Messina, i nomi dei 5 arrestati per la movida violenta, frasi shock in chat - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, i nomi dei 5 arrestati per la movida violenta, frasi shock in chat

Alessandra Serio

Messina, i nomi dei 5 arrestati per la movida violenta, frasi shock in chat

sabato 27 Maggio 2017 - 08:13
Messina, i nomi dei 5 arrestati per la movida violenta,  frasi shock in chat

Identificati gli autori del pestaggio del 29enne per la fila al bagno. Ecco nomi e foto. Sequestrati i telefonini da cui sono estratte le conversazioni disarmanti in cui uno degli autori si indignava per i commenti di condanna del fatto, circolati sui social.

Sono tutti giovani e la maggior parte incensurati, tra loro anche qualche rampollo della Messina-bene, i cinque presunti autori del violento pestaggio avvenuto sabato notte in un locale di via Garibaldi. La Squadra Mobile ha chiuso il cerchio sul gruppetto analizzando i filmati delle videocamere, le testimonianze della vittima – che ha riconosciuto gli aggressori, ed i presenti ed ha acquisito i tabulati telefonici di alcuni protagonisti.

Sono ora rinchiusi a Gazzi Giovanni Tavilla, 19 anni, con precedenti dello stesso tipo; avevano la fedina penale immacolata, invece, Michele Leggio (21), Alessio Doddis (20) e i diciottenni Giosuè Di Stefano e Luigi Bruno.

Nelle loro conversazioni in chat, la Polizia ha trovato alcuni commenti scioccanti. Uno di loro, ad esempio, conversando un paio di giorni dopo con un amico estraneo ai fatti, si indignava perché su Facebook circolavano commenti negativi e di condanna nei confronti dell'aggressione. E poiché a difesa della vittima si era posto anche un ragazzo straniero, addirittura uno dei due commenta: "ora facemu parrari puru i marocchini".

Il provvedimento è stato silgato dal Gip Monia De Francesco su richiesta del sostituto procuratore Alessia Giorgianni, che accusa i cinque di tentato omicidio. Adesso toccherà a loro difendersi, e chiarire i ruoli nella vicenda. In quattro sono scappati subito dopo, uno di loro è rimasto sul posto ed ha chiesto di chiamare i soccorsi. Anche lui però al momento va in carcere.

Le indagini della Squadra Mobile confermano che la rissa è scoppiata per una lunga fila al bagno del locale. La vittima, il ventinovenne, era in compagnia di altre due persone che sono intervenute in sua difesa. Alla fine il ragazzo ha avuto comunque la peggio. Foto e video, pur nel buio del locale, hanno immortalato la scena agghiacciante. Il ventinovenne è ancora in ospedale e le sue condizioni migliorano gradualmente.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

14 commenti

  1. non sapevo che gli animali si indignano.

    0
    0
  2. non sapevo che gli animali si indignano.

    0
    0
  3. Non c’è molto da dire x loro stesso trattamento poi si vede!

    0
    0
  4. Non c’è molto da dire x loro stesso trattamento poi si vede!

    0
    0
  5. A questi “nonsocosa” si dovrebbe applicare la legge del taglione!
    Se presi singolarmente sono il niente mischiato al niente, incapaci di fare alcunchè perchè le prenderebbero di santa ragione. Quando sono in gruppo si fanno forti ed ostentano la rabbia e l’odio che hanno dentro.
    Messina sta sprofondando sempre di più e la colpa maggiore va data ai politici locali “pupi i pezza” che fanno la passerella a Roma o Palermo e che fremono per mantenere poltrone e vitalizi. Quando un giorno si scatenerà l’ira del popolo e i ceti bassi scenderanno nelle piazze armati di qualsivoglia oggetto, forse allora la politica si darà una mossa e farà qualcosa di concreto per la collettività. Ma fino ad allora dovremo sopportare le angherie di tutti.

    0
    0
  6. A questi “nonsocosa” si dovrebbe applicare la legge del taglione!
    Se presi singolarmente sono il niente mischiato al niente, incapaci di fare alcunchè perchè le prenderebbero di santa ragione. Quando sono in gruppo si fanno forti ed ostentano la rabbia e l’odio che hanno dentro.
    Messina sta sprofondando sempre di più e la colpa maggiore va data ai politici locali “pupi i pezza” che fanno la passerella a Roma o Palermo e che fremono per mantenere poltrone e vitalizi. Quando un giorno si scatenerà l’ira del popolo e i ceti bassi scenderanno nelle piazze armati di qualsivoglia oggetto, forse allora la politica si darà una mossa e farà qualcosa di concreto per la collettività. Ma fino ad allora dovremo sopportare le angherie di tutti.

    0
    0
  7. Vergogna

    0
    0
  8. Vergogna

    0
    0
  9. Semplicemente buttate le chiavi e lasciateli in carcere.
    Pensate per un attimo se ad essere pestato col rischio di perdere la vita fosse vostro figlio,fratello, fidanzato o amico.

    0
    0
  10. Semplicemente buttate le chiavi e lasciateli in carcere.
    Pensate per un attimo se ad essere pestato col rischio di perdere la vita fosse vostro figlio,fratello, fidanzato o amico.

    0
    0
  11. Non è giusto metterli in carcere a mangiare e dormire a nostre spese, bisogna mandarli a lavorare per strada a raccogliere l’immondizia, tanto sono la stessa cosa.

    0
    0
  12. Non è giusto metterli in carcere a mangiare e dormire a nostre spese, bisogna mandarli a lavorare per strada a raccogliere l’immondizia, tanto sono la stessa cosa.

    0
    0
  13. Non capisco perché nell’articolo ci sia scritto che era presente “qualche rampollo della messina bene”. Li avete visti in faccia? Altre fonti hanno pubblicato le foto di tutti e 5 i criminali e di “bene” non hanno proprio niente, sembrano usciti dallo zoo, quelli che appena li vedi capisci che non hanno niente di meglio da fare che rompere i c0****i alla gente.

    0
    0
  14. Non capisco perché nell’articolo ci sia scritto che era presente “qualche rampollo della messina bene”. Li avete visti in faccia? Altre fonti hanno pubblicato le foto di tutti e 5 i criminali e di “bene” non hanno proprio niente, sembrano usciti dallo zoo, quelli che appena li vedi capisci che non hanno niente di meglio da fare che rompere i c0****i alla gente.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007