Il compagno non accettava la separazione: donna picchiata con una cinghia e minacciata di morte - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il compagno non accettava la separazione: donna picchiata con una cinghia e minacciata di morte

Ve. Cro.

Il compagno non accettava la separazione: donna picchiata con una cinghia e minacciata di morte

lunedì 14 Dicembre 2015 - 12:15
Il compagno non accettava la separazione: donna picchiata con una cinghia e minacciata di morte

E’ emerso che, in un caso, l’uomo non ha neanche esitato a colpire la donna con una cinghia, dinnanzi al figlio e ai suoceri.

Non doveva neanche pronunciare la parola “separazione” e, se ne avesse parlato a qualcuno, lui l’avrebbe ammazzata. E’ finita, dopo 3 anni di angherie e soprusi, la triste storia di una donna di Milazzo, ennesima vittima di un compagno violento.
Una vicenda che andava avanti da anni e che, se non fosse stato per un atto di coraggio della vittima, avrebbe potuto continuare così per ancora tanto tempo. Invece, lo scorso mese, forse spinta anche dal voler proteggere il figlio minorenne, la donna ha deciso di raccontare tutto ai poliziotti del Commissariato locale. Sono stati loro, in brevissimo tempo, a ricostruire l’intera vicenda e chiarire le responsabilità dell’uomo che, un tempo, diceva di amarla. Gli agenti hanno accertato i diversi episodi di violenza. E’ emerso che, in un caso, l’uomo non ha neanche esitato a colpire la donna con una cinghia, dinnanzi al figlio e ai suoceri. Adesso, per lui, è scattato il divieto di comunicare con lei in alcun modo o frequentare gli stessi luoghi. (Ve. Cro.)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. L’uomo che fa queste cose è un 1/4 di uomo e 3/4 deficiente .
    La donna non si tocca anzi se non ti vuole più, devi rallegrarti hai riguadagnato la tua libertà .
    Ti sei rovinato per non aver nulla di nulla anzi il carcere.
    Uomini, se le donne non vi volessero più rallegratevi e non vi rovinate.Una ne perdi 100 ne trovi.

    0
    0
  2. L’uomo che fa queste cose è un 1/4 di uomo e 3/4 deficiente .
    La donna non si tocca anzi se non ti vuole più, devi rallegrarti hai riguadagnato la tua libertà .
    Ti sei rovinato per non aver nulla di nulla anzi il carcere.
    Uomini, se le donne non vi volessero più rallegratevi e non vi rovinate.Una ne perdi 100 ne trovi.

    0
    0
  3. Un essere che fa queste cose ha di umano solo l’aspetto. Non verrebbe MAI ammesso in un branco di lupi, di elefanti o di balene : anzi ne verrebbe INEVITABILMENTE esiliato. Personalmente non vedo altro destino per questi esseri, che restare servi a vita degli altri. In fondo, possono servire, in cucina, a tenere la casa ordinata, a conferire la spazzatura nei cassonetti, a spazzare le strade, a raccogliere per strada le deiezioni animali. Non sono invece adatti all’impiego nell’ambito della tutela dell’ordine pubblico, perché NON hanno (e nemmeno in futuro) le necessarie qualità di ordine morale per esserlo : fuggirebbero infatti al primo scontro a fuoco. Sono solo soltanto dei vigliacchi e senza carattere.

    0
    0
  4. Un essere che fa queste cose ha di umano solo l’aspetto. Non verrebbe MAI ammesso in un branco di lupi, di elefanti o di balene : anzi ne verrebbe INEVITABILMENTE esiliato. Personalmente non vedo altro destino per questi esseri, che restare servi a vita degli altri. In fondo, possono servire, in cucina, a tenere la casa ordinata, a conferire la spazzatura nei cassonetti, a spazzare le strade, a raccogliere per strada le deiezioni animali. Non sono invece adatti all’impiego nell’ambito della tutela dell’ordine pubblico, perché NON hanno (e nemmeno in futuro) le necessarie qualità di ordine morale per esserlo : fuggirebbero infatti al primo scontro a fuoco. Sono solo soltanto dei vigliacchi e senza carattere.

    0
    0
  5. Certo che la legge in Italia fa cagare , si parla tanto di donne vittime di violenza si esorta le vittime a denunciare i maltrattamenti , e dopo tutto questo la condanna consiste nel divieto di comunicare con lei in alcun modo o frequentare gli stessi luoghi.Che razza di condanna è questa ,Io gli avrei dato minimo 5 anni di galera

    0
    0
  6. Certo che la legge in Italia fa cagare , si parla tanto di donne vittime di violenza si esorta le vittime a denunciare i maltrattamenti , e dopo tutto questo la condanna consiste nel divieto di comunicare con lei in alcun modo o frequentare gli stessi luoghi.Che razza di condanna è questa ,Io gli avrei dato minimo 5 anni di galera

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007