Reggio Calabria. "Cu cunta ment'a Giunta", un regalo di Natale per la città - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria. “Cu cunta ment’a Giunta”, un regalo di Natale per la città

Elisabetta Marcianò

Reggio Calabria. “Cu cunta ment’a Giunta”, un regalo di Natale per la città

giovedì 24 Dicembre 2020 - 09:07
Reggio Calabria. “Cu cunta ment’a Giunta”, un regalo di Natale per la città

Un regalo che ho deciso di fare soprattutto ai giovani perché capiscano il valore e il potere del dialetto che ci rende unici, ma anche dell'ironia

Chissà cosa avrebbe detto Nicola Giunta ieri, seduto tra gli amici che Fulvio Cama ha scelto (pochissimi in tempo di covid e con tutte le dovute precauzioni) per presentare alla città il suo ultimo lavoro, il cd autoprodotto “Cu cunta menti a giunta”. Quel Giunta che rappresentò nella sua produzione poetica, con ironia senza filtri e senza mezze misure, la sintesi dei vizi e delle virtù del popolo reggino. E in più l’arte della rappresentazione ora in versi dialettali, ora in soggetti di teatro della storia dell’uomo che non ha mai smesso di suscitare dibattiti, attenzione fino a questo ultimo lavoro musicale tanto originale quanto fedele allo spirito del poeta.

Denuncia ironica


13 tracce, 13 poesie quelle che sceglie il musicantore di Reggio, forse i versi più significativi per irridere (insieme a noi e ancora con Nicola Giunta) della pochezza degli uomini. Quelle parole che Giunta non usava come lamento, ma come denuncia ironica di un modo di essere quasi “antropologico”.

Stare solo da solo

Presenti, nella sala del vicesindaco di palazzo Sa Giorgio, lo stessoTonino Perna, lo storico Daniele Castrizio, l’assessore Demetrio Delfino, il dottore Edoardo Lamberti Castronuovo, il grafico Dave Autellitano e l’erede indiscusso di Giunta, il poeta Giuseppe Ginestra che tra un ricordo e l’altro ha richiamato la vita, il carattere di un “reggino antico e potente” un reggino che “voleva stare solo da solo” e che ha lasciato un’eredità importantissima, ancora attuale. Ogni poesia, infatti, sembra porti la data del 2020 e non quella del secolo scorso.

Il mio regalo

E’ il mio regalo alla città. Un lavoro lunghissimo e complesso. Mentre lavoravo ogni poesia chiamava la sua musica che doveva essere coerente, pregnante, aderente alle parole del poeta. Un regalo che ho deciso di fare soprattutto ai giovani perché capiscano il valore e il potere del dialetto che ci rende unici, ma anche dell’ironia. Un progetto che omaggia uno, se non il più importante, poeta reggino del secolo scorso. Un poeta che prima di tutto era un uomo. Amante straordinario di Reggio e per questo “giudice implacabile dei vizi. Amico paterno quindi e non nemico della città” conclude l’artista Fulvio Cama.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x