Il Sindaco Accorinti scrive al Prefetto: "Spostiamoli al villaggio turistico Le Dune" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il Sindaco Accorinti scrive al Prefetto: “Spostiamoli al villaggio turistico Le Dune”

Eleonora Corace

Il Sindaco Accorinti scrive al Prefetto: “Spostiamoli al villaggio turistico Le Dune”

mercoledì 16 Ottobre 2013 - 02:27
Il Sindaco Accorinti scrive al Prefetto: “Spostiamoli al villaggio turistico Le Dune”

Il Sindaco Renato Accorinti scrive al Prefetto per ottenere il trasferimento dei migranti ospiti al Pala Nebiolo nei locali più accolgienti del villaggio turistico Le Dune, che ha formalizzato la disponibilità ad ospitare i ragazzi africandi giunti a Messina la settimana scorsa.

Trasferire i migranti che la città di Messina ha accolto in una struttura più idonea di una palestra. È la richiesta che si è levata dal mondo dell’associazionismo e della società civile fin dal primo giorno dell’arrivo dei cinquantadue migranti che sono stati accolti nel centro sportivo “Pala Nebiolo”, messo a disposizione dall’Università di Messina ed approvato come idoneo da Prefettura e Questura. Per trovare una soluzione migliore a delle brande ammassate in uno spazio vuoto, l’amministrazione Comunale ha lavorato fin da prima dell’arrivo dei migranti, proponendo una rosa di opzioni, che non sono state accolte, però, per motivi di non idoneità o sicurezza. La sistemazione al Pala Nebiolo, comunque, dovrebbe essere temporanea. Nel frattempo, però, ai cinquantadue migranti se ne sono aggiunti altri ventisette.

Dell’impegno del Comune di trovare una soluzione alternativa a quella del centro sportivo, aveva già parlato l’assessore con delega alla Protezione Civile, Filippo Cucinotta, nel corso della Notte Bianca per la Pace a Palazzo Zanca, sabato scorso. In quell’occasione, Cucinotta, accompagnato da una ventina di eritrei provenienti dal centro universitario, aveva reso nota la disponibilità ad accogliere gli ospiti stranieri avanzata da diversi istituti privati. Ieri il Sindaco Renato Accorinti ha fatto seguire alle parole i fatti, scrivendo l’ennesima lettera al Prefetto in cui si richiede il trasferimento dei ragazzi eritrei, somali, ghanesi e nigeriani giunti a Messina, in una struttura più adatta ai fini dell’accoglienza. Alla prima lettera del Sindaco la Prefettura ha risposto con la richiesta di specificare un singolo istituto nel quale trasferire i migranti. La seconda lettera, dunque, reca il nome della struttura che per prima ha formalizzato la disponibilità ad ospitare i migranti, ovvero il villaggio turistico Le Dune.

Scrive Accorinti al Prefetto Trotta: “Allo scopo di favorire condizioni e strutture di ospitalità più idonee e accoglienti a favore dei migranti richiedenti asilo, attualmente alloggiati presso la struttura Universitaria Pala Nebiolo, desidero suggerire di prendere in considerazione l’offerta formalizzata dal villaggio turistico Le Dune”. Questo nella speranza che non vengano ulteriormente trasferiti altrove. Eventualità non inverosimile, ma fortemente osteggiata dalle associazioni che fanno notare come queste persone, da fine settembre, siano state già spostate tre volte: da Lampedusa a Pozzallo a Messina.Lamentele si erano levate, inoltre, nei giorni scorsi, da parte dei membri di alcune associazioni che lavorano nel campo dell’immigrazione, Arci in testa, a cui è stato vietato l’ingresso nel Centro del Pala Nebiolo. Per questo il Sindaco inserisce, nella sua lettera, la richiesta di “voler garantire l’ingresso, al luogo di ospitalità in cui risiedono gli immigrati, a quegli organismi che sono impegnati sul versante della mediazione culturale e della consulenza giuridica agli stranieri.

