Punto nascita S. Agata Militello. La denuncia di Uil, Uil-Fpl e Comitato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Punto nascita S. Agata Militello. La denuncia di Uil, Uil-Fpl e Comitato

Redazione

Punto nascita S. Agata Militello. La denuncia di Uil, Uil-Fpl e Comitato

venerdì 06 Dicembre 2019 - 11:54
Punto nascita S. Agata Militello. La denuncia di Uil, Uil-Fpl e Comitato

I portavoce di Uil, Uil-Fpl e Comitato “No alla chiusura del Punto Nascita” aprono a diversi interrogativi, dichiarandosi pronti a dare battaglia. “Perché la richiesta di deroga è stata inviata soltanto il 22 novembre scorso?”.

Ancora riflettori puntati sul punto nascita di Sant’Agata Militello. Dopo gli annunci degli ultimi giorni, che vedevano l’apertura di un bando per l’ampliamento del personale presso l’ospedale nebroideo, giungono ora le dichiarazioni di Uil, Uil-Fpl e comitato “No alla chiusura del Punto Nascita”.

Le dichiarazioni

“Il 22 novembre scorso l’assessore alla salute ha inoltrato al Ministero la richiesta di deroga per il mantenimento del punto nascita di S. Agata di Militello, con ciò dimostrando chiaramente che il punto nascita sarebbe stato chiuso in maniera vergognosa”. È quanto scrivono in una nota Mario Russo, Ivan Tripodi, Pippo Calapai e Mario Salvatore Macrì, rispettivamente presidente del Comitato “No alla chiusura del Punto Nascita”, segretario provinciale Uil, segretario provinciale Uil-Fpl e Responsabile Area Medica Uil-Fpl Messina.

“Finalmente la cittadinanza è stata informata che il piano di investimenti dell’ASP di Messina, sia dello scorso anno che dell’attuale, non ha previsto nessun lavoro di adeguamento per il Punto Nascita di S. Agata di Militello –si legge ancora nella nota- Non si è andato oltre gli annunci, come dimostrato dall’assenza di investimenti per il Punto Nascita di S. Agata Militello e di iniziative concrete al fine di garantire un adeguato numero di personale sanitario operante”.

Si chiede chiarezza

I portavoce di Uil, Uil-Fpl e Comitato concludono, quindi, aprendo a diversi interrogativi e dichiarandosi pronti ad intraprendere iniziative per contrastare una possibile chiusura del punto nascita.

Perché la richiesta di deroga è stata inviata soltanto il 22 novembre scorso? –conclude la nota stampa- perché le delibere per l’assunzione dei medici sono state adottate soltanto il 29 novembre? perché stante l’urgenza, i bandi non sono stati pubblicati nel sito aziendale nello stesso giorno di adozione delle delibere ma, soltanto nella tarda mattinata del 2 dicembre scorso? Ci assale il dubbio che si auspichi qualche ostacolo per chiudere definitivamente il Punto Nascita”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007