Rapaci sullo Stretto, controlli anti bracconaggio dei Carabinieri - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rapaci sullo Stretto, controlli anti bracconaggio dei Carabinieri

Alessandra Serio

Rapaci sullo Stretto, controlli anti bracconaggio dei Carabinieri

sabato 13 Giugno 2020 - 08:00
Rapaci sullo Stretto, controlli anti bracconaggio dei Carabinieri

Nel mese delle migrazioni degli uccelli i Carabinieri presidiano lo Stretto per proteggere falchi e cicogne dai bracconaggi, attivi soprattutto in Calabria

Si è conclusa, dopo un mese di attività nello Stretto di Messina, l’Operazione Adorno 2020, volta alla salvaguardia degli uccelli rapaci migratori, che ha visto impegnati militari del Reparto Operativo SOARDA del Raggruppamento Carabinieri Cites, del Gruppo Carabinieri forestale di Reggio Calabria e del Nucleo Carabinieri Cites di Catania.

L’aerea dello Stretto, soprattutto sul versante calabro, è la preferita dai bracconieri in questo periodo, tanto da essere considerato uno dei sette black spot italiani, le aree calde del bracconaggio italiano appunto, individuati dal “Piano d’azione nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici”.

L’area rappresenta infatti, assieme allo stretto di Gibilterra e allo stretto del Bosforo, uno dei corridoi della migrazione degli uccelli nell’area mediterranea. Un vero e proprio “collo di bottiglia” in cui, tra aprile e maggio, si concentrano gli uccelli veleggiatori in viaggio verso i siti di nidificazione.

Tra questi il falco pecchiaiolo “Pernis apivorus” detto Adorno, da cui prende il nome la storica operazione. Durante il periodo di presidio, le pattuglie, prima del Corpo Forestale dello Stato, oggi dei Carabinieri Forestali, controllano il territorio reggino e messinese compiendo soprattutto una silenziosa ed efficace attività di prevenzione del bracconaggio a tutela dei rapaci ma anche di numerosi piccoli passeriformi.

Nel corso delle operazioni sono state denunciate quattro persone per reati contro la fauna selvatica e numerosi i sequestri.

A Campo Calabro una pattuglia è intervenuta dopo aver sentito un colpo di fucile. All’arrivo dei Militari i cacciatori sono fuggiti, lasciando dietro di sé un fucile con la matricola limata e numerose cartucce. Nelle immediate vicinanze c’era la carcassa senza vita di una splendida cicogna bianca.

Nella zona di Rosali è stato denunciato per uso abusivo di arma da fuoco e ricettazione un cacciatore, già noto, che aveva un piccolo fucile senza sicura e pronto all’uso.

Numerosi sono stati  i controlli che i Carabinieri forestali hanno effettuato nei confronti di allevatori di avifauna, finalizzati ad individuare traffici illeciti di fringillidi, altro fenomeno largamente diffuso nella provincia di Reggio Calabria.

Alcuni allevatori sono stati trovati in possesso di esemplari di cardellino catturati illegalmente e muniti di anello di riconoscimento contraffatto e, pertanto, denunciati per contraffazione di sigilli e ricettazione.

Durante tali accertamenti, è stato rinvenuto un esemplare maschio di Falco Pellegrino (Falco peregrinus) – specie protetta dalla Convenzione di Washington (Cites) – detenuto illegalmente e con certificato riciclato.

I Carabinieri forestali hanno operato con il fattivo contributo dei volontari del WWF, LIPU, CABS e Ornis italica, che quotidianamente, con la loro attenta azione di osservazione dei flussi migratori e di monitoraggio dei comprensori potenzialmente interessati al fenomeno del bracconaggio, apportano un contributo qualificato all’attività di repressione.

Le attività di controllo dei Carabinieri forestali continueranno anche nelle prossime settimane, fino al completamento della migrazione pre-nuziale degli uccelli rapaci in transito nell’area dello stretto.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007