Movida violenta a Messina, tornano liberi due giovani - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Movida violenta a Messina, tornano liberi due giovani

Alessandra Serio

Movida violenta a Messina, tornano liberi due giovani

giovedì 08 Giugno 2017 - 15:22
Movida violenta a Messina, tornano liberi due giovani

Tornano liberi uno dei ragazzi accusati di aver preso parte al pestaggio per la fila al bagno del locale, mentre altri due ottengono i domiciliari.

Il Tribunale del Riesame ridimensiona l'episodio dello scorso 20 marzo, quando un ventinovenne fu violentemente picchiato nel bagno di un locale di via Garibaldi.

Una settimana dopo, furono cinque i giovani arrestati dalla Polizia. Oggi il Collegio della Libertà, presidente Trovato, ha scagionato Michele Leggio e Luigi Bruno, annullando il provvedimento a suo carico.

Vanno dalla cella ai domiciliari Alessio Doddis e Giosuè Di Stefano. Carcere confermato, invece, per Giovanni Tavilla, l'unico che aveva precedenti.

I giovani erano difesi dagli avvocati Nino Cacia, Daniela Garufi, Salvatore Silvestro, Antonello Scordo e Giovanni Caroè.

A portarli in carcere erano state le indagini della Squadra Mobile, che hanno confermato che la rissa è scoppiata per una lunga fila al bagno del locale. La vittima, il ventinovenne, era in compagnia di altre due persone che sono intervenute in sua difesa.

Alla fine il ragazzo ha avuto comunque la peggio. Foto e video, pur nel buio del locale, hanno immortalato la scena agghiacciante. Al primo vaglio dei giudici, però, i vari ruoli dei ragazzi nella vicenda sono stati rivisti.

"Prendiamo atto del provvedimento del TdL che, annullando l'ordinanza di custodia cautelare a carico di Michele Leggio, gli ha restituito la liberta – è il commento dell'avvocato Cacia – Abbiamo offerto al tdl – come fatto al gip durante l'interrogatorio di garanzia – le prove documentali della estraneità del leggio alle accuse contestate. Resta l'amarezza per la vicenda che ha riguardato uno studente universitario incensurato, il quale – per il provvedimento oggi annullato – è stato fatto oggetto di feroci attacchi sui numerosi social network a seguito del legittimo esercizio del diritto di cronaca della stampa. Occorre maggior prudenza nella valutazione degli elementi offerti dalla pg ed è necessario considerare che l'attività difensiva può essere strumento di leale ausilio alle scelte dell'autorità giudiziaria".

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007