Miccichè: "Pd e M5S saltimbanchi. F.I. distante da Papeete e bibitari" - Tempo Stretto

Miccichè: “Pd e M5S saltimbanchi. F.I. distante da Papeete e bibitari”

.

Miccichè: “Pd e M5S saltimbanchi. F.I. distante da Papeete e bibitari”

. |
martedì 27 Agosto 2019 - 08:42
Miccichè: “Pd e M5S saltimbanchi. F.I. distante da Papeete e bibitari”

"L'unica via è tornare al voto. Forza Italia è un pezzo di storia e può guidare un futuro governo"

Di seguito la lettera del presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè sull’attuale situazione politica nazionale e sulla crisi di governo

Egregio direttore,
da giorni assistiamo ad un dibattito acceso, sia nei corridoi dei Palazzi che fuori, tra la gente, su quale sia la strada migliore per dare un governo stabile al Paese.C’è chi invoca un ritorno alle urne e c’è chi spinge per trovare convergenze tra le attuali forze in Parlamento. I primi non comprendono che quanto sta accadendo è pura normalità. La democrazia parlamentare in Italia funziona proprio così: i cittadini non votano un Governo, ma eleggono parlamentari sulla base delle loro proposte politiche. I rappresentanti delle forze elette salgono quindi al Quirinale e attorno ad un programma e ad una rosa di candidati, ricevono l’incarico di formare un governo attorno al quale si possono formare e disfare maggioranze nel corso della legislatura. Di fronte all’impossibilità di convergere su un programma e una squadra di governo, il Presidente della Repubblica può optare per un ritorno alle urne, ma è sempre e solo l’extrema ratio.

Facile demagogia

Sul tema gli argomenti snocciolati da alcuni politici denotano scarsa cultura delle istituzioni, ma d’altronde questo è il momento storico. Si fa facile demagogia – vogliamo parlare del taglio dei parlamentari e del ridicolo risparmio per il bilancio dello Stato? Appena 50 milioni di euro, secondo l’autorevole Sole24Ore, a scapito di un forte deficit di rappresentanza per cittadini e territori.Si fa leva sulle paure dei cittadini – vogliamo parlare dei provvedimenti ai limiti delle leggi razziali varati dal governo giallo-verde?E si promettono assurdità – l’uscita dall’Euro è roba da nostalgici dell’economia onanista.

Attaccati alle poltrone

Dall’altro lato, politici improvvisati han preso gusto a star seduti sulle poltrone dei ministeri e pur di mantenerle giocano con le alchimie parlamentari, pensando di poter cambiare, da un giorno all’altro, l’alleato di estrema destra con uno di estrema sinistra. Sono passati dall’uno vale uno all’uno vale l’altro.

Manca una visione

Ebbene, ad entrambe le prospettive manca cultura politica, conoscenza delle istituzioni, visione programmatica.Manca, insomma, tutto quel prezioso bagaglio che solo un partito con una tradizione di governo alle spalle può avere.Forza Italia rappresenta un importante pezzo di storia italiana e una larga fetta di società e ritengo abbia tutte le carte in regola per proporsi alla guida di un nuovo patto di governo che sappia condurre l’Italia fuori dalla stagnazione economica e culturale, dall’isolamento internazionale e dei mercati nei quali sovranismi e populismi ci hanno trascinato.

F.I. centrale

La distanza dalle posizioni di chi sta più a destra di noi sono ormai incolmabili: siamo geneticamente diversi da chi pensa di poter chiudere i porti e innalzare muri lasciando al di là di questi profughi e disperati alla mercé del mare o ai disastri della guerra e delle persecuzioni.Così come geneticamente diversi siamo da chi, a sinistra, pensa di poter risolvere i problemi del Paese mettendo mano alle tasche dei cittadini con tasse e patrimoniali.Forza Italia resta portatore sano di cultura democratica, liberale, di ispirazione cristiana ed europeista e, anche qualora si tornasse al voto, non avremmo che da perdere in un’alleanza coi sovranisti.
Sono certo che in Parlamento vi siano ancora forze in grado di agire, con responsabilità, nell’interesse del Paese intervenendo sulle criticità del sistema Italia: in primis impedire l’aumento dell’IVA, varare la manovra finanziaria d’autunno e studiare una nuova legge elettorale consona al mutato scenario politico.

No a Papeete e bibitari

A volte, caro direttore, occorrerebbe svestirsi dei panni del politico, non guardare alle prossime elezioni ma alle prossime generazioni.Di questo coraggio il Paese ha bisogno, per uscire definitivamente fuori da quel tunnel buio farcito di selfie a torso nudo al Papeete, santini&madonne branditi come armi e bibitari dello stadio improvvisati ministri.

Il presidente ARS On. Gianfranco Miccichè

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. Il solito populista! Un burocrate incallito che parla senza sapere quello che dice! Pensi piuttosto alla Sicilia che è rimasta al tempo dei Borboni! Abbiamo sempre un binario ferroviario. Non ci sono infrastrutture, non ci sono aeroporti, non ci sono servizi! Che cosa ha fatto la Regione Sicilia in 70 anni e passa? Abolite lo Statuto Speciale invece di incassare gli stipendi più alti d’Europa! 25.000 euro viene pagato un deputato regionale siciliano! Per fare cosa? Per riempiersi la pancia alla faccia dei siciliani che lo hanno eletto! Povera terra mia come ti hanno ridotta! E ancora parlano, parlano questi cialtroni! E la gente li vota purtroppo! Lo abbiamo visto con Genovese a Messina. Condannato per aver distribuito ad amici e parenti i soldi che sarebbero serviti per la formazione dei giovani siciliani, ha fatto eleggere il suo rampollo alla Regione! Con queste tipo di persone non ci risolleveremo mai!

    2
    0
  2. Purtroppo gli attuali “nostri” rappresentanti sono politici. Degli statisti pare si sia smarrito il seme.

    “Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione”

    Alcide De Gasperi

    0
    0
  3. Distanti di sicuro. Una ventina di punti percentuali circa.

    0
    0
  4. bonanno giuseppe 29 Agosto 2019 09:09

    BERLUSKA….ha il nuovo conduttore di ZELIG……..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007