Prove tecniche di ritorno della Balena Bianca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Prove tecniche di ritorno della Balena Bianca

Rosaria Brancato

Prove tecniche di ritorno della Balena Bianca

domenica 28 Aprile 2013 - 07:15
Prove tecniche di ritorno della Balena Bianca

Il governo Letta, figlio del grande inciucio, sogna di crescere lontano dai genitori. Ha alcune novità da non sottovalutare, ma segna la fine del bipartitismo e profuma di ritorno della Democrazia cristiana e di un pentapartito legato al proporzionale. Segna la fine anche dell'attuale Pd.

Il Pd ha trascorso la campagna elettorale dichiarando che mai avrebbe governato col Pdl: “Noi siamo alternativi a Pdl e Lega. Il sorpasso di Berlusconi? Col binocolo- diceva Bersani – Io chiedo il 51% ma lo userò come il 49%.

A distanza di due mesi non solo il Pd si è fatto sorpassare da Berlusconi ma ci ha fatto il governo, utilizzando la maggioranza ottenuta con una legge elettorale vergognosa come se fosse, appunto, il 49%. Il Pd non solo da ieri non è alternativo al Pdl ma è complementare. Poco male, perché almeno adesso, dopo 20 anni sappiamo cosa vuol fare il Pd con Berlusconi: governarci. Certo, poteva accaderci di peggio del governo Letta, che ha alcune novità da non sottovalutare. Ho trascorso giorni terrorizzata all’idea di vedere partorito un governo con Amato, D’Alema, magari vedendo rispolverato Lamberto Dini, e perché no, riesumato Bettino Craxi. Insomma, il nuovo che avanza. Per colpa del porcellum ancora in vita grazie all’impudicizia di questa classe politica tornare alle urne a giugno non avrebbe migliorato le cose. L’unico augurio che possiamo farci è che facciano la legge elettorale e ci restituiscano la libertà di voto. E con la libertà di voto anche il piacere di votare, perché con il porcellum per me è stata un’angoscia, era come scegliere tra l’olio di fegato di merluzzo e l’olio di balena. E’chiaro che ha vinto Berlusconi e perso Bersani. Dal canto nostro l’unica cosa che abbiamo perso è la pazienza. La nota positiva per noi messinesi è la nomina di Gianpiero D’Alia al ministero della Pubblica Amministrazione. E’ il coronamento di una carriera politica sudata a dispetto dell’essere figlio d’arte e chi lo conosce sa che non si è mai cullato sugli allori ed ha sempre affrontato a viso aperto le sfide. Ha il difetto di essere nell’Udc ma con il resto di questo governo ha in comune proprio questo, l’essere democristiano nel Dna. Tra i ministri ci sono molte donne che hanno fatto la gavetta, competenti e preparate, giovani che quando Amato governava erano fanciulli, ma soprattutto vengono tutti da un’area moderata di entrambi i fronti. Il sogno “del grande centro” di Casini si realizza ad opera di altri per giunta più giovani di lui e per giunta del Pd….. A parte il sindaco di Padova, Flavio Zanonato, sporadica la presenza dei "comunisti" e gran parte dei Pdl sono molto più moderati di quelli rimasti fuori dal governo (e che non l’hanno presa bene, da Brunetta alla Santanchè, che definire fuori dalle righe è un eufemismo). Abbiamo quindi una generazione di 40enni finalmente sulle poltrone ed è un segnale positivo, sia pure tardivo rispetto al resto del mondo. La scelta di Emma Bonino agli Esteri è da standing ovation. Josefa Idem è una che a 48 anni si allena 8 ore al giorno, ha vinto medaglie olimpioniche anche aspettando i suoi bimbi, segno di grande carattere, disciplina ferrea, valori forti, che sono doti indispensabili. Poi ci sono le provenienze dei saggi e gli ex del governo Monti. A occhio e croce, una sorta di post-pentapartito in chiave moderna. All’epoca la Dc riusciva a governare con tutti,anche con i comunisti che stavano all’opposizione, perché nella distribuzione delle poltrone non arraffava tutto per sé ma divideva. Quando tangentopoli spazzò via i partiti si scoprì che persino le tangenti andavano al partito d’opposizione. Si chiamava consociativismo ed anche esponenti comunisti finirono in carcere. Il teorema dell’inciucio al quadrato. La Balena bianca , lo dico per i lettori più giovani, non è quella di Pinocchio, ma una forma di governo benedetta dalla Chiesa e dai socialisti che piaceva a tutti i partiti, dai liberali ai repubblicani passando per i socialdemocratici. Se non una poltrona, uno sgabello c’era per tutti. E a scanso d’equivoci, nessuno rubava per sé, non ci sono segretari di partito che si son fatti le ville faraoniche scappando con la cassa e quando si facevano gli appalti oltre alle mazzette c’era anche l’opera in questione. Nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica c’è stato un peggioramento verso il basso anche in termini di contenuti. Nessuno si è mai comprato una laurea in Albania. Di fatto il governo Letta sancisce una serie di de profundis: la fine del bipartitismo, di un sistema nato da un referendum e che prevede due grandi contrapposizioni che si alternano. E’ anche la fine del Pd attuale perché mentre il popolo Pdl è ben lieto di aver portato al governo il vicepremier Alfano quando all’indomani delle urne sembrava impossibile, il popolo di centro-sinistra non perdonerà mai al Pd di aver governato con Berlusconi. Il peggio per i Pd deve ancora venire perché adesso si deve governare e vorremmo capire cosa faranno su alcuni temi cruciali quali il conflitto d’interessi, le norme anticorruzione, i tagli alla casta, l’Imu, l’evasione fiscale, la riforma della giustizia, la riforma elettorale (questa sì, la faranno tutti insieme con l’obiettivo di uccidere elettoralmente Grillo). E’ senza dubbio un governo per certi aspetti coraggioso anche nei confronti dei partiti di riferimento, nei quali ha lasciato molti scontenti e animati da spirito di vendetta. Non sappiamo quanto durerà, non penso molto più di un anno, dipende dai livori di un Parlamento eletto col porcellum e che sa che questo sarà il suo ultimo giro di giostra. E’ un governo che non va indietro e che mette un punto rispetto alla Seconda Repubblica. E’ nato da un grande inciucio ma vuol crescere lontano dai genitori. In ogni caso sarà quel punto dal quale si costruirà una nuova Repubblica, diversa da questi ultimi 20 anni che ognuno di noi legge in modo diverso. Dal governo Letta non si torna indietro. Arriverà un papa Francesco anche nella politica. Non è più Seconda Repubblica e non è ancora Terza. S’intravedono i germi di un ritorno della Democrazia Cristiana in chiave laica e di un pentapartito del duemila. In ogni caso non ci sarà più il bipartitismo che gli italiani non hanno mai digerito né compreso né amato. Saturno uccideva i suoi figli per paura di essere spodestato. Siamo arrivati a un punto in cui rischiavamo di non avere più figli da mangiare. Ma il mito racconta di come Zeus sia scampato al banchetto paterno e, cresciuto protetto, abbia tolto il trono a Saturno. Non è un fatto di età, ma quando si diventa troppo anziani si diventa un po’ sordi e si vede di meno. Finisci per non l’ascoltare più la gente e per non vedere più l’elettorato che muore di fame mentre mangi a sbafo. Come Maria Antonietta prima della rivoluzione francese.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

