Il Nursind: "Il nuovo contratto degli infermieri è al ribasso e in perdita" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il Nursind: “Il nuovo contratto degli infermieri è al ribasso e in perdita”

Il Nursind: “Il nuovo contratto degli infermieri è al ribasso e in perdita”

venerdì 13 Aprile 2018 - 09:51
Il Nursind: “Il nuovo contratto degli infermieri è al ribasso e in perdita”

Il sindacato annuncia che si opporrà in tutte le sedi. Sciopero e assemblee a Messina e provincia

Gli infermieri si mobilitano contro i contenuti del nuovo contratto. Si tratta della seconda manifestazione dopo quella del 23 febbraio scorso. Il Nursind Messina, guidato da Ivan Alonge, ha organizzato due giorni di assemblee dando la libertà agli infermieri di aderire allo sciopero o agli incontri che si sono svolti nei vari presidi dell’Asp e nelle aziende dell’area metropolitana. Al Policlinico sono stati organizzati due sit-in informativi con un gazebo davanti al padiglione E, in corso anche oggi.

Alonge spiega che “per l'occasione si consegneranno degli adesivi ai colleghi per ribadire il fermo e deciso no a un contratto al ribasso e in perdita sotto tutti i punti di vista. È un contratto che va contestato e stiamo continuando a farlo in tutte le sedi possibili. Fino a quando non sarà degno non metteremo la nostra firma”.

Gli infermieri contestano il rinnovo sostenendo che gli aumenti sono solo una beffa. Nel corso delle assemblee hanno spiegato tutte le motivazioni della mancata firma e delle variazioni che il Nursind ha richiesto e che non sono state accordate dal governo. Il sindacato chiarisce che “è un contratto in perdita sia dal punto di vista economico, perché si riduce la forbice salariale, sia normativo per il taglio di tutta una serie di diritti. Si precarizza la figura del coordinatore sanitario, si deroga al riposo delle 11 ore per riunioni e formazione, non c’è più il diritto alla mensa per i lavoratori notturni e per i turnisti, aumenta il lavoro straordinario che diventa obbligatorio e si può arrivare per i precari a 200 ore all’anno, e il valore delle indennità è rimasto fermo al secolo scorso".

Quindi il Nursind spiega che "quasi tutte le aziende in provincia di Messina non hanno attuato la normativa sullo sciopero, non garantendo ad esempio livelli minimi assistenziali e non informando i lavoratori. A tutela dei diritti dei dipendenti, la segreteria di Messina si attiverà in tribunale presentando ricorso per condotta antisindacale".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007