Autobus con contrassegni assicurativi scaduti. Conte: «Gara già aggiudicata, ma la nostra “fama” non ci aiuta» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Autobus con contrassegni assicurativi scaduti. Conte: «Gara già aggiudicata, ma la nostra “fama” non ci aiuta»

Danila La Torre

Autobus con contrassegni assicurativi scaduti. Conte: «Gara già aggiudicata, ma la nostra “fama” non ci aiuta»

mercoledì 04 Luglio 2012 - 18:30

Il direttore generale dell’azienda trasporti risponde ai sindacati che, preoccupati delle possibili ripercussioni sugli autisti, hanno inviato una lettera alle autorità competenti

30 giugno 2012: è questa la data riportata nei contrassegni assicurativi esposti negli autobus dell’ Atm in circolazione in città. Facendo due rapidi conti, l’assicurazione risulta, dunque, scaduta da quattro giorni, circostanza questa che ha indotto i sindacati Cisl, Uil, Ugl, Cub e Orsa a trasmettere una nota alla Procura della Repubblica, al prefetto Alecci, al sindaco Buzzanca, ai vertici dell’azienda trasporti, al comando dei vigili urbani, nella quale manifestano le loro preoccupazioni in merito alle conseguenze a cui potrebbero andare incontro gli autisti dei mezzi.

«Non può e non deve sfuggire – si legge testualmente – che l’articolo 1901 c.c. non scagiona l’autista dal pagamento di una multa oltre alla decurtazione del pagamenti punti sulla patente, ma si limita esclusivamente alla copertura di un eventuale sinistro nei successivi 15 giorni convenuti nella regolare scadenza della polizza assicurativa».

Sull’argomento minimizza il direttore generale dell’ Atm, Claudio Conte: «Non capisco – dichiara al telefono – quale sia il problema dei sindacati visto che l’8 giugno abbiamo aggiudicato la gara, attendiamo dalla Sai i nuovi contrassegni ma siamo in fase di proroga e c’è tempo sino alla mezzanotte del 15 luglio». Non finisce qui l’intervento del dg dell’ Atm, che aggiunge: « Il rischio vero lo abbiamo corso con il tram perché la gara dell’8 giugno è andata deserta ed abbiamo dovuto eseguire un’esplorazione di mercato tra le sette compagnie assicurative nazionali più importanti per trovare qualcuno che volesse coprire i nostri rischi. Alla fine, lo scorso 29 giugno, abbiamo chiuso con l’assicurazione Cattolica».

Il motivo di tanta difficoltà nel trovare compagnie assicurative “disponibili”? Presto spiegato: «Le assicurazioni – afferma ancora Conte – ci considerano pessimi clienti per i troppi sinistri e, poi, vista la situazione debitoria in cui ci troviamo, siamo pessimi pagatori . La nostra fama certo non ci aiuta». (Danila La Torre)

FOTO STURIALE

Tag:

3 commenti

  1. ma, forse ho letto male.
    IL DOTT. CONTE PARLA ANCORA COME DIRETTORE GENERALE DELL’ATM?
    MA NON E’ STATO RINVIATO A GIUDIZIO PER TRUFFA PROPRIO AI DENNI DELLA ATM E DELLA REGIONE?

    MA SPIEGATEMI ALLORA COSA SI DEVE INTENDERE PER GIUSTIZIA.

    0
    0
  2. puzza di bruciato 4 Luglio 2012 20:20

    non sarà forse che le compagnie di assicurazione dividono i chilometri percorsi per il consumo medio di un mezzo e qualcosa non gli quadra?

    0
    0
  3. perche’ esiste la giustizia ricordati sei a Messina

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x