Movida violenta domani gli interrogatori. La precisazione dell'avv. Cacia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Movida violenta domani gli interrogatori. La precisazione dell’avv. Cacia

Alessandra Serio

Movida violenta domani gli interrogatori. La precisazione dell’avv. Cacia

lunedì 29 Maggio 2017 - 07:15
Movida violenta domani gli interrogatori. La precisazione dell’avv. Cacia

"Leggio non c'entra, ha atteso i soccorsi e la Polizia accanto alla vittima", così il difensore di uno dei giovani arrestati sabato con l'accusa di tentato omicidio. Domani il faccia a faccia col giudice.

E' fissata per domattina la trasferta in carcere del giudice per le indagini preliminari Monia De Francesco per gli interrogatori di garanzia dei cinque giovani accusati di tentato omicidio. Accompagnati dai difensori, gli avvocati Salvatore Silvestro, Nino Cacia, Antonello Scordo, Giovanni Caroè e Daniele Garufi, decideranno se rispondere alle domande del giudice oppure tacere, avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Contro Giovanni Tavilla, Michele Leggio, Alessio Doddis, Giosuè Di Stefano e Luigi Bruno ci sono i filmati delle telecamere del locale e quelle della zona di via Garibaldi e il riconoscimento della vittima, il ventinovennne pestato a sangue nel bagno per una lite scatenata dalla lunga fila (leggi qui).

"Quale Difensore di fiducia del giovane incensurato Michele Leggio – dichiara intanto l'avvocato Cacia – ritengo opportuno precisare quanto segue: il ragazzo che non ha devianze di alcun tipo ed appartiene ad una famiglia di persone per bene, fortemente provato per la vicenda, mi ha più volte ribadito che in relazione al pestaggio non ha avuto alcun ruolo.

Del resto, la notte del pestaggio il ragazzo ha atteso che arrivassero soccorsi e forze dell'ordine, con ciò dimostrando – sotto un profilo logico – di non aver nulla da temere. Attende con ansia l'interrogatorio di garanzia al fine di illustrare al Gip la propria versione dei fatti, affinchè il Giudice della cautela, da subito revochi il provvedimento afflittivo. Si sta procedendo – nell'ambito di investigazioni difensive – all'assunzione di sommarie informazioni di altri giovani che erano in compagnia del Leggio la sera della aggressione, il cui coacervo dicharativo andrà prudentemente comparato con l'unico elemento investigativo fondante il quadro di gravità indiziaria a carico del mio Assistito"

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. indignatospeciale 29 Maggio 2017 08:56

    Sicuramente usciranno tutti il giudice alla fine concluderà che è stata la faccia del malcapitato ad andare contro i pugni di questi balordi , la giustizia in Italia fa solo ridere i polli .

    0
    0
  2. indignatospeciale 29 Maggio 2017 08:56

    Sicuramente usciranno tutti il giudice alla fine concluderà che è stata la faccia del malcapitato ad andare contro i pugni di questi balordi , la giustizia in Italia fa solo ridere i polli .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007