Accorinti e la fascia al Dalai Lama. Ardizzone:“Non è una sciarpa di calcio" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Accorinti e la fascia al Dalai Lama. Ardizzone:“Non è una sciarpa di calcio”

Accorinti e la fascia al Dalai Lama. Ardizzone:“Non è una sciarpa di calcio”

venerdì 15 Settembre 2017 - 15:26
Accorinti e la fascia al Dalai Lama. Ardizzone:“Non è una sciarpa di calcio”

Il gesto del primo cittadino ha scatenato subito le polemiche. Il primo è stato il presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone, sulla stessa linea la presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile, ancora più duro il commento del consigliere comunale Nino Carreri

Le prime immagini arrivate dalla pista dell’aeroporto di Catania ci hanno consegnato l’immagine del Dalai Lama con il tricolore attorno al collo. E’ stato il sindaco Renato Accorinti a spogliarsi della sua fascia per donarla immediatamente al Dalai Lama. Lo aspettava sulla pista con una piccola pignolata in mano e la fascia in spalla consegnata al momento dei saluti. Il Dalai Lama ha sorriso e l’ha indossata. Un gesto che ha immediatamente scatenato le polemiche.

Il primo a tuonare su Facebook è stato il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone: “Il sindaco di Messina confonde la fascia tricolore (di primo cittadino) con la sciarpa di una squadra di calcio. Non lo poteva e non lo doveva fare".

Sulla stessa linea la presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile, che si rivolge al prefetto Francesca Ferrandino, parlando di "grave accadimento" e "pericoloso segnale di mancato rispetto del valore del tricolore in netto contrasto con la legislazione vigente ed in particolare con la Circolare n° 5/08 del 4 novembre 1998 emanata dal Ministero dell’Interno ed inviata ai prefetti e che fa riferimento alla Legge 15/1997," e chiedendo quali eventuali consequenziali provvedimenti vorrà adottare "apparendoci necessario stigmatizzare l’utilizzo disinvolto che il sindaco di Messina ha fatto della fascia, utilizzandola come mero ornamento e spogliandola dell’alto significato istituzionale che le disposizioni hanno imposto in quanto simbolo di “dignità e decoro della carica”. L’uso del tricolore da parte di altri soggetti non appare assolutamente in linea con il dettato normativo e configura una grave illegittimità dell’uso della fascia".

Ancora più duro il consigliere comunale Nino Carreri: “La venuta del Dalai Lama offre al sindaco Accorinti l'ennesima occasione per dare un segnale forte alla comunità messinese. Il segnale è di quelli precisi: Della fascia tricolore, onore di ogni sindaco che si rispetti, non gliene può fregare di meno. L'importante è far vedere la scritta Free Tibet”. Per Carreri come sempre Accorinti ha “anteposto la sua vanagloria e il suo ego smisurato al suo ruolo istituzionale”. Il consigliere di Sicilia Futura ha intenzione di informare del gesto direttamente il Prefetto e poi si rivolge direttamente al primo cittadino: “Se non sei capace di assumere il ruolo che, ahimè, una piccola parte della cittadinanza ti ha offerto, fai un passo indietro. L'essere anarchico, libertario, non violento, pacifinto, non ti esime dal rispetto per le Istituzioni”.

Carreri rispolvera anche l’art. 50, comma 12 del D.Lgs. 267/2000 che definisce la fascia tricolore come “distintivo del Sindaco”, unitamente allo stemma della Repubblica Italiana e lo stemma del Comune (questi ultimi compaiono sulla fascia dal 1997), da portare a tracolla.

La ratio di tale disposizione supera la funzione di mera indicazione di un semplice ornamento, ma va ad individuare un simbolo certamente dotato di specifici significati, e per tali ragioni non avulso da un uso mirato ed opportuno.

Tag:

22 commenti

  1. MessineseAttenta 15 Settembre 2017 16:26

    E’ un preciso reato.
    La fascia tricolore identifica la carica, al pari della divisa per il poliziotto.
    Quanto fatto dallo scalzo pagliaccio è una inaudita violenza all’Istituzione.

    0
    0
  2. 2. Puntata di scunchiututo. Ancora una volta la lingua siciliana rende giustizia al nostro sindaco.

    0
    0
  3. Trousse di malafigura. Anche la lingua francese rende onore al nostro primo cittadino. Trousse deriva da trousse .. mettere insieme, impacchettare ahimè. .. mali figuri

    0
    0
  4. Pensate a tutti i reati che si vedono quotidianamente a Messina e non rompete i coglioni ininterrottamente

    0
    0
  5. No è un xxxxxx senza limiti, irrefrenabile ,immatura non c’è da dire altro stupida!

    0
    0
  6. Secondo me non capisce niente. E lo dico per quelle poche cose che gli ho sentito dire e soprattutto per questi “grandi gesta”. Grande Accorinto (manche e cani signuri…..)

