In fuga sulla A18 a piedi, aggrediscono agenti durante l'identificazione - Tempostretto

In fuga sulla A18 a piedi, aggrediscono agenti durante l’identificazione

In fuga sulla A18 a piedi, aggrediscono agenti durante l’identificazione

Tag:

martedì 22 Aprile 2014 - 17:02

Erano stati notati mentre camminavano, accanto al guard rail, sull'autostrada A18, in direzione Catania. Sono quattro minorenni e quattro maggiorenni, tutti di origine eritrea, adesso in stato di fermo dopo aver aggredito i poliziotti che li stavano identificando.

Sono degenerate in calci, schiaffi e pugni le operazioni di identificazione degli otto ragazzi eritrei che stamattina stavano camminando lungo la A18, in direzione Catania, tra le tra le zone di Roccalumera e Santa Teresa di Riva. Il bilancio è di due agenti della Polstrada rimasti feriti e ricoverati adesso al Policlinico di Messina.
I ragazzi, identificati, sono adesso in stato di fermo. Quattro minorenni e quattro maggiorenni, tutti di origine eritrea, che farebbero di un drappello di migranti fuggiti da uno dei centri di accoglienza della Sicilia. Non si esclude che gli stessi giovani facciano parte dei 111 eritrei scappati stanotte dalla struttura del Palanebiolo.

I poliziotti erano intervenuti nella prima mattina di oggi, intorno alle 10, a seguito delle segnalazioni di numerosi automobilisti che avevano notato un folto gruppo di giovani proseguire a piedi, in fila indiana, accanto al guard rail dell’autostrada.
Dopo averli fatti mettere in sicurezza, gli agenti avevano portato i ragazzi a Messina per controlli e identificazioni. Proprio durante questi accertamenti, alcuni di loro avrebbero reagito scagliandosi contro i poliziotti, provocandogli ferite ed ematomi.

18 commenti

  1. pure??ci pensa Accorinti, portateli a casa sua

    0
    0
  2. pure??ci pensa Accorinti, portateli a casa sua

    0
    0
  3. letterio.colloca 22 Aprile 2014 18:12

    Bisogna avere il coraggio di ammettere i propri limiti personali e professionali!
    PERSONALI:
    immedesimarsi negli stati d’animo dei migranti richiede DISINTERESSATA SENSIBILITA’ E SPIRITO CARITATEVOLE (sinora s’è solo vessato e ghettizzato degli infelici;fra non molto,scopriremo,che gli stessi ci “elargiranno”….NOSTALGICHE PATOLOGIE.
    Ma veramente chi vorrebbe GESTIRE tanti DISPERATI crede di poterlo fare seguendo MANUALI, REGOLAMENTI E LEGGI pedissequamente,astraendosi dalla realtà per la quale tanti considerano Messina come una PRIGIONE e non “corridoio” in cui sostare per POCHI giorni?
    senza tener conto della pietas,delle FORTI motivazioni per cui questi “dannati” affrontano l’ignoto a qualunque costo,EVADONO dai nostri “gulag”?
    PROFESSIONALI:
    Prevaricazioni,braccia di ferro,intralci di competenze ecc. non tengono in ALCUN conto che-anche contabilmente-si tratta di PERSONE meno FORTUNATE di noi.
    Meglio sarebbe per questi poveretti (occasioni per intrallazzare?!?!?!?) che di loro si interessassero le VERE ONLUS che -in questi ultimi giorni di Aprile- si ABBUFFERANNO dei nostri 8×1000 e del 5×1000 senza alzare un dito.
    A tutt’oggi,NESSUNA ISTITUZIONE,-CURIA in testa,a parte il pasticcino offerto-ha svolto l’impegno umanitario cautelando,favorendo per il tempo INDISPENSABILE il permanere di tanta gente che…………..SCAPPA, FUGGE,EVADE* E SCOMPARE.
    Capisco e posso anche giustificare la REAZIONE degli “acciuffati”;ma non prendiamocela più di tanto con costoro e ringraziamo la Polstrada che COMUNQUE svolge il proprio lavoro.
    PS*
    Si EVADE da dove si rischia di MORIRE:
    Meditiamo cristianamente!!!!!

