L’allarme per i minori migranti lasciati nei centri per adulti. Esposto dell’Arci - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’allarme per i minori migranti lasciati nei centri per adulti. Esposto dell’Arci

Eleonora Corace

L’allarme per i minori migranti lasciati nei centri per adulti. Esposto dell’Arci

lunedì 28 Marzo 2016 - 22:06
L’allarme per i minori migranti lasciati nei centri per adulti. Esposto dell’Arci

Minori stranieri non accompagnati costretti a soggiornare nei centri per adulti del PalaNebiolo e di Bisconte, piuttosto che in centri idonei, senza nessun supporto psicologico e pedagogico e neppure adeguata assistenza sanitaria. Lo denuncia il circolo Arci Thomas Sankara, autore di un esposto al dipartimento Politiche Sociali del Comune di Messina.

Ancora minori soli e privi di ogni assistenza nei centri messinesi. A denunciarlo il circolo Arci Thomas Sankara. Il presidente Patrizia Maiorana e la ricercatrice Giuliana Sanò hanno descritto in modo particolareggiato la drammatica situazione di decine di adolescenti tra i 15 e i 17 anni, letteralmente abbandonati a loro stessi. I ragazzi sono costretti a vivere nei centri di prima accoglienza per adulti del PalaNebiolo e di Bisconte, senza un’adeguata assistenza sanitaria, in una situazione di scandalosa promiscuità con gli adulti e senza nessuno dei supporti che per legge devono essere garantiti ad ogni minore non accompagnato.

Il primo febbraio scorso, l’Arci ha presentato un esposto al Dipartimento politiche sociali del Comune e, per conoscenza, al Ministero del lavoro segnalando la presenza di ben 17 adolescenti all’interno della tendopoli. Nel testo dell’esposto veniva richiesta “l’attivazione immediata di collocamento in luogo protetto e l’apertura della tutela dei minori stranieri non accompagnati di cui si indica generalità e date di nascita”. Scrive l’Arci: “Dai colloqui con i minori emergerebbe inoltre una gravissima violazione dei loro diritti. Nonostante la maggior parte di essi abbia manifestato la minore età e un minore è in possesso di certificazione anagrafica, operatori del centro avrebbero omesso la segnalazione. Sembrerebbe che l’avvocato della cooperativa gestore abbia dichiarato loro che dovranno segnalare la minore età nel luogo dove verranno trasferiti insieme agli adulti, poiché tale prassi non è prevista alla tendopoli”.

Alcuni dei minori sono costretti a vivere da oltre due mesi in una situazione intollerabile anche dal punto di vista di vivibilità dei luoghi. Oltre a lamentarsi dei consueti allagamenti del campo da baseball dove sorge la tendopoli, tutti hanno segnalato, come viene riportato dall’Arci: “una carente assistenza sanitaria, nessuna assistenza da parte dei servizi sanitari territoriali, la mancanza di vestiario adeguato. Si evidenzia che dentro la tendopoli ma anche nell’altro centro realizzato nell’ex caserma Gasparro si sono ripetuti episodi violenti, rivolte e proteste”.

Pure, di assistenza questi ragazzi ne avrebbero oltremodo bisogno, per le ferite fisiche che si trascinano dietro dai viaggi estremi che hanno affrontato e spesso anche dai pestaggi e dalle torture che hanno subito in Libia. Ulteriore assistenza necessaria, oltre a quella medica, è quella psicologica. Si tratta di adolescenti che hanno subito traumi di ogni tipo, dalle violenze alle torture, all’aver visto morire parenti e amici.

A fronte di una così grave violazione dei diritti il comune, tramite l’assessore ai servizi sociali Antonina Santisi, ha replicato con una nota mettendosi a disposizione nel prendere in carico, tramite il dipartimento delle politiche sociali “tutti i soggetti che venissero dichiarati minori”. A marzo i volontari dell’Arci hanno identificato altri quattro minori stranieri non accompagnati nella ex Caserma Gasparro a Bisconte, ma anche per questi ragazzi si attendono ancora risposte e , soprattutto, soluzioni adeguate.