    0
    0
  7. libero professionista 15 Settembre 2017 19:05

    Il problema non e il Dalai Lama. E’ pur sempre un premio Nobel per la pace ed anche un’autorita’ religiosa. Il problema sta unicamente nel fatto che Renato Accorinti oltre ad invitare il Dalai Lama non e in assolutamente in grado di svolgere i suoi doveri di sindaco di questa citta,

    0
    0
  8. Ma, secondo voi, questo tizio conosce la differenza che passa tra la sciarpa di un sindaco e la sciarpa di una squadra di calcio? Se non la conosce, dobbiamo solo compatirlo, salvo poi, attendere che, se l’uso improprio configura un reato, intervenga chi di dovere.

    0
    0
  9. Ennesima figuraccia con questo suo modo di fare, poverino non vedeva l’ora di sbavare davanti al Dalai Lama cosi da indurlo a purificare le anime di noi messinesi sommersi dai rifiuti. Mi auguro che il consiglio comunale abbia la coerenza di bocciare la richiesta di cittadinanza onoraria tanto invocata dal carmelitanu scalzo.

    0
    0
  10. Si ma ora non attacchiamolo ad ogni gesto che fa… Ogni azione é un motivo x fare polemica… Perché lo avete votato?

    0
    0
  11. Ok, avete tutti ragione. Però io quando ho letto della Barrile che parla di dignità sono caduto dalla sedia…

    0
    0
  12. Dalai Lama facci una grande cortesia al Popolo Messinese portatelo via con Te in Tibet ,questo è il miracolo che tantissimi ti chiedono.
    Free Messina da Accorinti .

    0
    0
  13. e’ un gesto disprezzabile che ha fatto in barba alla volontà del consiglio di non dare la cittadinanza al Dalai Lama , solo che come sempre eccede nelle cazzate, e la figura del xxxxxxxxxx farà il giro dell STAMPA NAZIONALE , è QUELLO CHE VUOLE STO xxxxxxx

    0
    0
  14. OLTRE CHE SCUNCHIUTUTU E ANCHE PRATICU QUALCUNO HA SCRITTO PER FAVORE PORTATELO IN TIBET. LA RISPOSTA DEL DALAI LAMA SARA’ HO TANTI GUAI FIGURIAMOCI SE MI PORTO ANCHE QUESTO.

    0
    0
  15. Lo abbiamo votato perché lo consideravamo una persona onesta, forse poco competente, ma una persona nuova e pulita. Ci siamo resi conto solo dopo, giorno dopo giorno, che razza di persona sia. Cosa ha fatto di buono per la città? NULLA! Messina era già una città abbandonata da classi dirigenti precedenti incapaci e poco…. “trasparenti”, ma nessuno poteva mai immaginarsi che questo scarsissimo soggetto avrebbe distrutto anche le macerie causate da quellicheceranoprima. Che se ne vada a casa, al più presto. Tanto, lo sa che alle prossime elezioni verrà cacciato in malo modo. Ormai i soldi, ai quali dichiarava di voler rinunciare, se li è presi. Adesso VIA… SCIO’… A CASA… danni ne hai fatti anche troppi!

    0
    0
  16. è inutile lavarici a testa o sceccu e tempu persu e danari buttati.SE è reato intervenga chi di dovere altrimenti pinsamu o sceccu e ce ne facciamo una ragione sperando che il Dalai lo porti in Tibet..

    0
    0
  17. Fate un nome tra quelli che si erano candidati quando è stato eletto ACCORINTI…..che avrebbe fatto di meglio perché aveva dimostrato di essere stato più onesto e capace di lui. Allora…..lo fate questo nome?

    0
    0
  18. Accorinti ossequia il Dalai Lama,La Barrile invece Genovese, ed Ardizzone,Cuffaro , e Lombardo, Ecco la differenza. I Condìsiglieri Comunali si dovrebbero Vergognare.Criticano il Dalai Lama, soltanto perche’ piace al Sindaco

    0
    0
  19. Messina Prima di Tutto 16 Settembre 2017 08:37

    Quoto in pieno.. e ricordo un certo bagno di folla alla camera di commercio per ossequiare cuffaro per la presentazione del suo libro.. cito soltanto Barrile e Contestabile

    0
    0
  20. veramente accorinti è ancora sindaco perchè i consiglieri dell’area genovese non lo hanno sfiduciato ….. solo un ricordo di quanto accaduto durante la votazione della sfiducia senza nessuna polemica

    0
    0
  21. Io ho votato lo scalzo ma, col senno di poi, devo dire che qualunque altro candidato a sindaco avrebbe fatto meglio. Ancora parliamo di onestà è capacità? ma dai, non scherziamo. Il vanesio non pensa assolutamente alla città, perchè se ci avesse pensato, in oltre quattro anni, qualcosa di buono lo avrebbe fatto. Invece pensa solo a far sfoggio di ridicole magliette e a cercare ogni modo per mettersi in mostra. Governare la città, richiede capacità (che il tibetano non ha) e spirito di sacrificio. Lui, pensa solo a fare passerella. Meno male che presto i messinesi se lo toglieranno di torno. Chiunque verrà dopo, sarà meglio di lui!

    0
    0
  22. Infatti il Dalai Lama riconoscendo che la fascia tricolore non è degno/capace di indossarla ne ha data una bianca!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x