Animalisti Italiani a Sindaco e Prefetto: “Prevenire il randagismo è obbligo di legge” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Animalisti Italiani a Sindaco e Prefetto: “Prevenire il randagismo è obbligo di legge”

Emma De Maria

Animalisti Italiani a Sindaco e Prefetto: “Prevenire il randagismo è obbligo di legge”

lunedì 04 Novembre 2013 - 16:12
Animalisti Italiani a Sindaco e Prefetto: “Prevenire il randagismo è obbligo di legge”

Enrico Rizzi, coordinatore di Animalisti Italiani sgombra il campo e precisa: “E' un servizio igienico-sanitario pubblico obbligatorio per i Comuni . Provvedimenti normativi attribuiscono al Sindaco la responsabilità di intervenire al fine di assicurare e garantire il benessere degli animali presenti sul proprio territorio

Abbandoni, maltrattamenti, crudeltà, assenza di politiche a tutela degli animali da affezione e mancata applicazione della normativa in tema di prevenzione del randagismo.

La città dello Stretto continua giorno dopo giorno a voltare colpevolmente le spalle ad un emergenza di proporzioni vastissime, mentre centinaia di animali continuano a morire sulle nostre strade per mano dell’uomo.

Ma per quanto una città potrà continuare a sottrarsi alle proprie responsabilità invocando l’esistenza di emergenze più gravi e prioritarie?

Un' emergenza, per quanto onerosa, può annullarne un'altra o essere concorrenziale rispetto a questa?

Una guerra tra poveri nella quale a perdere, in attesa che anche per loro arrivi un po’ di compassione, sono sempre i randagi che vivono nella città dello Stretto ed i volontari che se ne occupano.

Una condizione insostenibile contro la quale l’associazione Animalisti Italiani onlus, operate su tutto il territorio nazionale, ha deciso di prendere formale posizione attraverso un documento redatto dal proprio legale e recapitato in queste ore sul tavolo del sindaco Renato Accorinti e del Prefetto Stefano Trotta.
“Con specifico riguardo alla realtà messinese – spiega Enrico Rizzi coordinatore nazionale del movimento animalista – abbiamo avuto modo di prendere atto, in relazione al costante flusso di segnalazioni che giornalmente ci
pervengono dai cittadini messinesi, dell’esistenza di cani e gatti abbandonati ed incidentati necessitanti di urgenti ed adeguate cure mediche e sanitarie.

Una realtà, che in relazione alla continue denuncie pervenuteci, negli anni è cresciuta e si è ulteriormente aggravata anche in virtù della circostanza che il Comune di Messina risulta ad oggi sprovvisto di un vero e proprio canile municipale.

Le continue ed accorate segnalazioni che si levano dal territorio messinese denunciano inoltre un limitato intervento da parte delle istituzioni locali che dovrebbe essere finalizzato ed indirizzato a fornire risposte adeguate e rispettose della normativa in tema di diritti e tutela degli animali.

Circostanze alla luce della quali ci appare opportuno e necessario ricordare – si legge testualmente nel documento proveniente da Roma – come ai sensi dell’art.1 comma I della legge Regionale n.15 del 3 luglio 2000, la Regione Sicilia, in attuazione di quanto disposto dalla legge nazionale n.281 del 14 agosto 1991 (Legge quadro in materia di animali d’affezione e prevenzione del randagismo), anche al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo ed animale, promuove la prevenzione del randagismo, la protezione e la tutela degli animali d’affezione, sancisce il diritto alla dignità di esseri viventi ed il rispetto delle esigenze fisiologiche ed etologiche, condannando ogni forma di maltrattamento compreso l’abbandono”.

Il coordinatore di Animalisti Italiani sgombra poi il campo e precisa: “Il servizio di prevenzione e controllo del randagismo è un servizio igienico-sanitario pubblico obbligatorio per i Comuni e questo ai sensi della legge 281/91, della legge 15/2000 e del Regolamento di Polizia Veterinaria 320/1954. Provvedimenti normativi che attribuiscono al Sindaco – si legge nero su bianco nel documento inviato da Roma – in qualità di massima Autorità sanitaria locale (l. 833/1978 e d.lgs. 112/1998) e di pubblica sicurezza (T.U.L.P.S. – R.D. n. 733/1931), la responsabilità di intervenire al fine di assicurare e garantire il benessere degli animali presenti sul proprio territorio (D.P.R. 31.3.1979).