Al problema dei minori trasferiti nei centri di prima accoglienza per adulti piuttosto che in centri idonei, si aggiunge quello di chi raggiunge la maggiore età durante il soggiorno nel centro adibito per i minori stranieri non accompagnati di Messina. Questi ragazzi, allo scoccare del 18° compleanno, vengono trasferiti nei centri di prima accoglienza. A denunciare il loro destino, dopo il parlamentare del Movimento 5 Stelle Francesco D’Uva, la presidente della VI commissione comunale Donatella Sindoni. Il centro messinese per minori, chiamato “Amhed” è stato istituito il 25 novembre 2014, su ordine prefettizio per risolvere l’emergenza che vide quasi cento minori abbandonati nella tendopoli del PalaNebiolo. La struttura, convenzionata ora con il Comune, ha ospitato sino a marzo 1.108 ragazzi. Di questi solo tre sono stati poi accolti in famiglia; 476 sono finiti in comunità-alloggio, 16 in SPRAR per minori, 138 in SPRAR per adulti mentre ben 284 si sono “allontanati arbitrariamente”, andando così a riempire le file di quell’esercito sommerso che vede scomparsi oltre 5,000 minori solo nell’ultimo anno.

Donatella Sindoni testimonia di due ragazzi del centro Amhed che il giorno del 18 compleanno sono stati trasferiti a Bisconte e in seguito spostati direttamente al Cara di Mineo. I dati in possesso della Commissione consiliare del Comune di Messina lasciano presagire che almeno un centinaio di minori stranieri da qui a qualche mese compiranno la maggiore età, rischiando di essere trasferiti a loro volta in centri non idonei.

Questo scenario impone a tutti d’intervenire con urgenza e determinazione”, commenta Carmen Cordaro, avvocata del Circolo “Sankara” e tutor di numerosi minori stranieri non accompagnati. “La questione che si pone è il superamento del Centro Ahmed nel senso di una riduzione delle presenze dei minori in questa struttura con una assunzione di responsabilità da parte del Comune di Messina e la creazione di un altro centro di prima accoglienza. Nel frattempo bisogna impedire che i minori stranieri lascino il centro esistente a Messina per essere trasferiti in un altro centro di prima accoglienza, magari dove le condizioni e i servizi sono anche peggiori. Occorre infine aprire la vertenza in tutte le sedi istituzionali preposte per un dignitoso trasferimento dei minori stranieri in strutture di seconda accoglienza idonee”.

Eleonora Corace

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. ARCI AL PARI DELLA CGIL PD COOPOERATIVE AVETE ROVINATO QUESTA GENTE E INVITARGLI, ANZI QUASI OBBLIGANDOLI, A VENIRE IN ITALIA. VEDETE COME VIVONO QUI AL NORD. CI SONO QUELLI CHE VIVONO NEGLI HOTEL A 4 -5 TELLE CON PISCINA ARIA CONDIZIONATA COMPUTER E TELEFONINI (E IL TERRORISMO MUSSULMANO?)ALTRI CHE VIVONO DI ESPEDIENTI RAPINE AGGRESSIONI FURTI AI DANNI DI VOSTRI BABBEI CHE VOTANO SINISTRA. BRAVI COSI’ PENSATE DI AVERE, UN GIORNO, ISCRITTI ALLA CGIL E PD? QUANTE ORGANIZZAZIONI SI AMMAZZANO PER AAVERLI SOTTO LA LORO PROTEZIONE? IL MOTIVO? E PERCHE’? SE SI MACCHIANO DI REATI GRAVISSIMI NESSUNO DELL’ARCI GGIL O PD LI ACCUSA, ANZI LI DIFENDE. VEDETE I RAPPRESENTANTI DEL PD AL COMUNE DI MILANO CHI SI DIFENDE O PROTESTA E’ RAZZISTA E I MORTI?