9 commenti

  1. dolcestilnuovo 28 Aprile 2013 07:49

    Il ritorno della balena Bianca è l’unica cosa positiva! Dopo aver sperimentato la “seconda Repubblica”, chi può mai rimpiangere il tempo della vecchia DC?
    Speriamo solo di trovare protagonisti all’altezza, per il resto, ben vengano le larghe intese, se fatte onestamente mettendo prima di tutto l’Italia e abbandonando gli anacronismi di Destra e Sinistra. Tanto… sono tutti uguali!

    0
    0
  2. Il popolo della rivoluzione francese, circa due lustri dopo, si beava di avere un Imperatore.

    Bella conquista di libertà…

    0
    0
  3. liliana parisi 28 Aprile 2013 12:35

    Veramente la Balena Bianca non è in Pinocchio, ma in Moby Dick di Melville,ed ebbe la meglio sul suo nemico Capitan Acab!
    Circa il governo,nella situazione attuale mi sembra il migliore che si potesse fare,con elementi validi e non “divisivi”.
    Quanto a quello che tutti avevano detto prima,è il caso di metterci una pietra sopra e girare pagina per il bene del Paese.
    E mi dà anche fastidio che la stampa continui a dare tanta visibilità a chi è contro,come un Civati o una Puppato(fino a poco tempo fa illustri sconosciuti)o Grillo( che snobba la stampa e le TV e invece viene da esse “inseguito”).
    Non mi pare ci sia da piangere sulla fine del bipartitismo,che in Italia ha fatto solo danni, e che non è stato mai basato su due partiti ma su due accozzaglie contrapposte.
    Non ci trovo niente di male a convergere su punti condivisi,come è avvenuto varie volte nella storia(vedi connubio Cavour-Rattazzi che nell’800 ha modernizzato il Piemonte, o il CNL, o i padri costituenti…).E spero che si smetta di parlare di inciucio e di fare le “cassandre” sulla durata del governo.
    Dice il Vangelo:”Beati i pacificatori”

