Movida, Bisignano: "Violato il diritto intangibile al riposo notturno" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Movida, Bisignano: “Violato il diritto intangibile al riposo notturno”

Redazione

Movida, Bisignano: “Violato il diritto intangibile al riposo notturno”

domenica 02 Agosto 2020 - 07:44
Movida, Bisignano: “Violato il diritto intangibile al riposo notturno”

Bisignano, anche a nome di chi risiede nel centro storico contesta l'ultima ordinanza sulla movida.

Di seguito la nota di Michele Bisignano dopo la firma dell’ultima ordinanza sulla movida che amplia fino alle 3 di notte l’orario di chiusura dei locali.

Il Sindaco di Messina ha emesso una nuova ordinanza, che per molti cittadini messinesi suona come una “beffa”.Cittadini residenti in centro, e non per questo motivo da annoverare, come è stato fatto con argomentazioni sociologiche semplicistiche, fra i “borghesi privilegiati e retrivi”, ed anche in altre zone della città, che sapranno chi ringraziare per questa legittimazione di una palese violazione di un diritto intangibile e sacrosanto, quale il riposo notturno delle persone.

E ciò viene fatto con una ordinanza sindacale che contiene anche motivazioni risibili che richiamano certe espressioni da “Cetto La Qualunque”, e che è in palese contrasto con le “ragioni” della precedente determinazione, concordata con il Prefetto di Messina.Una ordinanza, inoltre, emessa da un soggetto istituzionale che dovrebbe svolgere il ruolo di massima autorità locale  in termini di tutela della salute pubblica, che non tiene minimamente conto delle norme e dei provvedimenti anti-Covid 19, che, piaccia o non piaccia, dovranno essere reiterati dopo la proroga dello stato di emergenza sanitaria nel nostro Paese, e dopo tutto quello che sta accadendo nel mondo, che soltanto dei cinici demagoghi o dei superficiali irresponsabili possono far finta di non vedere.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Una cosa è l’orario di chiusura dei locali, la vendita di alcolici eccetera, un’altra è il fracasso notturno. Chi vuole pace e silenzio non può stare in città. Le sirene non disturbano? anche una moto o un’auto rumorosa può disturbare. Gli vietiamo di circolare? Oppure danno fastidio i giovani che si divertono e si dimenticano di tenere la voce bassa e che con la loro serenità spesso prepotente colorano la vita?

    2
    13
  2. Sergio Martino 2 Agosto 2020 11:55

    Concordo pienamente, in una città piena di problemi seri, come la spazzatura, l’acqua, che manca ,ecc,ecc.
    ci si preoccupa, di accontentare i giovani sia minori che adulti, buoni solo a fare caos e bere , la cosiddetta movida. Che poi mi domando dove sta il divertimento!?
    Infischiandosene del diritto degli abitanti specie in estate ad avere il diritto a riposare!!!

    7
    0
  3. Leggo un articolo pubblicato ieri “Messina città vecchia. “Troppi giovani in fuga, quadro allarmante” Ogni giorno, in media, 7 nostri giovani lasciano la città dello Stretto. Domanda spontanea ma se non c’è lavoro non c’è futuro non c’è svago e quel poco che c’è si cerca di limitarlo, un giovane a Messina che cosa ci resta a fare? Caro Bisignano forse lei non è mai uscito dalla realtà di Messina perche se lei fosse stato a Milano o a Torino o a Firenze o a Roma o a Catania ecc. nei pressi del Duomo avrebbe visto cosa è la vera movida. Purtroppo il vero cancro di Messina è che è una città in mano a quattro vecchi massoni, che stanno tutto il tempo a lamentarsi. Una città al 95esimo posto come qualità della vita, una città di impiegati e pensionati, secondo me tra poco scapperanno anche i meno giovani cosi quelli che rimangono saranno felici di avere creato l’ospizio d’Italia .

    7
    4
  4. Caro Bisignano, i rumori fastidiosi ed incivili esistono anche di giorno …
    Auto con finestrini aperti e canzoni napoletane sparate al massimo..

    Esiste una normativa precisa a tal riguardo… invece di scrivere comunicati si rivolga al sig. Questore: mai visto (mi sarà sfuggito…) un intervento in merito.
    Credo che in materia sia l’interlocutore giusto (il Sindaco lo è meno)

    3
    4
  5. Questo è l’emblema del qualunquismo dei politici messinesi. Che si mettano d’accordo. Critiche per le delibere contro la movida. Critiche per le delibere a favore della movida. Se movida si può definire.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007