    0
    0
  4. letterio.colloca 22 Aprile 2014 18:12

    Bisogna avere il coraggio di ammettere i propri limiti personali e professionali!
    PERSONALI:
    immedesimarsi negli stati d’animo dei migranti richiede DISINTERESSATA SENSIBILITA’ E SPIRITO CARITATEVOLE (sinora s’è solo vessato e ghettizzato degli infelici;fra non molto,scopriremo,che gli stessi ci “elargiranno”….NOSTALGICHE PATOLOGIE.
    Ma veramente chi vorrebbe GESTIRE tanti DISPERATI crede di poterlo fare seguendo MANUALI, REGOLAMENTI E LEGGI pedissequamente,astraendosi dalla realtà per la quale tanti considerano Messina come una PRIGIONE e non “corridoio” in cui sostare per POCHI giorni?
    senza tener conto della pietas,delle FORTI motivazioni per cui questi “dannati” affrontano l’ignoto a qualunque costo,EVADONO dai nostri “gulag”?
    PROFESSIONALI:
    Prevaricazioni,braccia di ferro,intralci di competenze ecc. non tengono in ALCUN conto che-anche contabilmente-si tratta di PERSONE meno FORTUNATE di noi.
    Meglio sarebbe per questi poveretti (occasioni per intrallazzare?!?!?!?) che di loro si interessassero le VERE ONLUS che -in questi ultimi giorni di Aprile- si ABBUFFERANNO dei nostri 8×1000 e del 5×1000 senza alzare un dito.
    A tutt’oggi,NESSUNA ISTITUZIONE,-CURIA in testa,a parte il pasticcino offerto-ha svolto l’impegno umanitario cautelando,favorendo per il tempo INDISPENSABILE il permanere di tanta gente che…………..SCAPPA, FUGGE,EVADE* E SCOMPARE.
    Capisco e posso anche giustificare la REAZIONE degli “acciuffati”;ma non prendiamocela più di tanto con costoro e ringraziamo la Polstrada che COMUNQUE svolge il proprio lavoro.
    PS*
    Si EVADE da dove si rischia di MORIRE:
    Meditiamo cristianamente!!!!!

    0
    0
  5. Letterio ma tu ci credi se ti dico che non ho capito un c**** di quello che hai scritto? Insomma sti migranti secondo te li dobbiamo ospitare o dobbiamo mandarli in tibet? E in ogni caso chi paga?

    0
    0
  6. Letterio ma tu ci credi se ti dico che non ho capito un c**** di quello che hai scritto? Insomma sti migranti secondo te li dobbiamo ospitare o dobbiamo mandarli in tibet? E in ogni caso chi paga?

    0
    0
  7. Tutti quelli che parlano col cuore in mano e che dicono di trattarli come figli e fratelli e magari accoglierli di qua e di là…ma vi rendete conto a cosa stiamo andando incontro?

    Persone (…anche se tali non si dimostrano) che aggrediscono con calci e pugni chi cerca di prendersi cura di loro cosa potrebbero fare a noi cittadini se proviamo a tendergli la mano?

    Per non parlare poi del rischio malattie confermato dalla Protezione Civile.

    Il Signor Letterio visto che è CORAGGIOSO metta in pratica ciò che dice aprendo il SUO di cuore e la SUA di casa così avrà il suo momento di gloria perché lo leggeremo sui giornali.

    0
    0
  8. Tutti quelli che parlano col cuore in mano e che dicono di trattarli come figli e fratelli e magari accoglierli di qua e di là…ma vi rendete conto a cosa stiamo andando incontro?

    Persone (…anche se tali non si dimostrano) che aggrediscono con calci e pugni chi cerca di prendersi cura di loro cosa potrebbero fare a noi cittadini se proviamo a tendergli la mano?

    Per non parlare poi del rischio malattie confermato dalla Protezione Civile.

    Il Signor Letterio visto che è CORAGGIOSO metta in pratica ciò che dice aprendo il SUO di cuore e la SUA di casa così avrà il suo momento di gloria perché lo leggeremo sui giornali.

    0
    0
  9. ” Non si esclude che gli stessi giovani facciano parte dei 111 eritrei scappati stanotte dalla struttura del Palanebiolo.”
    LA NOTIZIA PRINCIPALE E’ QUESTA, invece lo dicono tra le righe.
    111 MIGRANTI FUGGITI DAL PALANEBIOLO.

    Il signor Lillo Collica vuole invitarci a riflettere Cristianamente sul fatto che Cristo si è fermato a Ebola ed invece Accorinti è andato oltre salvo poi arretrare e lavarsene le mani.

    Abbiamo due agenti ricoverati……., signor Collica non possiamo più meditare cristianamente ma ragionare sul circo mediatico del buonismo e sugli speculatori del buonismo.

    La Sicilia sta diventando la discarica dell’Europa.
    Tutto sta seguendo le profezie o più scientificamente parlando, le previsioni che da più di un secolo ci predicevano quello che sarebbe successo in questi tempi.

