Obiettivi certi per dirigenti e personale, Le Donne e Signorino sulla nuova organizzazione. IL VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Obiettivi certi per dirigenti e personale, Le Donne e Signorino sulla nuova organizzazione. IL VIDEO

Danila La Torre

Obiettivi certi per dirigenti e personale, Le Donne e Signorino sulla nuova organizzazione. IL VIDEO

venerdì 20 Dicembre 2013 - 20:31

Il processo di rinnovamento della macchina amministrativa è iniziato e sia per il segretario generale che per il vice-sindaco si tratta di un passaggio fondamentale. Signorino spiega anche come sono cambiati i bilanci nell’era Accorinti

Questione organizzativa e questione economico-finanziaria sono stati due degli argomenti principali affrontati nel corso della conferenza stampa di auguri convocata dal sindaco Renato Accorinti e dalla sua giunta. Il segretario generale Antonio Le Donne ed il vice-sindaco Guido Signorino si sono passati la parola, “invadendo”, in senso assolutamente benevolo, l’uno l’ambito di competenza dell’altro per presentare ufficialmente la delibera sulla riorganizzazione della struttura burocratica comunale e fissare gli step che dovranno consentire al Comune di Messina di uscire dalla crisi ed allontanare l’ombra del dissesto, attraverso un percorso serio e puntiglioso di risanamento delle casse dell’ente.

Sul fronte finanziario, ha spiegato Le Donne «ci sono cinque grandi passaggi per il Comune: il bilancio consuntivo 2012; il bilancio di previsione 2013; il piano decennale di riequilibrio; il bilancio consuntivo 2013 ed il bilancio di previsione 2014. Il primo passo è già stato compiuto (approvazione in Consiglio consuntivo 2012 ndr) ; il secondo sta per compiersi (approvazione in Consiglio comunale 2013 ndr); quello fondamentale del piano di riequilibrio sarà un passaggio fondamentale che consentirà al Comune di Messina di riacquisire una autonomia decisionale, politica finanziaria e gestionale, che per ora ha perso». Ma è sull’organizzazione o meglio riorganizzazione interna che il segretario generale di Palazzo Zanca , pronto ad assumere ufficialmente anche l’incarico di direttore generale, ha focalizzato il suo intervento, illustrando il contenuto del provvedimento pubblicato qualche giorno fa sull’albo pretorio del Comune (VEDI CORRELATO). La principale modifica sarà la riduzione dei Dipartimenti da 57 a 22, con il pressoché totale azzeramento degli interim. Ci saranno obiettivi da rispettare sia per i dirigenti che per il personale. Quest’ultimo sarà sottoposto,a seconda dei casi, ad addestramento, aggiornamento o formazione. La “rivoluzione” di Le Donne punta anche all’istituzione delle posizioni organizzative, sui cui ci sarà un confronto con i sindacati, ha specificato Le Donne. «I migliori dirigenti dell’ente-ha aggiunto- coadiuveranno i dirigenti nella garanzia della qualità della certezza».

Il processo di rinnovamento della macchina amministrativa è iniziato e, secondo quanto ha assicurato Le Donne, nei prossimi giorni Accorinti terrà colloqui con tutti e i 19 dirigenti per capirne a attitudini professionali e decidere a capo di quale dipartimento collocali. Emanerà19decerti di nomina e da gennaio la nuova organizzazione diverrà esecutiva. Anche ai dipendenti sarà comunicata la loro collocazione all’interno della struttura comunale.

Per il vice-sindaco Signorino, la riorganizzazione è «un obiettivo strategico e non un fatto di puro ridisegno estetico. I dirigenti si occuperanno di materie omogenee e non capiterà più di servizi sociali e di tributi oppure di Ced e di risanamento». Insomma, per l’amministrazione Accorinti la parola d’ordine dovrà essere «efficientizzazione del sistema».

