Messina. L'equilibrio finanziario c'è o no? I quesiti (senza risposta) del M5s - Tempostretto

Messina. L’equilibrio finanziario c’è o no? I quesiti (senza risposta) del M5s

Giuseppe Fontana

Messina. L’equilibrio finanziario c’è o no? I quesiti (senza risposta) del M5s

venerdì 13 Agosto 2021 - 09:09

Dalle domande del consigliere Mangano, che ha abbandonato l'Aula per protesta, alle condizioni dei revisori prive di risposta: i dubbi del gruppo consiliare

MESSINA – Al quarto tentativo, il riequilibrio di bilancio ha trovato l’approvazione del consiglio comunale ma le polemiche (e le domande) non accennano a placarsi. Il Movimento 5 stelle, che ieri ha votato contro la delibera al pari di Pd e Sicilia Futura, ha “perso” proprio al momento della votazione un consigliere, Paolo Mangano, che ha abbandonato per protesta l’Aula dopo non aver ricevuto risposte “soddisfacenti” ai propri quesiti. Lo stesso Mangano parla della vicenda in una nota del movimento: “Ho posto dei quesiti al ragioniere generale e al collegio dei revisori dei conti del Comune in merito a due ratifiche di consiglio comunale ferme in commissione, precisamente la delibera numero 362 e 408”. Le due proposte, della Giunta comunale presentante al consiglio, entrambe precedenti alla delibera di ieri e in attesa di essere esaminate entro i 60 giorni da regolamento, riguardano entrambe variazioni urgenti al bilancio di previsione 2021/2023. Nello specifico, rispettivamente parlano di 2,5 milioni di euro a copertura di debiti fuori bilancio e di poco più di 500mila euro da destinare a centri estivi.

Le domande di Mangano e le condizioni dei revisori per l’equilibrio

“In particolare”, spiega Mangano, “chiedevo come si intrecciassero le delibere di ratifica con la proposta di oggi e gli effetti nel merito nel caso in cui queste ratifiche non venissero approvate. Non avendo ricevuto una risposta soddisfacente da parte del ragioniere generale (la risposta non è stata fornita), continuando ad avere dubbi sulla delibera, ho deciso di abbandonare l’aula”. Dubbi che il consigliere ha al pari dei colleghi di partito, che a margine della sessione straordinaria di lavori hanno diramato una nota in cui evidenziano anche l’assenza di risposte a due condizioni sottolineate dai revisori nella prospettiva degli equilibri finanziari, “sapere se gli equilibri di bilancio dell’azienda (Messina servizi, ndr) siano corretti allo stato attuale e verificare eventuali debiti fuori bilancio”.

L’esito non pervenuto

“Due quesiti ai quali i vertici della società partecipata non hanno risposto, limitandosi a garantire l’intenzione di raggiungere l’equilibrio finanziario, che non è stato quindi raggiunto”. Ma i consiglieri del Movimento 5 stelle non si fermano e insistono: “Per di più in aula, alla nostra richiesta sull’esito del secondo quesito posto nella nota del collegio dei revisori in merito alla verifica di eventuali debiti fuori bilancio da parte della società dei rifiuti, ci è stato confermato dal presidente del Consiglio che nessun esito è pervenuto all’ufficio di presidenza. Nessuna risposta”. Una vera “contraddizione” secondo il gruppo consiliare, perché “l’Amministrazione ci chiede di prendere atto di un fatto che MessinaServizi smentisce”. Per questo il Movimento 5 stelle ha votato contro la proposta di delibera.

Tag:

Un commento

  1. M5s ormai siete alla fine. Questa sarà l’ultima legislatura dopodiché andrete via dalla stanza dei bottoni. Con Conte avete raggiunto il minimo storico e non riemergerete più

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007