Attribuzioni che impongono al Sindaco – sottolinea Rizzi – il dovere di intervenire per fronte a situazioni di degrado socio-sanitario: diversamente, di fronte all’assenza di interventi in tal senso – prosegue il coordinatore nazionale di Animalisti Italiani – si configura a carico del Primo Cittadino la fattispecie di rifiuto di atti d’ufficio, art. 328 del c.p.

In ragione dell’indicata inerzia nella quale continuano a versare le istituzioni comunali della città di Messina, nel far fronte all’emergenza della gestione del randagismo, Animalisti Italiani – spiega Rizzi – invita dunque l’amministrazione ad intervenire celermente, affinché possano adottarsi tutte le misure che si riterranno opportune e necessarie, nel rispetto del benessere psico-fisico degli animali, per contrastare il fenomeno del randagismo con particolare attenzione e riguardo ad iniziative veterinarie e sanitarie legate al controllo riproduttivo dei randagi, nonché alla cura degli stessi e degli altri pubblici servizi in materia igienico- sanitaria attuati dall’ASP sia in esecuzione della l.r. 15/2000 sia in relazione alle Linee Guida dell’Assessorato regionale alla salute in punto di presidi veterinari (canili ed ambulatori comunali per le sterilizzazioni)”.

Animalisti Italiani, attraverso il coordinatore nazionale Enrico Rizzi, si rivolge poi al Prefetto Trotta “affinché questo eserciti i poteri sostitutivi di intervento contemplati nel T.U.E.L. (d.lgs. 267/2000), nel T.U.L.P.S., nel d.lgs. n. 300/1999 e nella L. 121/1981.

In caso di inadempienza da parte delle Autorità competenti, rispetto alla necessità di far fronte alle improrogabili esigenze di tutela del benessere degli animali e della salute pubblica, provvederemo ad adire l’Autorità Giudiziaria ordinaria, al fine di segnalare la relativa omissione”.

(Emma De Maria)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. bernardo santilli 4 Novembre 2013 17:58

    bene, bravi!!!!

    0
    0
  2. SPERO CHE QUESTO MIO COMMENTO ARRIVI ALL’ATTENZIONE DEL NOSTRO SINDACO CHE NON MI PARE UNA PERSONA INSENSIBILE AL PROBLEMA.
    Signor Sindaco,
    vorrei poterLe dire come mi chiamo e quanti anni ho ma, purtroppo, non lo ricordo più. Ho troppe cose cui pensare: mangiare tutti i giorni, bere regolamente (possibilente acqua pulita), trovare un giaciglio dove rannicchiarmi la notte senza gelare e, se l’ultimo cassonetto è stato generoso, dove riuscire a riposare le mie vecchie ossa con lo stomaco non vuoto del tutto.
    Eppure io vivevo bene, stavo a casa dei miei padroni che non mi facevano mancare nulla. Poi, un giorno di un mese caldissimo, li ho visti indaffarati a chiudere valigie.
    Ricordo che salimmo tutti in macchina, ci fermammo dopo ore ed ore di viaggio per fare pipì e da quel momento vivo solo con i miei simili disperati quanto me.
    Conosco degli umani veramente in gamba che aiutano me e gli altri come e quando possono.
    Purtroppo noi diventiamo ogni giorno di più ed i nostri amici non riescono a sfamarci tutti e, soprattutto, non sono in grado di comprare medicine per tutti.
    Vede signor Sindaco, la vita in strada è durissima e, molte volte, accade che qualcuno di noi viene investito da auto guidate da umani che si fermano solo per vedere se ci sono danni al paraurti.
    I miei simili più giovani, come i giovani umani, del resto, non sempre controllano gli istinti pruriginosi della sessualità e, quelle che voi chiamate “fuitine” per noi sono fonte di incremento demografico senza controllo.
    Nonostante tutto, non perdo la speranza.
    Le faccio una domanda:
    cosa c’è di evoluto in un cervello umano capace di calcoli scientifici inimmaginabili ma incapace di tutelare le altre specie viventi?
    Mi auguro di incontrarLa presto; vorrà dire che è venuto a portarci il suo aiuto.
    Adesso la lascio perchè un altro giorno comincia e con esso riprende la lotta per non morire.
    E siccome ho un certo languorino, vado al cassonetto all’angolo per cercare di fare colazione.
    Saluti da un amico a quattro zampe

    0
    0
  3. anticospeziale 17 Agosto 2015 18:25

    Esistono chiare leggi e altrettanto chiara responsabilità del sindaco. Perché le denunce sono rare e le chiacchiere abbondano? Forse perché le denunce non vanno a buon fine?
    Provate ad invertire chiacchiere con denunce e scoprirete che i magistrati non potranno più sonnecchiare!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x