Bilanci. Cardile: “De Luca come Accorinti, delibere all’ultimo momento" - Tempostretto

Bilanci. Cardile: “De Luca come Accorinti, delibere all’ultimo momento”

Bilanci. Cardile: “De Luca come Accorinti, delibere all’ultimo momento”

martedì 11 Dicembre 2018 - 15:02
Bilanci. Cardile: “De Luca come Accorinti, delibere all’ultimo momento”

Il presidente del Consiglio comunale prende carta e penna e bacchetta l’amministrazione, evidenziando come eventuali ritardi non possono essere attribuiti all’Aula

MESSINA – Il sindaco Cateno De Luca mette ancora una volta sotto pressione i consiglieri comunali, stavolta per l’approvazione in tempi record del bilancio consuntivo e consolidato (VEDI QUI), ma il presidente del Consiglio comunale Claudio Cardile prende carta e penna e bacchetta l’amministrazione per i continui ritardi con cui porta in aula delibere importanti. Nel caso specifico del rendiconto e del bilancio consolidato, il massimo rappresentante del Civico Consesso sottolinea come non si sia neanche concluso il normale iter di approvazione dei due documenti contabili.

“Questa Presidenza rende noto che fino a questo momento – si legge nella nota inviata sia a De Luca che al segretario generale Rossana Carrubba – non è ancora pervenuta la proposta di delibera di Consiglio comunale relativa al Rendiconto di Gestione dell’Esercizio Finanziario 2017. Si puntualizza quanto sopra al fine di chiarire in maniera inequivocabile che questo Consiglio comunale rischia di non riuscire a deliberare il Consuntivo entro la data del 18/12/2018 (data ultima, a dire del Sindaco, in cui si riunisce la Commissione Ministeriale che decide in merito alla stabilizzazione dei precari del Comune di Messina), in quanto è peraltro necessaria la previa esitazione da parte della commissione consiliare competente”.

“Inoltre – continua Cardile – appare inopportuno, ove possibile, chiedere ai Consiglieri comunali di rinunciare ai termini previsti dall’art. 227 del Dlgs 267/2000 ancor prima che la proposta di delibera venga notificata agli stessi. Tra l’altro si rappresenta che, per potersi esprimere sulla stabilizzazione, la Commissione Ministeriale necessita anche del Bilancio Consolidato. Quest’ultimo, a conoscenza dello scrivente, non è stato ancora neppure esitato dalla Giunta comunale e di conseguenza non è ancora stato trasmesso ai Revisori dei Conti del Comune di Messina per il parere”.

“Quanto sopra si specifica al fine di chiarire che le eventuali responsabilità derivanti dal ritardo nell’approvazione dei documenti finanziari, anche con riguardo all’eventuale mancata stabilizzazione dei 76 precari del Comune di Messina, non sono di certo da attribuire a questo Consiglio Comunale, che ad oggi non è stato messo nelle condizioni di poter esaminare le proposte di delibera complete dei pareri obbligatori per legge”.

“Questa Presidenza, comunque, assume sin d’ora l’impegno ad avviare l’iter consiliare immediatamente dopo che la Giunta avrà fatto pervenire le relative delibere. Infine si evidenzia che questa Amministrazione, in perfetta continuità con la precedente, ha la ormai consolidata abitudine di trasmettere gli atti deliberativi, anche di particolare importanza, a pochissime ore dalla scadenza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007