    Abbiamo perso un secolo a scannarci sia fisicamente che diplomaticamente adesso siamo diventati all inclusive e quindi ci prendiamo il secchio il bambino e i panni sporchi.
    Oppure diciamo che “la questione è più grande di noi” e ce ne laviamo le mani.

    0
    0
  10. ” Non si esclude che gli stessi giovani facciano parte dei 111 eritrei scappati stanotte dalla struttura del Palanebiolo.”
    LA NOTIZIA PRINCIPALE E’ QUESTA, invece lo dicono tra le righe.
    111 MIGRANTI FUGGITI DAL PALANEBIOLO.

    Il signor Lillo Collica vuole invitarci a riflettere Cristianamente sul fatto che Cristo si è fermato a Ebola ed invece Accorinti è andato oltre salvo poi arretrare e lavarsene le mani.

    Abbiamo due agenti ricoverati……., signor Collica non possiamo più meditare cristianamente ma ragionare sul circo mediatico del buonismo e sugli speculatori del buonismo.

    La Sicilia sta diventando la discarica dell’Europa.
    Tutto sta seguendo le profezie o più scientificamente parlando, le previsioni che da più di un secolo ci predicevano quello che sarebbe successo in questi tempi.

    Abbiamo perso un secolo a scannarci sia fisicamente che diplomaticamente adesso siamo diventati all inclusive e quindi ci prendiamo il secchio il bambino e i panni sporchi.
    Oppure diciamo che “la questione è più grande di noi” e ce ne laviamo le mani.

    0
    0
  11. MessineseAttenta 23 Aprile 2014 10:22

    Responsabile di tutto questo schifo è Accorinti.
    Se invece di fare il gradasso a spese della collettività avesse capito (?!?!?!)che Messina non è in grado di ospitare nessun clandestino, tutto ciò non sarebbe accaduto.
    Mi auguro che la situazione non degeneri, ma temo problemi sanitari e di ordine pubblico.
    O forse questi xxxxxxxx accorintiani pensano che siano tutti dei santi quelli che arrivano con i barconi?
    Per la quasi totalità sono delinquenti, ladri, prostitute.
    Lo si è visto con questi 8 delinquenti.
    Accorinti, vergognati!
    Renditi conto del tuo fallimento e torna a fare il mnaesto di ginnastica, se ne sei capace!!!!!

    0
    0
  12. MessineseAttenta 23 Aprile 2014 10:22

    Responsabile di tutto questo schifo è Accorinti.
    Se invece di fare il gradasso a spese della collettività avesse capito (?!?!?!)che Messina non è in grado di ospitare nessun clandestino, tutto ciò non sarebbe accaduto.
    Mi auguro che la situazione non degeneri, ma temo problemi sanitari e di ordine pubblico.
    O forse questi xxxxxxxx accorintiani pensano che siano tutti dei santi quelli che arrivano con i barconi?
    Per la quasi totalità sono delinquenti, ladri, prostitute.
    Lo si è visto con questi 8 delinquenti.
    Accorinti, vergognati!
    Renditi conto del tuo fallimento e torna a fare il mnaesto di ginnastica, se ne sei capace!!!!!

    0
    0
  13. liliana parisi 23 Aprile 2014 12:51

    Ma cosa facevano in Usa con gli emigranti?Li fermavano a Long Island, li controllavano e poi li rimandavano indietro o li facevano entrare nel Paese. Perché questo non si può fare anche da noi? non si possono trattenere gli OSPITI quasi in PRIGIONIA e meravigliarsi se scappano

    0
    0
  14. liliana parisi 23 Aprile 2014 12:51

    Ma cosa facevano in Usa con gli emigranti?Li fermavano a Long Island, li controllavano e poi li rimandavano indietro o li facevano entrare nel Paese. Perché questo non si può fare anche da noi? non si possono trattenere gli OSPITI quasi in PRIGIONIA e meravigliarsi se scappano

    0
    0
  15. Ma perché, a prendere bastonate non ci vanno accorinti e il suo esercito della pace , considerato che odia le forze armate e le forze dell’ordine tutte.

    0
    0
  16. Ma perché, a prendere bastonate non ci vanno accorinti e il suo esercito della pace , considerato che odia le forze armate e le forze dell’ordine tutte.

    0
    0
  17. studia amico mio, studia e non fare paragoni a dir poco improponibili

    0
    0
  18. studia amico mio, studia e non fare paragoni a dir poco improponibili

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007