Meteo Sicilia: passaggio temporalesco da non sottovalutare - Tempo Stretto

Meteo Sicilia: passaggio temporalesco da non sottovalutare

Daniele Ingemi

Meteo Sicilia: passaggio temporalesco da non sottovalutare

mercoledì 28 Agosto 2019 - 11:17
Meteo Sicilia: passaggio temporalesco da non sottovalutare

Arriva aria instabile da ovest, si formeranno diversi temporali, ma la loro distribuzione sarà irregolare sul territorio

Non si tratterà di una vera e propria perturbazione organizzata. Ma basterà il passaggio di una modesta “discontinuità della troposfera” (si tratta di un’area caratterizzata da valori di vorticità più elevati rispetto l’ambiente circostante) sul basso Tirreno per riuscire a bucare il campo di alta pressione stagnante sul Mediterraneo, favorendo l’instabilizzazione della colonna d’aria, con il conseguente sviluppo di temporali sparsi, sia sulla terra ferma che in mare.

Difatti, nella giornata di domani, giovedì 29 agosto, la traslazione verso levante di questo soggetto sinottico apporterà condizioni di instabilità, a tratti marcata, su buona parte del territorio siciliano, con piogge, rovesci e temporali sparsi. Purtroppo in queste circostanze l’enorme serbatoio di “energia termica” della superficie marina (indice CAPE fino a 3500 J/kg), potrà, localmente, esacerbare lo sviluppo di imponenti annuvolamenti cumuliformi (alti più di 12 km), forieri di rovesci e temporali isolati.

Credit Meteogiornale

Alcuni di questi temporali, dopo essersi sviluppati sulle aree montuose dell’entroterra tenderanno a sconfinare sulle coste del palermitano e del messinese tirrenico, dando luogo a brevi ma intensi acquazzoni, accompagnati da fulminazioni e colpi di vento che accompagneranno i temporali. Qualche fenomeno nel pomeriggio potrebbe sconfinare pure sulla riviera ionica, mentre l’area dello Stretto dovrebbe vedere molte nubi ma essere meno coinvolta, visto la presenza di una ventilazione sud-occidentale in quota (secondo le ultime simulazioni dei modelli).

Nel cerchio nero l’area dove dovrebbe svilupparsi il sistemo convettivo a mesoscala (in gergo tecnico MCS)

Come già sottolineato più volte le energie in gioco sono davvero enormi (mare caldo e aria calda e umida nei bassi strati), quanto basta per poter generare una fenomenologia temporalesca sparsa, in grado di scaricare significativi accumuli pluviometrici su una determinata località, mentre quelle limitrofe, anche a meno di 2 km, potranno rimanere a secco o vedere solo brevi scrosci di pioggia. Solo dalla tarda serata/notte di domani il tempo andrà a migliorare, con l’apertura di ampie schiarite.

Da venerdì 30 agosto il tempo andrà lentamente a migliorare con l’apertura di ampi spazi soleggiati, sia sulle coste tirreniche che lungo lo Stretto di Messina. Nel pomeriggio però dei temporali di calore si potranno sviluppare sui rilievi dell’entroterra, fra Nebrodi, Peloritani meridionali ed Etna. Questi fenomeni scivoleranno verso le coste del catanese e messinese ionico, prima di diradarsi in mare molto rapidamente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007