L’amministrazione è stata più volte sollecitata, inoltre, di inaugurare un progetto di accoglienza integrata, pianificando un intervento di tipo Sprar – Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati – che, al contrario dei cosiddetti centri d’accoglienza – garantisce il rispetto per la dignità e i diritti dei migranti da un lato e maggiori risultati di integrazione dall’altro. Per questo il Sindaco è stato più volte esortato a nominare un esperto per le tematiche dell’immigrazione, al fine di mettere in rete tutte le intelligenze già attive da anni sul territorio in questo campo e progettare una politica volta all’accoglienza dei migranti e non alla loro reclusione. Della nomina dell’esperto, però, non si sa ancora nulla, ma il Sindaco nella sua lettera del 15 ottobre ha segnalato al Prefetto due signore eritree affinché vengano ufficialmente riconosciute come mediatrici culturali per conto del Comune di Messina. “Le chiedo, infine, di accreditare le signore Aialnesh Bedulu, nata a Massaua, Eritrea, e Migbinesh kuflom, nata ad Asmara, Eritrea, quali mie persone di fiducia nel campo della mediazione culturale”. Queste le richieste di un Sindaco che ha definito l’arrivo dei ragazzi africani a Messina come “un dono per l’intera città”. (Eleonora Corace)

Tag:

8 commenti

  1. Papa Francesco dove sei?Possibile che con le enormi strutture clericali a messina e così in tutta italia nessuno di queste abbia avanzato una proposta di accoglienza? quale migliore occasione per fare missionariato in casa propria.

    0
    0
  2. Sì, così ne arrivano 10.000 al giorno.
    La soluzione è una sola: rimandarli a casa.
    Ai nostri pensionati, ai nostri anziani, ai nostri dicoccupati, ai nostri malati non ci pensa nessuno.
    Smettiamola di fare gli spacconi.
    La nostra è una nazione con le pezze al xxxx.

    0
    0
  3. La Chiesa dimostri una volta tanto un pò di carità cristiana ospitando questi poveri disgraziati nelle innumerevoli strutture vuote presenti sul territorio

    0
    0
  4. L’ex Ospedale Militare, no?
    Troppo organizzato con le sue cucine, le sue brandine e i suoi ambulatori medici?
    Troppo gratis?
    Eppure, finalmente, servirebbe a qualcosa di utile per la città e non sarebbe solo spazio inutilmente rubato a questa.
    Inoltre essendo “gli ospiti” controllati speciali in attesa di giudizio per il reato di immigrazione clandestina che la nostra legge purtroppo ancora prevede, starebbero in una zona perimetrata.
    Resta il fatto che non è stato fatto il minimo passo col Ministero della Difesa.
    La gestione di questa emergenza lascia lo spazio a molti equivoci e il Sindaco farebbe bene a fare chiarezza invece di questuare alla Curia per un problema di Ordine e gestione di cosa pubblica.
    La Curia ha un’unica funzione: la Spirirtuale. Eppure questi Assessori, appartenenti alla sinistra dura e pura, dovrebbero saperlo, ma puntualmente disattendono. Ricordano tanto Peppone alle prese con Don Camillo che, grazie a questo atteggiamento, vinceva sempre alla grande.

    0
    0
  5. I tanti disagiati di Messina dove li mettiamo?
    Potremmo mandarli in Africa?

    0
    0
  6. ATTENTI AI NOSTRI ANIMALI DOMESTICI!
    Siria, dilaga la fame e gli imam autorizzano a mangiare carne di gatto, cane e asino… I Musulmani pretendono che le loro fatwe valgano dappertutto…..
    “Non accogliamo profughi, ma vigliacchi che fuggono dal loro paese perché non vogliono lottare” Questo è un altro modo di vedere le cose…
    E tutto questo finto buonismo serve a qualcuno mentre noi stiamo a guardare….

    0
    0
  7. Già, quando non speculano con palazzine in pieno centro pensano anche alle anime, specialmente quelle delle vecchiette sole con belle pensionino…

    0
    0
  8. Mi vergogno di essere un messinese leggendo i vostri commenti…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x