Ottobre 1996: 2 “Medicanes” colpirono Calabria e Sicilia - Tempo Stretto

Ottobre 1996: 2 “Medicanes” colpirono Calabria e Sicilia

Daniele Ingemi

Ottobre 1996: 2 “Medicanes” colpirono Calabria e Sicilia

giovedì 26 Settembre 2019 - 08:10
Ottobre 1996: 2 “Medicanes” colpirono Calabria e Sicilia

Nell'ottobre del 1996 ben due cicloni con caratteristiche tropicali flagellarono le coste del messinese, causando tantissimi danni

Durante la mattinata del 4 ottobre del 1996 una profonda depressione termica al suolo, con annesso sistema frontale, nata il giorno precedente sopra l’entroterra desertico algerino, dalla Tunisia si è spostata verso il Canale di Sicilia, andando velocemente ad approfondirsi sopra le calde acque di quest’ultimo.

L’enorme quantità di calore latente sprigionata dalle calde acque superficiali del Canale di Sicilia ha potenziato la struttura ciclonica al proprio interno, favorendo una rapida esplosione dell’attività convettiva (forti correnti ascendenti) attorno al minimo centrale e liberando molto calore (da evaporazione).

L’immagine satellitare risalente al 4 ottobre 1996

In pochissime ore questo processo ha trasformato la depressione termica nord-africana in un profondo sistema ciclonico dalle caratteristiche tropicali che ha spazzato le isole Pelagie e l’isola di Pantelleria, con furiosi venti ciclonici che hanno oltrepassato i 100 km/h (120 km/h in mare), mentre la stessa depressione, in ulteriore approfondimento, veicolava verso la Sicilia e la Calabria un impetuoso flusso sciroccale, proveniente direttamente dalla Libia, molto caldo e umido, che ha prodotto precipitazioni molto abbondanti lungo i settori ionici, con accumuli di oltre i 100-150 mm.

Immagine satellitare del “medicane” Cornelia durante il passaggio sulle Eolie

Le precipitazioni più intense, notevolmente esaltate dall’orografia locale, hanno colpito la Calabria ionica, dove in poche ore sono caduti fino a 400 mm d’acqua. La stazione del Santuario di Polsi registrò un accumulo di ben 480 mm in poche ore. Attorno l’occhio si sono formati degli enormi “clusters temporaleschi” carichi di fulminazioni e precipitazioni molto intense. Il ciclone dalle caratteristiche tropicali è stato poi denominato “Samir” ed è stato classificato, successivamente, un “medicane”, ossia un uragano mediterraneo a tutti gli effetti (il massimo grado per un “TLC“, con venti medi sostenuti che hanno superato i 120-130 km/h attorno l’occhio centrale).

Sempre nell’ottobre del 1996 un altro ciclone mediterraneo denominato “Cornelia“, poi classificato come un vero e proprio “medicane”, spazzo tutta l’area del basso Tirreno con piogge torrenziali e venti di tempesta che superarono i 140 km/h sulle isole Eolie, cagionando enormi danni e affondando diversi yacht ormeggiati sull’arcipelago. In quei giorni una forte ondata di maltempo, con piogge e violenti temporali, flagellò molte zone del messinese ionico e del crotonese, causando frane ed esondazioni di fiumi e torrenti lungo le aree litoranee.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007