Referendum 13 dicembre: "Votare sì per chi vuol essere protagonista del suo futuro" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Referendum 13 dicembre: “Votare sì per chi vuol essere protagonista del suo futuro”

Redazione

Referendum 13 dicembre: “Votare sì per chi vuol essere protagonista del suo futuro”

domenica 18 Ottobre 2020 - 08:17
Referendum 13 dicembre: “Votare sì per chi vuol essere protagonista del suo futuro”

Gino Sturniolo e il Laboratorio Territoriale sono al fianco di quanti vogliono decidere per i propri villaggi: "Chi parla oggi di decentramento arriva tardi"

Il 13 dicembre gli abitanti di Castanea, Salice, Gesso, Rodia, Acqualadroni, Marmora, San Saba, Spartà, Orto Liuzzo, Piano Torre, Massa San Nicola, Massa San Giorgio, Massa San Giovanni verrano chiamati ad esprimersi sulla proposta di costituirsi in Comune a sé. Il regolamento del referendum è tale per cui la decisione è tutta in mano loro.

Di un luogo decide chi ci abita

Pertanto l’obbiettivo è tutt’altro che irraggiungibile. Certo, per chi è messinese e tale si sente, è un colpo al cuore perché per chi è messinese quella parte di città è Messina. Di un luogo, però, deve decidere chi ci abita perché solo chi ci abita vive il piacere e le difficoltà di starci. Gli abitanti di quei villaggi stanno facendo emergere un senso si abbandono, di marginalizzazione, di estromissione dai servizi e dalla vita politica della città. Secondo chi sostiene la formazione del nuovo comune mettersi in proprio significa  tornare ad essere protagonisti.

Perchè non si è fatto prima?

Gestire con i trasferimenti destinati ad una popolazione di 8700 persone e con le entrate tributarie che da questi si ricavano, un territorio che corrisponde a quasi un terzo dell’attuale territorio del Comune di Messina sarà cosa molto ardua. Così come discutibili sono gli argomenti che insistono sulla possibilità di attrarre investimenti per una porzione di territorio tanto bella. Quante volte li abbiamo sentiti questi discorsi? Perché non si è fatto prima?  Tuttavia, una comunità, o un’aggregazione di comunità, come in questo caso, può decidere di affrontarla un’avventura di questo tipo.

L’abbandono delle periferie

È  legittimo credere che tutto sommato è meglio provare in proprio che essere periferia esclusa di un’amministrazione comunale a sua volta in crisi. Sì, perché il punto politico è questo. La crisi economico-finanziaria dei Comuni determina la riduzione dei servizi per il centro delle città, ma le periferie le abbandona proprio. E questo determina una crisi della rappresentanza politica che non ha soluzione. Certo, non è che siamo fessi. Quella parte di Messina i propri consiglieri li ha sempre eletti e in quelle zone ad ogni tornata elettorale un passaggio ce lo fanno tutti. Il problema è che ormai nessuno porta più a casa nulla e il meccanismo delle promesse ad un certo punto crolla in seguito al nulla di fatto.

Tocca a loro decidere

Forse si potrebbe fare diversamente, si potrebbero dare più poteri alle circoscrizioni, attivando quel processo di trasformazione in Municipi, che è alla base del decentramento amministrativo e che consentirebbe una gestione diretta, anche finanziaria, delle varie porzioni di territorio. Si potrebbero costituire i comitati di quartiere, come anche il programma elettorale di Cateno De Luca prometteva. Però è tardivo farlo proprio adesso che gli abitanti quella parte di città hanno preso l’iniziativa. Adesso tocca a loro decidere del proprio futuro.

Gino Sturniolo-Laboratorio Territoriale

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. No nessuna beneficio anzi tariffe per servizi aumentate per via delle nuove poltrone da istituire.

    4
    0
  2. Neanche in un asilo nido si leggono queste cose. Il “progetto” ed i proposiiti sembrano scritti da un bambino sognatore difficile. Aiuto….in che
    Mani siamo!!! “….quasi certamente……istigazione….”

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007