    0
    0
  2. ARCI AL PARI DELLA CGIL PD COOPOERATIVE AVETE ROVINATO QUESTA GENTE E INVITARGLI, ANZI QUASI OBBLIGANDOLI, A VENIRE IN ITALIA. VEDETE COME VIVONO QUI AL NORD. CI SONO QUELLI CHE VIVONO NEGLI HOTEL A 4 -5 TELLE CON PISCINA ARIA CONDIZIONATA COMPUTER E TELEFONINI (E IL TERRORISMO MUSSULMANO?)ALTRI CHE VIVONO DI ESPEDIENTI RAPINE AGGRESSIONI FURTI AI DANNI DI VOSTRI BABBEI CHE VOTANO SINISTRA. BRAVI COSI’ PENSATE DI AVERE, UN GIORNO, ISCRITTI ALLA CGIL E PD? QUANTE ORGANIZZAZIONI SI AMMAZZANO PER AAVERLI SOTTO LA LORO PROTEZIONE? IL MOTIVO? E PERCHE’? SE SI MACCHIANO DI REATI GRAVISSIMI NESSUNO DELL’ARCI GGIL O PD LI ACCUSA, ANZI LI DIFENDE. VEDETE I RAPPRESENTANTI DEL PD AL COMUNE DI MILANO CHI SI DIFENDE O PROTESTA E’ RAZZISTA E I MORTI?

    0
    0
  3. Free Stadio del baseball… Falsa accoglienza e distruzione di una struttura per i nostri ragazzi

    0
    0
  4. Free Stadio del baseball… Falsa accoglienza e distruzione di una struttura per i nostri ragazzi

    0
    0
  5. OGGI A RIMINI ITALIANI HANNO FATTO LA RACCOLTA DI VIVERI PER SOLI ITALIANI POVERISSIMI CHE NON HANNO ALCUN SOSTENTAMENTO DA CD ORGANIZZAZIONI POLITICHE. SONO STATI AGGREDITI E MASSACRATI DA CLANDESTINI SPALLEGGIATI DA SINISTRI. ECCO CIO’ CHE E’ DIVENUTA REALTA’. ITALIANI MASSACRATI SE PARLANO. INOLTRE, CLANDESTINI HANNO RIFIUTATO IL MANGIARE, PERFINO C’ERA LO YOGURT. DICHIANO CHE NON E’ LORO GRADITO. FORSE PREFERISCONO CARNE DI SERPENTI DI SCIMMIA E DI TOPI. ALLORA, PARAFRASANDO LA FRASE DELLA REGIONE GHIGLIOTTINATA, CHE MANGINO SCIMMIE, PARDON VOLEVO DIRE CAVIALE CHAMPAGNE CON PROSCIUTTO CRUDO CON GRISSINI. MA CIAPPANE’ EN CUL TUTTI QUANTI COLORO CHE LI DIFENDONO. GLI ITALIANI TARTASSATI DALLE TASSE SENZA CASA MANGIARE E MASSACRATI. ARCI!!

    0
    0
  6. OGGI A RIMINI ITALIANI HANNO FATTO LA RACCOLTA DI VIVERI PER SOLI ITALIANI POVERISSIMI CHE NON HANNO ALCUN SOSTENTAMENTO DA CD ORGANIZZAZIONI POLITICHE. SONO STATI AGGREDITI E MASSACRATI DA CLANDESTINI SPALLEGGIATI DA SINISTRI. ECCO CIO’ CHE E’ DIVENUTA REALTA’. ITALIANI MASSACRATI SE PARLANO. INOLTRE, CLANDESTINI HANNO RIFIUTATO IL MANGIARE, PERFINO C’ERA LO YOGURT. DICHIANO CHE NON E’ LORO GRADITO. FORSE PREFERISCONO CARNE DI SERPENTI DI SCIMMIA E DI TOPI. ALLORA, PARAFRASANDO LA FRASE DELLA REGIONE GHIGLIOTTINATA, CHE MANGINO SCIMMIE, PARDON VOLEVO DIRE CAVIALE CHAMPAGNE CON PROSCIUTTO CRUDO CON GRISSINI. MA CIAPPANE’ EN CUL TUTTI QUANTI COLORO CHE LI DIFENDONO. GLI ITALIANI TARTASSATI DALLE TASSE SENZA CASA MANGIARE E MASSACRATI. ARCI!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007