Messina. Il successo de “La settimana dello studente” al Liceo Archimede - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Il successo de “La settimana dello studente” al Liceo Archimede

Emanuela Giorgianni

Messina. Il successo de “La settimana dello studente” al Liceo Archimede

venerdì 18 Dicembre 2020 - 07:27
Messina. Il successo de “La settimana dello studente” al Liceo Archimede

130 conferenze con grandi ospiti, tanta partecipazione, e forte inclusività.

Al Liceo Scientifico e Linguistico Archimede, dal 16 al 18 dicembre, si svolge “La settimana dello studente”, cogestione fatta da alunni, docenti e ospiti esterni che sostituisce alle attività didattiche incontri, conferenze e dibattiti.

130 conferenze a distanza

La settimana dello studente torna, finalmente, all’Archimede dopo tre anni, e ottiene sin dalla prima giornata un enorme successo, nonostante le difficoltà che in molti credevano potesse dare la gestione a distanza dei vari eventi. Non è facile, infatti, realizzare tramite della dad un evento dalla così ampia partecipazione, ma l’organizzazione del Liceo è stata impeccabile. Grazie all’aiuto del team digitale, vengono trasmesse circa 40 conferenze al giorno, 130 in tutto, con un moderatore per ognuna di esse e due supervisori.

Un sondaggio erogato a studenti, referenti e professori ha dimostrato come tutti i riscontri siano positivi e soddisfatti.

E l’iniziativa continuerà in tre giornate da scegliere durante il mese di febbraio.

Gli ospiti

A garantire l’alta qualità della settimana dello studente è anche la presenza di ospiti illustri, la cui partecipazione è stata in questo caso semplificata proprio dalla gestione telematica degli incontri.

Nomi come: Nadia Terranova, scrittrice messinese finalista alla 73ª edizione del premio Strega; Elisabetta Cavazzuti, astrofisica dell’Agenzia Spaziale Italiana, protagonista da oltre 20 anni delle missioni; Filippo Giardina, comico satirico, che parlerà di come internet ha cambiato la storia dell’umanità; Pietro Morello, musicista diventato noto grazie a Tik tok; Valentina Savi, illustratrice, che sta trasformando il mondo dei social network con le sue bellissime illustrazioni; Jacopo Mele, fondatore di Aurora, tra gli under 30 più influenti delle politica Europea; e ancora Anna Maria Garufi a parlare di tossicodipendenze; Giusi Squillaci e Alessia Ballato a parlare di violenza di genere; Svevo Moltrasio, Letizia Lucca, Francesco Pira e tantissimi altri.

Incontri che affrontano tante tematiche diverse, incontrando qualsiasi passione dei ragazzi, come rappresenta bene il logo della settimana, creato dallo studente Alberto Imprescia.

Inclusione

Incontri che mettono d’accordo tutti i gusti e fanno sì che ci si senta inclusi, qualsiasi passione particolare si coltivi.

“Se potessi riassumere la settimana dello studente con una parola chiave, quella sarebbe ‘inclusione‘: ciascuno può prendere parte alle conferenze che rispecchiano le proprie inclinazioni, o può tenerle lui stesso. Spesso, durante la didattica tradizionale, a tali macroargomenti non viene dedicato spazio; da qui deriva l’idea da cui siamo partiti: la scuola non deve essere solo nozionistica, ma deve essere anche dibattito, ascolto, confronto, dialogo; trovo importante parlare di tutto quello che, oltre i programmi scolastici, ci aiuta a stimolare la tensione creativa e a formare uno spirito critico, ascoltando, assorbendo e imparando nuove cose, di cui potremo far frutto in futuro, diventando consapevoli e responsabili cittadini del mondo” dichiara Giuliana Pecora, rappresentante degli studenti.

D’accordo con Giuliana è anche il suo collega rappresentante Giulio Martella: “la settimana dello studente rappresenta per noi e per il nostro liceo un momento di crescita e di educazione (dalla radice latina del termine, ex-ducere); un’organizzazione capillare, resa possibile anche dalla stretta collaborazione con la dirigenza e con il corpo docenti, che punta a creare un momento alieno dalla quotidianità scolastica e ad aggiungere un quid fondamentale, che possa offrire a tutti un’opportunità, uno sguardo sul mondo e su sé stessi. Ogni studente ha la possibilità di curare le proprie passioni e le proprie inclinazioni e contemporaneamente fare gruppo, rete e trovare una comunità di compagni con lo stesso interesse su cui basare rapporti umani e con i quali crescere insieme”.

Lavoro di squadra

Marchio di fabbrica de “La settimana dello studente” è stata la grande collaborazione e sintonia tra studenti e alunni che ha garantito la buona riuscita del tutto.

A loro rivolge, infatti, i suoi ringraziamenti il rappresentate Fabrizio Metro: “ringrazio  gli alunni che prendendone parte l’hanno resa possibile; ringrazio tutti i docenti, che ci hanno dato continuo supporto e con i quali è stato bellissimo collaborare, sempre in grande armonia; e ringrazio, soprattutto, la dirigenza. Grazie alla dirigente Laura Cappuccio per la sua disponibilità; dopo tre anni, ci ha permesso di riportare a scuola un’iniziativa così importante, ci ha sostenuto, aiutato e ha visto quanto impegno ci abbiamo messo. Ci ha lasciato aprire la mente con conferenze che vanno oltre il programma scolastico e permettono a tutti di alimentare le proprie passioni, realizzando quello che dovrebbe essere il significato vero di scuola, e tenendo alto il nome del nostro Liceo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x