Dopo aver ulteriormente approfondito alcuni aspetti della organizzazione della macchina comunale targata Le Donne , il vice-sindaco si è “tuffato” nel suo campo: il bilanci. «Sul bilancio previsionale- ha detto mi sembra di poter dire che incorpori i requisiti che necessari: la veridicità e l’annualità». Signorino ha , poi, sottolineato che il bilancio è dimagrito di 60-70 milioni di euro in due anni: da un bilancio di 470 milioni i euro siamo passati a 415milioni di euro, di cui 8 milioni sono una partita di giro che il Governo ha imposto di inserire. Con questo dimagrimento riteniamodi aver messo in piedi un bilancio pulito, netto, che il Consiglio comunale potrà emendare ed auspicabilmente migliorare».(Danila La Torre)

Tag:

5 commenti

  1. Se lo attueranno , sara’ il primo atto concreto e importante della giunta Accorinti, spero di sbagliarmi , ma vista la confusione generata in sei mesi , non mi aspetto grandi cose, pero’ il segretario comunale mi sembra molto preparato.

    0
    0
  2. MARIEDIT, dopo un corpo a corpo durato cinque anni, a colpi di commenti e link sull’anacronistica, ottocentesca, struttura organizzativa di Palazzo Zanca, sentiti gli interventi di Guido SIGNORINO e Antonio LE DONNE, passa con entusiasmo e fiducia il testimone a RENATO sindaco. La proposta di Antonio LE DONNE va oltre le mie aspettative, nel mio link proponevo la riduzione a CINQUE delle AREE di cooordinamento, mentre saranno solo DUE le MACRO STRUTTURE di coordinamento dei VENTIDUE DIPARTIMENTI previsti. Le POSIZIONI ORGANIZZATIVE, cui concorreranno i dipendenti della CATEGORIA D saranno DIECI, l’impegno è di assegnarli ai più preparati professionalmente. La mia battaglia contro gli AD INTERIM è vinta, ricordo per tutti quella decennale al Dipartimento Attività Edilizia e Represione Abusivismo, una delle cause principali della devastazione delle nostre colline. FINALMENTE le INDENNITA’ di risultato saranno superiori a quelle di posizione. Ecco spiegato agli ingenui, il motivi del colpo di fulmine di alcuni Consiglieri Comunali, portavoci di chi ha raggiunto facilmente con la potica posizioni rilevanti, per Santi ALLIGO, uomo ideale per mantenere lo STATUS QUO a Palazzo Zanca. E’ nell’interesse anche di Felice CALABRO’ una netta distinzione dei ruoli, ma il sindaco in ab imo pectore è capace di fare politica nell’interesse generale, di tenere lontano gli appetiti individuali, come quello di Largo San Giacomo??? PENSO PROPRIO DI NO.

    0
    0
  3. pietro anzalone 21 Dicembre 2013 20:29

    Spero ci sia anche l’efficacizzazione perche’ di sola efficientizzazione se ne e’ vista fin troppo.

    A proposito cosa si conosce in merito alla contabilita’ economica?

    0
    0
  4. CastorinaCarmelo 22 Dicembre 2013 10:14

    Sembra che lo “sport” preferito da “certi nostri concittadini” sia scagliarsi sempre e contro l’Amministrazione del Sindaco Renato Accorinti.Mi spiego meglio: sembra ci sia in “Gestazione” un servizio di una nota emittente televisiva sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani.Sto verificando personalmente le condizioni di accumulo dell’immondizia nelle principali arterie stradali cittadine: ebbene molti cassonetti sono stati svuotati stamane,con solerte perizia da parte degli addetti ai lavori: I quali patiscono purtroppo ritardi nei pagamenti degli emolumenti a loro dovuti e che nonostante tutto fanno il loro dovere e non saranno mai abbandonati dall’Amministrazione Comunale. che si sta adoperando per la risoluzione delle loro problematiche.Quindi lascio alle intelligenze libere e migliori della nostra città le considerazioni in merito. BUON NATALE A TUTTI.

    0
    0
  5. MessineseAttento 22 Dicembre 2013 12:18

    Ricordo il terrore negli occhi di Calabrò quando si annunciava l’arrivo di Le Donne a palazzo Zanca.
    Il verginello di periferia si affrettava a convocare una conferenza stampa in cui tuonava: “Se diventerò sindaco, Le Donne se ne tornerà da dove è venuto”.
    Spaventato come un bimbo che ha perso la rassicurante mano del papà, il buon Calabrò temeva, e teme, che un segretario avulso dalle logiche di spartizione che hanno sporcato il Palazzo durante gli ultimi anni, possa portare a galla il guano che si è accumulato in anni di mala politica, avvantaggiata da opposizioni conniventi e complici.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x