’è più il Clan Off Teatro. L’Associazione Culturale il Clan degli Attori è stata costretta ad abbandonare la storica sede a causa di motivi economici. L’emergenza sanitaria ha dato il colpo di grazia e, non riuscendo a trovare sostegno nei proprietari dello stabile, l’unica soluzione è stata consegnare le chiavi e far calare il sipario su quello spazio magico e suggestivo.

Ma la compagnia non perde la speranza, promette infatti: “probabilmente non ci fermeremo mai”. E lo speriamo anche noi.

La bellezza non va via

“Dentro, quando tutto era già vuoto, abbiamo continuato a respirare gli anni trascorsi lì. Anni di cose fatte, di cose accolte, di vita vissuta e costruita all’insegna di quella bellezza che ha mosso ogni nostro passo.

Eravamo e siamo anche adesso convinti che ovunque dimori bellezza le pareti sappiano trattenerla, al di là persino di noi che vorremmo portarcela dietro, trasferirla altrove” riporta il comunicato della compagnia teatrale.

Nuove sfide

“Questa città ne ha bisogno, voi che l’avete accolta a braccia aperte, noi ne abbiamo bisogno. Abbiamo consegnato le chiavi di via Trento mentre lavoravamo alla rassegna estiva al Museo di Messina. E non crediamo sia stato un segno del destino, piuttosto teatro che ingaggia nuove sfide, che sta bene dovunque, che si adatta meglio di noi ai tempi, alle circostanze, ai cambiamenti necessari. Mentre noi ricordiamo ogni istante del Clan Off, dai giorni coraggiosi in cui tutto è cominciato a quelli altrettanto coraggiosi della chiusura. Quando il bilancio stilato, dopo l’emergenza sanitaria, ci aveva già suggerito cosa fare. Quando ci siamo ritrovati soli a raccogliere i cocci del lavoro mancato, di quello andato in fumo.

Nessuna mano tesa

Solo non era più sostenibile restare legati ad uno spazio oltre le possibilità nostre e, più in generale, del teatro indipendente che conta su ciascuno di voi e su nessun altro. Avemmo voluto che le persone presso la cui proprietà avevamo deciso di stabilire la nostra sede e che abbiamo fortemente provato a contagiare con la nostra passione, potessero comprendere le oggettive difficoltà del momento e tenderci, almeno nel breve periodo, quella mano di cui il teatro ha sempre bisogno. Così non è stato purtroppo”.

Il teatro non è uno spazio fisico

“Sappiamo bene quanto sia in salita la strada e lo sappiamo perché le uniche discese delle quali abbiamo sempre beneficiato sono stati i vostri occhi, i vostri applausi innanzi alla bellezza che avevamo predisposto per voi. E no, non vorremmo mai privarvene.

Scriviamo pieni di tutte le sensazioni che potete immaginare. Un’insegna in meno a Messina richiede d’essere condivisa con tutta la cittadinanza, un’insegna grazie alla quale si sono trascorsi momenti che esigono d’essere custoditi nella nostra memoria.

Il teatro non è uno spazio fisico. Il teatro trascende i perimetri dentro cui lo accogliamo, lo diciamo a voi e a noi, che abbiamo bisogno, oggi più che mai, di tenerlo ben a mente” conclude il comunicato.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x