Gamma Interferon, Parco dei Nebrodi parte civile al processo sulle agromafie - Tempo Stretto

Gamma Interferon, Parco dei Nebrodi parte civile al processo sulle agromafie

Alessandra Serio

Gamma Interferon, Parco dei Nebrodi parte civile al processo sulle agromafie

giovedì 18 Ottobre 2018 - 13:04
Gamma Interferon, Parco dei Nebrodi parte civile al processo sulle agromafie

L'ente ha scelto di costituirsi al procedimento in corso a Patti nato dall'inchiesta dei poliziotti di Sant'Agata sulla macellazione delle carni sui Nebrodi, gli interessi della criminalità e la complicità di allevatori e veterinari.

Il Parco dei Nebrodi si costituirà Parte civile nel processo Gamma-Interferon, sulle presunte frodi alimentari avvenute sul territorio nebroideo.
La decisione è stata approvata dal Comitato Esecutivo dell’Ente, presieduto da Luca Ferlito, nel corso della seduta di ieri. "La delibera- spiega una nota del Parco- è stata adottata per difendere l’immagine dell’Ente nel processo che si aprirà il 26 ottobre a Patti e per tutelare le eccellenze agroalimentari del territorio, in difesa della salute dei consumatori”.

Il processo partirà il 26 ottobre davanti al Tribunale di Patti e vede alla sbarra 41 persone accusate a vario titolo di abigeato, macellazioni clandestine e false certificazioni nei controlli sul bestiame, furto, auccisione di animali, ricettazione alla adulterazione, detenzione e commercio di sostanze alimentari nocive, diffusione di malattie infettive e truffa ai danni dell’Agea.

Tra gli imputati anche alcuni dei veterinari in servizio presso il dipartimento Asp di Sant’Agata Militello, accusati di omissione nei controlli sanitari e falsificazione di atti d’ufficio, noti produttori dei Nebrodi e pregiudicati ai quali viene contestata l’aggravate mafiosa. Le indagini, condotte dagli agenti di polizia del Commissariato di Sant’Agata Militello, al comando del dirigente Daniele Manganaro, avevano portato a 33 misure cautelari il 14 dicembre 2016.

Un’inchiesta che aveva fatto luce sugli interessi, anche della criminalità, nella filiera alimentare e gli allevamenti sui Nebrodi. “Quello che abbiamo scoperto ci ha convinto a diventare vegetariani”, aveva svelato il Commissario Manganaro, che tra i suoi uomini più impegnati nell’inchiesta aveva Tiziano Granata e Rino Todaro, morti a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, a marzo scorso.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007