Raddoppio Me-Ct. Ferrovie Siciliane: "Linea attuale resti per traffico locale" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Raddoppio Me-Ct. Ferrovie Siciliane: “Linea attuale resti per traffico locale”

Raddoppio Me-Ct. Ferrovie Siciliane: “Linea attuale resti per traffico locale”

giovedì 29 Marzo 2018 - 05:09
Raddoppio Me-Ct. Ferrovie Siciliane: “Linea attuale resti per traffico locale”

L'obiettivo è quello di mantenere il servizio anche a valle e di salvaguardare la stazione di Taormina - Giardini

Il progetto definitivo del raddoppio Letojanni – Fiumefreddo prevede la dismissione dell’attuale tratta e la realizzazione a monte, prevalentemente in galleria, di una nuova linea a doppio binario. La stazione di Taormina-Giardini si vedrebbe tagliata fuori dal servizio ferroviario e verrebbe chiusa. Questa eventualità, più che concreta, dal momento che nello stesso progetto è prevista una nuova fermata sotterranea a servizio della sola città di Taormina, è stata più volte stigmatizzata dall'associazione Ferrovie Siciliane.

Se n'è parlato nel corso del convegno lo scorso 10 marzo a Giardini Naxos, sul tema della ferrovia Alcantara – Randazzo. "Alla presenza di tutti gli interessati, tra cui lo stesso sindaco ed i vertici regionali di Rfi, e degli amministratori della Valle Alcantara – dice Giovanni Russo, presidente dell'associazione -, venne per la prima volta rappresentata l’idea del mantenimento della linea storica insieme al nuovo tracciato. L’attuale linea costiera sarebbe rimasta collegata a quella veloce attraverso due interconnessioni: a nord in corrispondenza di Letojanni, come già previsto in progetto; a sud, in contrada Trappitello, con lo sfruttamento di parte della linea dimessa Alcantara-Randazzo. In tal modo, si manterrebbe in esercizio non solo la bellissima stazione Taormina-Giardini, ma si potrebbe istituire un capillare servizio di trasporto pubblico locale coadiuvato dalla realizzazione di semplici fermate a basso costo lungo la linea. Due obiettivi importantissimi ai quali se ne potrebbe aggiungere un terzo: la riapertura all’esercizio commerciale dell’intera ferrovia Alcantara-Randazzo, che, grazie all’interconnessione, potrebbe più agevolmente concretizzarsi".

Tutto ciò è stato ribadito in altre iniziative dell’associazione Ferrovie Siciliane, anche nell'occasione dell'incontro dello scorso 2 marzo, a Giardini, tra il sindaco Lo Turco, che ha ribadito la sua contrarietà alla dismissione della tratta, e Rfi, che ha recepito la proposta di mantenimento come linea lenta interconnessa, al fine di un suo inserimento in sede di approvazione del progetto definitivo, che dovrebbe avvenire entro l’anno.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007