Ponte sullo Stretto, Sturniolo: «Genovese omette alcune verità» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ponte sullo Stretto, Sturniolo: «Genovese omette alcune verità»

Redazione

Ponte sullo Stretto, Sturniolo: «Genovese omette alcune verità»

mercoledì 27 Marzo 2019 - 07:30
Ponte sullo Stretto, Sturniolo: «Genovese omette alcune verità»

L’ex consigliere comunale ed attivista del Movimento No Ponte interviene in merito alla nota firmata dal segretario generale della Cisl Messina

MESSINA – Il segretario provinciale della Cisl, Tonino Genovese, ha lanciato formalmente la proposta di una manifestazione pro-ponte che porti in piazza 30000 siciliani e calabresi. Non è la prima volta che lo fa. Altri hanno già espresso intenzioni simili. Lo ha fatto, ad esempio, il Sindaco di Messina Cateno De Luca. Fino ad oggi siamo agli annunci, ma certamente il meccanismo dell’annuncio non potrà essere protratto all’infinito e, dunque, si è ormai soltanto in attesa della data del corteo. Il movimento no ponte ha già portato in piazza decine di migliaia di persone. I SI Ponte devono ancora dimostrare di essere in grado di farlo.

L’intervento di Tonino Genovese è interessante, però, per un’altra ragione. Il segretario provinciale della Cisl è il primo, infatti, e di questo bisogna dargli atto di onestà intellettuale, ad ammettere che le opere pubbliche abbiano un impatto poco significativo dal punto di vista occupazionale per il territorio. A dimostrazione della sua tesi cita i cantieri (“che valgono 206 milioni”) attualmente aperti nel territorio della Città metropolitana di Messina (il Porto di Tremestieri, il pontile di Giammoro, il portale della Fiera, la via Don Blasco, il porto di Sant’Agata di Militello, il lungomare di Torrenova). Se tanto è, figurarsi quanto poco vantaggioso potrebbe essere il saldo occupazionale di un’opera ben più complessa dal punto di vista della sua costruzione come il Ponte sullo Stretto. Finisce qui, insomma, la retorica che ha ammorbato il dibattito con annunci di 50000 o 70000 o 100000 posti di lavoro.

Come tanti sostenitori del Ponte sullo Stretto, Tonino Genovese ritiene, inoltre, importante intercettare le rotte della Via della Seta, argomento, questo, decisamente più fondato perché riferito ad un progetto vero che ha una consistenza finanziaria imponente e, soprattutto, a differenza del primo, concreta. E’ corretto interrogarsi su questo e valutarne i costi e i benefici, ma non si capisce, a tal proposito, come mai non si colga l’anacronismo del Ponte a fronte della rilevazione che gran parte del commercio mondiale è marittimo e il Mediterraneo abbia già delle rotte che conducono ai porti di Genova e Trieste.

Ciò che, però, il segretario della Cisl evita di dire (non si può pensare che lo ignori) è che se il Ponte fosse stato realizzato la Via della Seta non avrebbe potuto scegliere come rotta lo Stretto di Messina in quanto avrebbe incontrato nel Ponte un ostacolo. Il progetto definitivo del Ponte sullo Stretto prevedeva, infatti, 65/70 metri di canale navigabile centrale per le grandi navi (il progetto di massima stimava in 7 metri l’oscillazione verticale massima e il canale navigabile in precedenza era addirittura di 57 metri). La grandi navi portacontainer, infatti, hanno tutte altezze superiori al massimo consentito dal Progetto definitivo. Ma, a ben guardare, anche le moderne grandi navi da crociera hanno altezze superiori e non avrebbero potuto fare rotta nello Stretto in presenza della grande infrastruttura.

Insomma, come spesso accade a Messina, gli argomenti vengono affastellati uno sull’altro senza che la discussione pubblica abbia una coerenza interna. Spiace che questo riguardi chi ha responsabilità dal punto di vista politico e sindacale, chi dovrebbe difendere gli interessi del territorio, dei suoi abitanti, dei lavoratori.

Gino Sturniolo

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Giovanni Mollica 27 Marzo 2019 07:59

    La tragedia di un uomo che sostiene argomenti privi di logica

    2
    3
  2. Io sono d’occardo con le parole di Genovese. Sturniolo è privo di una seria strategia. Oggi a sostenerlo ci sono i 5 stelle, vedi pure i lavori fermi da 50 anni a giampilieri per il doppio binario da Messina -Catania, basta con i piangistei

    0
    0
  3. francesco incardona 27 Marzo 2019 11:41

    Sarebbe richiesta più correttezza nell’informazione :76 m altezza del canale navigabile
    65,41 m franco minimo navigabile
    600 m larghezza del canale navigabile centrale

    0
    0
  4. …che peccato, il mio desiderio era quello di morire sul Ponte ! A 98 anni e me ne mancano soltanto 17 !

    1
    0
  5. genovese, secondo me è il cognome che porta sfiga!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007