    0
    0
  4. ART.21 COSTITUZIONE, messinesi, suvvia, liberiamo il nostro incatenato pensiero e con esso il voto. RITORNO DELLA BALENA BIANCA, EREDI DEL PARTITO COMUNISTA ITALIANO, due frasi prive di significato politico, quando si proiettono sui partiti e politici di oggi, fatte da chi non rammenta la storia dei due grandi movimenti politici, specialmente quella più significativa del primo e secondo dopo guerra, della ricostruzione, poi il movimento giovanile del 68′ fece piazza pulita della loro spinta propulsiva, durata vent’anni. Quei vent’anni sono oramai nella nostra storia, ci furono raccontati dai protagonisti e dalle cronache della STORIA SIAMO NOI, l’Italia da paese agricolo si trasformò in una economia industriale tra le prime del mondo. La narrazione ci parla di lotte operaie durissime, e delle basi poste per conquistare diritti mai conosciuti agli italiani. Ci parlano di ricchezza conquistata a durissimo prezzo, ma di prospettive entusiasmanti, figli di operai e impiegati diventati grandi professionisti e burocrati delle più alte cariche dello Stato, ma soprattutto esponenti di primo piano in politica, TUTTO CIO’ NON ACCADE PIU’ DA ANNI, l’ascensore sociale si è fermato, non funziona più. Andiamoci piano a confrontare LETTA e ALFANO, con DE GASPERI e MORO, oppure BERSANI e D’ALEMA con TOGLIATTI e BERLINGUER.

    0
    0
  5. Letta…letto….
    vorrei capire Rosaria perché ancora oggi si è portati a pensare che un ministro messinese sia per noi una speranza di cambiamento e l’unica nota positiva di questo governo..parliamo a mio avviso di un ex giovane delfino che ha fatto il bello e cattivo tempo a destra e sinistra come un maestro di tango. Qualcuno lo ricorda come Vice sindaco di Buzzanca ? A Firenze hanno avuto Renzi , a Torino Chiamparino, a Verona hanno Tosi….uomini che nella loro città sono amati. In questa fase terribile della nostra città il partito del neo ministro cara Rosaria non ha avuto la faccia di mettere un candidato….significa che costui ha ben operato? Garofalo mette in discussione la sua poltrona a Roma rischiando in prima persona …..il suo ex alleato si gode invece il ministero senza colpo ferire…se non notiamo le differenti stature nei fatti e nei gesti facciamo torto alla verità..

    0
    0
  6. dolcestilnuovo 29 Aprile 2013 08:46

    Azz…. caro Antonio, la cosa grave è che sono totalmente d’accordo con te!

    0
    0
  7. MessineseAttento 29 Aprile 2013 10:26

    Lei però non ha valutato una cosa fondamentale: l’esimio Garofalo, è vero, ha una comoda poltrona ma, come diciamo a queste latitudini, a Roma conta quanto il 2 di coppe quando la briscola è a mazze.
    E’ quindi facile, se non scontato, vedere nell’azione di Garofalo un tentativo di scalata al potere. Vederci un sacrificio, “mi consenta”, è da creduloni.

    0
    0
  8. Azz…dobbiamo litigare per forza per il nostro pubblico aspetta ora la dico grossa: < < a messina i politici sono tutti di alto livello >> che dici?

    0
    0
  9. AH AH Vi avevo avvertito…. a proposito dello scioglimento del circolo Minerva

    “Inserito da giacomoprimo il Dom, 30/09/2012 – 17:19.
    Ucci Ucci sento odore di Uddicci. Ho il presentimento che stia rinascendo la vecchia Diccì. Hanno rifatto la Mini, la 500, toccava anche alla Diccì Ed hanno fatto bene a togliere di mezzo Minerva, perché la saggezza con il vecchio carrozzone della Diccì ben poco aveva a che fare… altro che “circuito del Mito”.. questo mi sembra un polpettone stile kolossal mitologici di Cinecittà.
    Ma poi perché c’è bisogno di lanciare fango e sputtanarsi sciogliendosi?
    Questa non è “coerenza” è solo “risentimento”.
    Fortuna che non frequento circoli, sopratutto di destra.”
    Ed infatti adesso traghetteranno nell’UdC ed appoggeranno il PD, anzi quella che adesso possiamo chiamare PDC , non partito dei comunisti, ma partito democristiano….

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007