Referendum 13 dicembre: "Ecco perchè voto no. Il sì sarebbe una sciagura per Messina" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Referendum 13 dicembre: “Ecco perchè voto no. Il sì sarebbe una sciagura per Messina”

Redazione

Referendum 13 dicembre: “Ecco perchè voto no. Il sì sarebbe una sciagura per Messina”

domenica 18 Ottobre 2020 - 08:17
Referendum 13 dicembre: “Ecco perchè voto no. Il sì sarebbe una sciagura per Messina”

Un residente di Gesso spiega le ragioni del no al Referendum per il comune Montemare

Sul fronte Referendum del 13 dicembre ci sono le ragioni del no e nella nota che segue un residente di Gesso spiega quali possono essere le soluzioni alternative e le conseguenze negative della vittoria del sì.

Soluzioni alternative

Per gli ex istituti scolastici, oggi abbandonati perché non ci sono più iscrizioni, la soluzione potrebbe essere la vendita, visto che il costo grave sulla comunità. Per quanto riguarda le spiagge, fanno parte del demanio marittimo, quindi è loro competenza, e il comune se non ha il nullaosta da parte del demanio non può gestirle. Per quanto concerne le strade come ho ben notato sul video di Tempostretto, la maggior parte sono di competenza della provincia, quindi è la Regione che dovrebbe provvedere ad inviare fondi per la loro manutenzione.

Le risorse per chi Unioni di comuni

Diciamo le cose come stanno. Chi rinnega la propria identità con Messina dovrebbe vergognarsi. Con la nuova Riforma del 20 marzo 2020 su unione e fusione dei comuni, si parla di accorpare i comuni dato che avranno grandi benefici da questa fusione. Il Fondo di solidarietà comunale è di complessivi 60 milioni annui in favore del finanziamento delle unioni e delle fusioni di Comuni, con un ulteriore accantonamento di 25 milioni di euro che a decorrere dal 2022 sarà destinato ad incremento delle risorse destinate all’erogazione del contributo straordinario previsto per i Comuni che danno luogo alla fusione o alla fusione per incorporazione. Oltre agli incentivi di natura finanziaria, nell’ordinamento statale italiano sono state previste ulteriori misure incentivanti ai processi di fusione dei piccoli e medi Comuni. Tra queste disposizioni, quella ad esempio riguardante l’attenuazione dei vincoli di spesa per le assunzioni in organico e i rapporti di lavoro a tempo determinato nei nuovi Comuni generati da fusioni).

Comitato non rappresentativo

Nelle regioni del Nord industrializzato ci sono state ben 138 fusioni comunali, nella Sicilia di Musumeci su 390 comuni ci sono stati 0 fusioni, non è tollerabile. Il Comitato  non è rappresentativo della popolazione dei suddetti villaggi, (infatti non è stato eletto, bensì è sorto spontaneamente) ma solo di una esigua minoranza di essi, tuttavia ha chiesto per vie legali non solo al Sindaco di Messina Cateno De Luca ma anche ai cittadini messinesi, di indire un referendum per creare, dalla scissione dei suddetti territori, un nuovo comune che dovrebbe chiamarsi Montemare e avere la propria sede a Castanea delle Furie.

Nessun beneficio ai Villaggi

Questo fantomatico comune Montemare non ha ragione di esistere perché non apporterebbe alcun beneficio ai suddetti villaggi, anzi essi verrebbero penalizzati in termini di servizi, infrastrutture e potenziale sviluppo economico. Inoltre la stessa Città Metropolitana di Messina ne risulterebbe amputata nel proprio territorio e penalizzata dalla decurtazione di una cospicua parte dei suoi abitanti. E’ chiaro a tutti che il fantomatico comitato “Montemare”, non è nato con lo scopo di portare benefici alla collettività, dato che il Referendum avrà un costo di € 800.000, somma che poteva essere utilizzare per scopi ben diversi a beneficio della Città ed i suoi villaggi. Il comitato “Montemare” è nato solo per interessi legati alle nuove poltrone di Sindaco, Vicesindaco, assessori e consiglieri.

Storie legate a doppio filo

Se poi vogliamo considerare la storia di un importantissimo villaggio che è Gesso (villaggio in cui risiedo), come a tutti e ben noto, fu il maggiore dei casali facenti parte del comune di Messina e la sua storia è legata a doppio filo con la città di Messina, il cui stemma è perfino scolpito sul portale centrale della Chiesa parrocchiale del XVII secolo, la seconda per ampiezza dopo il Duomo di Messina.

Una sciagura per Messina

Potete capire come l’esito positivo di questo eventuale referendum, sarebbe una sciagura per i nostri villaggi e per la città di Messina, ciò che è rimasto di storico dopo il terremoto del 1908, sono i villaggi con i loro monumenti le chiese e i palazzi, senza di essi Messina diventerà una città morta. Per dare una risposta chiara a questo fantomatico comitato, non andare a votare, in modo tale che non si raggiunga il quorum del 50+1%.

Cordialmente, Capobarca Per Il Traffico Dello Stato

Giuseppe Adriano Merlino.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

7 commenti

  1. Risiedo da tempo a Salice e sono pienamente d’accordo con il sig. Merlino, si andrebbe incontro solo ad aumenti delle tariffe dei servizi senza alcun beneficio per gli abitanti.

    10
    0
  2. Bene dopo che ci saremo staccati da Messina , chiederemo l’accorpamento con il comune di Lipari che sta proprio di fronte ed istituiremo un servizio di traghettamento . 😂🤣😂🤣😂
    Sono certo che i miei amici voteranno convintamente SI .

    6
    2
  3. Un progetto assolutamente inutile, che serve per dare lavoro solo ai promotori assolutamente del referendum ai loro amici e parenti per la collettività nessun vantaggio, ma tanti problemi in più. I promotori inoltre assolutamente incapaci di gestire un ente pubblico.

    10
    0
  4. Attenzione sig. Merlino per qualcuno questa è “istigazione” a votare NO (leggasi correlato articolo di Tempostretto). Questo per attestare il livello culturale di chi sostiene questa sciocchezza. Ne stanno dicendo di ogni fatta, con fesserie una dietro l’altra dimostrando una personalità infantile difficile con propositi che non si leggono nemneno negli asili.. .nido. Soldi sprecati che potevano essere spesi meglio. Mi contatti pure perché anche io voglio “istigare”. “….quasi certamente….”

    7
    0
  5. Buongiorno, G.Salvo e sono di Salice, coloro che sostengono il NO hanno davvero un bel coraggio, come posso continuare a guardarsi intorno e non sentirsi abbandonati e condannati a vivere da 50 anni in uno stato paragonabile al dopoguerra…svegliatevi il solo SI può salvarci dalla incapacità di chi ci ha governati fino ad oggi…votate SI..

    3
    7
    1. Quelli che hanno governato Messina saranno di certo degli incapaci, ma mai quanto quelli che vorrebbero governare il nuovo comune che vogliono creare, io ne conosco diversi.

      4
      0
  6. Buonasera, mi chiamo Stefano Salvo, ho vissuto a Salice per ben 20 anni, adesso vivo altrove come molti dei miei coetanei e ogni qualvolta torno al MIO paesello mi piange il cuore….. Residenti avete una bella occasione…. VOTATE SI PER VOI È PER I VOSTRI FIGLI

    0
    3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007