Reggio Calabria. Negli ultimi giorni individuate 14 piantagioni in tutta la provincia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria. Negli ultimi giorni individuate 14 piantagioni in tutta la provincia

Dario Rondinella

Reggio Calabria. Negli ultimi giorni individuate 14 piantagioni in tutta la provincia

venerdì 14 Agosto 2020 - 09:27
Reggio Calabria. Negli ultimi giorni individuate 14 piantagioni in tutta la provincia

L’ennesimo intervento di individuazione e distruzione di una piantagione svolto ieri dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova

Le serrate attività di ricerca e distruzione delle piantagioni messe in atto, come ogni anno, dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, inducono i coltivatori ad escogitare strategie e luoghi sempre più complessi per far crescere le piante di marijuana, che alimentano un ancora troppo fiorente mercato illegale, anche in favore della criminalità organizzata, tristemente spinto dall’aumento dei consumi del periodo estivo e turistico.

Da ultimo, l’ennesimo intervento di individuazione e distruzione di una piantagione svolto ieri dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova, grazie alla consueta collaborazione dei Cacciatori dello Squadrone Eliportato e del Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, dimostra però che altrettanto efficaci sono le strategie e i controlli svolti dai Carabinieri nel territorio reggino per il contrasto al grave fenomeno.

In particolare, i Carabinieri della dipendente Stazione di Cinquefrondi insieme ai colleghi dei “Cacciatori”, dopo una attenta analisi e perlustrazione del territorio boschivo, hanno individuato una complessa piantagione suddivisa in cinque vicine piazzole e sviluppata “a serpentina” in una impervia area del passo della Limina, ad oltre 700 metri di altitudine. Un luogo di difficile perlustrazione, e lontano da strade o abitati e scelto proprio per evitare l’individuazione da parte delle forze dell’ordine, anche con le perlustrazioni aree.

Ben 950 piante di marijuana di altezza variabile da 0,50 a 1 metro, fatte crescere in modo disomogeneo e suddivise in vari impervi costoni della montagna, in parte annaffiate con dei tubi in plastica con il cosiddetto sistema “a goccia”, prendendo l’acqua da una vicina fiumara, e in parte annaffiate a mano. Le piante una volta cresciute, estirpate, essiccate, triturate e vendute al dettaglio “al grammo” avrebbero potuto fruttare migliaia di euro. Un guadagno illegale infranto dalla loro distruzione sul posto mediante fuoco, previa campionatura, per le successive analisi tossicologiche.

I Carabinieri del comando Provinciale di Reggio Calabria svolgeranno tutte gli accertamenti necessari ad identificare i realizzatori della piantagione e continueranno le serrate attività di ricerca di piantagioni in tutto il territorio.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007