Migranti in Sicilia. Ugl: “Il problema sono le strutture non idonee e stracolme” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Migranti in Sicilia. Ugl: “Il problema sono le strutture non idonee e stracolme”

Emanuela Giorgianni

Migranti in Sicilia. Ugl: “Il problema sono le strutture non idonee e stracolme”

mercoledì 26 Agosto 2020 - 11:09
Migranti in Sicilia. Ugl: “Il problema sono le strutture non idonee e stracolme”

Sciotto: “Che impugnino pure l’ordinanza del Governatore. Che la annullino. Ma che lo facciano in fretta così ci si può dedicare al vero problema da eliminare una volta per tutte”

Le condizioni in cui attualmente si trovano i migranti degli hotspot e dei centri di accoglienza siciliani è diventata inconcepibile.
Strutture non idonee, fatiscenti e sovraffollate. Se non si dava una scossa adesso rischiavamo di raggiungere un punto di non ritorno”.
Parole del segretario provinciale di Ugl Messina, Tonino Sciotto, che sulla base dei recenti fatti di cronaca si schiera dalla parte del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che nei giorni scorsi ha emanato un’ordinanza con cui ordina lo sgombero dei centri di accoglienza, provvedimento che verrà impugnato dal Consiglio dei Ministri.

La situazione va risolta

L’ordinanza regionale verrà annullata. Mi sembra inutile anche continuare a fantasticarci sopra. Si tratta di un provvedimento amministrativo che oltrepassa i temi di azione delle Regioni invadendo l’area di competenza dello Stato. Ma il punto è un altro: risolvere una volta per tutte questa situazione in cui versa la Sicilia, abbandonata totalmente a se stessa”, continua Sciotto.

“Siamo dalla parte del Presidente Musumeci perché crediamo che la sua
provocazione abbia smosso le acque quanto bastava affinché si accendessero i riflettori su una questione verso la quale spesso si tende a girare la testa dall’altra parte. Anche dopo la fuga di alcuni ospiti”, prosegue il segretario provinciale di Ugl Messina.

Una collaborazione tra le Istituzioni

“Solo con una collaborazione fra le Istituzioni si può dare una
soluzione al problema (che non sono i migranti in sé, sia chiaro, ma le strutture non idonee e stracolme, vista anche l’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus). Però le Istituzioni devono esserci. Quindi che
impugnino pure l’ordinanza del Presidente. Che la annullino. Ma che lo facciano in fretta così ci si può dedicare al vero problema da eliminare una volta per tutte”, conclude Tonino Sciotto.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Letterio Santisi 26 Agosto 2020 14:22

    —–Le chiedo—-è chiedo –anche alle altre sigle sindacali —-??????MA VI SIETE ACCORTI PROPRIO ADESSO CHE LA SICILIA E ABBANDONATA DA MEZZO SECOLO—–se vuole posso elencarle tutte le cose che i sindacati NON avete MAI proposto a tutti i governi le priorità della Sicilia.Cordiali saluti

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007