Movida a Messina, le nuove regole da oggi. Lunedì niente musica, bus a prezzi ridotti - Tempostretto

Movida a Messina, le nuove regole da oggi. Lunedì niente musica, bus a prezzi ridotti

Redazione

Movida a Messina, le nuove regole da oggi. Lunedì niente musica, bus a prezzi ridotti

lunedì 08 Agosto 2022 - 07:00

Gli altri giorni karaoke consentito solo fino alle 23.30

Da oggi entrerà in vigore l’ordinanza anti movida selvaggia, dopo il braccio di ferro con gestori e gruppi consiliari. Di seguito, tutte le regole.

Lunedì non è consentita alcuna attività musicale e danzante, neppure ad agosto. Da martedì a domenica rimane consentita nei pubblici esercizi l’emissione di musica di sottofondo che non rechi disturbo.

Dal martedì alla domenica, per i pubblici esercizi senza licenza per le serate danzanti, è consentito organizzare serate di trattenimento musicale senza invito al ballo, dalle 21 alle ore 01 del giorno seguente. I locali con licenza invece potranno proseguire sino alle 3, fermo restando il divieto del lunedì.

Nei giorni di venerdì, sabato e domenica, per i pubblici esercizi che svolgono attività previo rilascio di SCIA ex art. 69 T.U.L.P.S., fermo restando il divieto di organizzare e svolgere attività danzante, dalle 19 alle 21 è consentita l’organizzazione di eventi musicali; Nei giorni di venerdì, sabato e domenica, dalle 19 alle 21, per i locali di pubblico spettacolo muniti di licenza di P.S. ex art. 68 T.U.L.P.S. è consentita l’organizzazione di eventi musicali e danzanti.

Da martedì a domenicanegli spazi all’aperto, il cosiddetto karaoke (e similari) è consentito tra le 20 e le 23.30.

Infine, l’ordinanza dispone l’attivazione di un servizio di trasporto pubblico locale con tariffa agevolata andata e ritorno di Euro 1,50 secondo le modalità che verranno rese note con apposito avviso pubblico.

Il sindaco: “confido nel senso di responsabilità dei cittadini”

A meno di due mesi dalla mia elezione a sindaco la macchina della movida che anima i due litorali cittadini nord e sud era già avviata, l’obiettivo per la prossima estate – commenta Basile – è programmare la stagione balneare anticipatamente attraverso il coinvolgimento di tutti l’Amministrazione comunale, le Forze dell’Ordine e gli operatori del settore al fine di evitare il ricorso a misure più urgenti e improcrastinabili. Pertanto, confido sul senso di responsabilità e la collaborazione della cittadinanza, con particolare riguardo ai giovani, affinché le basilari norme di convivenza civile e di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica siano rispettate”, conclude il primo cittadino.

L’Assessora: “Soluzione condivisa”

“Le situazioni di criticità rilevate nella gestione degli eventi musicali e danzanti hanno reso necessario il provvedimento sindacale che fa seguito a tavoli tecnici nei quali sono state affrontate – la Musolino – le problematiche per eliminare i disagi causati dalle emissioni sonore e contrastare la vendita non autorizzata di alcolici, con l’obiettivo di condividere una soluzione che contemperi il diritto dei titolari e gestori dei locali all’esercizio della loro attività con il diritto dei cittadini a vedere garantito il riposo notturno e la pubblica quiete, spesso disturbati anche dagli ingorghi veicolari e conseguente elevata rumorosità stradale”.

6 commenti

  1. Un passo in avanti è stato fatto, …anche se un po’ articolato e difficile da interpretare per i non addetti ai lavori. Spero che parallelamente ci siano adeguati controlli per fare rispettare cio’ che è stato deciso.
    Mi sia consentito di segnalare una grave carenza:
    L’ordinanza deve includere anche le pizzerie da asporto che da asporto non sono (visto che hanno oltre 50 posti a sedere!!!!), le paninoteche che abusivamente occupano spazi stradali e aiuole, le birrerie!! Tali locali, infatti, rimangono aperti TUTTA LA NOTTE, spostando il problema dai lidi ai centri abitati. Continuate così ma non tralasciate nulla.
    P.S. tali locali “da asporto”, non avendo adeguati spazi per la spazzatura, la mattina accatastano montagne di rifiuti per strada, ….immaginate la domenica

    1
    4
    1. L’ordinanza riguarda la musica e il disturbo che reca durante la notte. I locali di cui parla lei non hanno musica dunque non invitano al ballo. Durante la notte, in estate, è normale che la gioventù si riunisca. Possono anche chiudere tutte le attività e vietare pure le uscite (ci ricordiamo il periodo covid) i giovani si riuniranno comunque proprio perché SONO GIOVANI ED È QUESTA L’ESTATE! Inoltre mi permetta di ricordare che gli spazi per la spazzatura sono identici per i locali d’asporto e per quelli che ospitano duecento persone, i bidoni hanno le medesime dimensioni e vengono posti all esterno delle attività affinché i rifiuti possano essere ritirati, pertanto cambia poco!

      4
      0
      1. Allora dia la disponibilità affinche’ detti Giovani si riuniscano sotto casa sua e impediscano a Lei di riposare, anzi si unisca a loro a fare schiamazzi fino alle sette del mattino, Questa è l’estate!
        I locali con licenza da asporto NON possono avere tavoli e sedie, peraltro su suolo pubblico, occupato abusivamente…..ovviamente!, nel bel mezzo di un incrocio stradale.
        Ricordo a me stesso, che la libertà dell’uno finisce dove inizia la libertà dell’altro.
        Saluti

        2
        2
  2. Ancora si confida nella responsabilità dei cittadini?
    Ancora non avete capito che è proprio quella che ci ha portato dove siamo oggi?

    4
    5
  3. sono solo una massa di incivili ai quali auguro appena diventati anziani di non poter dormire più una notte, forse cosi si pentiranno e capiranno

    massa di incivili buzzurri

    ma anche chi lo permette

    3
    6
  4. L’ordinanza attesa da più di un mese di fatto lascia la riviera nello stesso inferno di prima. Il problema sono i DECIBEL, la musica a volume assurdo!!!!!
    E quando chiami le forze dell’ordine ti senti rispondere che loro nn hanno la strumentazione per misurare le emissioni sonore!!!!!!!!!!!!!!!

    È inutile scrivere che possono fare musica di sottofondo che nn rechi disturbo!
    Poi come si controlla???
    E le discoteche quindi possono continuare a nn fare dormire dalla riviera alla panoramica senza problemi??!!!!
    Cos’è cambiato ripeto?
    30 e più giorni d’attesa x una ordinanza scritta secondo la regola aurea del cambiare tutto per nn cambiare nulla
    Complimenti davvero

    5
    8

Rispondi a Forletto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007