8 milioni per liberare i torrenti da ogni intralcio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

8 milioni per liberare i torrenti da ogni intralcio

8 milioni per liberare i torrenti da ogni intralcio

martedì 06 Novembre 2018 - 08:29
8 milioni per liberare i torrenti da ogni intralcio

L'obiettivo è quello di demolire le costruzioni abusive che costituiscono un ostacolo allo scorrere delle acque

MESSINA – 8 milioni e 100mila euro del programma "Agenda Urbana". Saranno usati per demolire le costruzioni abusive che rappresentano "un evidente intralcio di corsi d’acqua provvedendo, nel contempo, ai necessari interventi di pulitura dei torrenti, inclusi quelli tombati". L'annuncio è del sindaco Cateno De Luca, "al fine di garantire la pubblica e privata incolumità".

L'invito è rivolto ai dirigenti e agli assessori Mondello, Musolino e Minutoli. Mondello, in particolare, viene delegato al coordinamento.

I torrenti sono la prima "fonte" di pericolo in caso di calamità naturale. Il loro corso deve necessariamente essere lasciato libero per permettere alle acque di scorrere. Il rischio, viceversa, è l'esondazione. L'ultimo episodio, a Casteldaccia, in provincia di Palermo, ha provocato nove morti.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Salve, è giusto che i torrenti vengono liberati e puliti da ogni struttura o oggetto che possa creare intralcio al normale deflusso delle acque, ma in una situazione come quella del torrente San Michele dove le abitazioni, da premettere che sono tutte regolari xké condonate, hanno l’ingresso proprio nel torrente e l’unico modo per unscire o entrare a casa è attraversare il torrente. Mi domanda ma se il torrente è in piena le persone come vengono evacuate dalle abitazioni che diventano trappole mortali com’è successo nel palermitano. Il torrente San Michele deve essere sistemato e si devono fare l’urbanizzazione della zona il comune non può prendere le tasse dai cittadini e poi abbandonarlo a loro stessi. Ora basta bisogna cambiare.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007