Reggio Calabria. Petizione Tari e rifiuti: si rispetti la volontà dei cittadini - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria. Petizione Tari e rifiuti: si rispetti la volontà dei cittadini

Elisabetta Marcianò

Reggio Calabria. Petizione Tari e rifiuti: si rispetti la volontà dei cittadini

mercoledì 07 Aprile 2021 - 11:37

"Abbiamo utilizzato tale modalità in alternativa per limitare l’assembramento. Dovrebbe sapere il presidente che l’utilizzo della piattaforma garantisce i requisiti formali."

Luciano Surace di AmaReggio Movimento di azione civica e Daniela Spinola del Comitato “no porta a porta” rispondono al diniego del Presidente del consiglio comunale, Marra, sulla petizione “TARI ed emergenza rifiuti”, è opportuno precisare che da subito non si è inteso dare seguito alla richiesta legittima presentata dai cittadini, tant’è che, dopo aver fatto trascorrere ben 4 mesi nel silenzio, non ha neppure inteso incontrare i promotori dell’iniziativa popolare.

“Scuse banali”

Il presidente del consiglio comunale ha rigettato una richiesta dei cittadini, adducendo una scusa di puro carattere formale citata nello Statuto e nel Regolamento scritto anni addietro e che non tiene conto delle innovazioni tecnologiche di sottoscrizione né, poteva prevedere l’impedimento dettato dalla emergenza COVID.

Conforme

La petizione popolare, in cui si chiede conto dell’emergenza rifiuti e dell’abbattimento della TARI che i reggini pagano come la più alta in Italia, non è accolta adducendo la mancanza della raccolta delle firme su moduli vidimati dalla segreteria generale. Ricordiamo ai notabili di Palazzo San Giorgio  che la petizione popolare si è svolta con l’ apposizione della firma su piattaforma tecnologica online, che garantisce il riconoscimento dell’apposizione della firma riconducendola inequivocabilmente alla persona che sottoscrive abbinandola al testo della petizione. Quindi forma e sostanza aderiscono perfettamente alla ratio richiesta dall’apposizione del timbro sul cartaceo.

Scelte precise

Abbiamo utilizzato tale modalità in alternativa e per limitare, essendo in quei mesi precluso l’assembramento per il COVID. Quindi, bene dovrebbe sapere il presidente che l’utilizzo della piattaforma telematica garantisce i requisiti formali che sono alla base della disposizione regolamentare del comune e per di più garantiva il rispetto della restrizione pandemica al fine di prevenire eventuali contagi dei cittadini firmatari.

Il problema rifiuti

Il nostro agire non è stato dettato da un errore – come il presidente del consiglio vorrebbe far apparire – ma semplicemente da un’attività precauzionale con utilizzo di un sistema di raccolta equivalente. Ma il presidente del Consiglio dovrebbe preoccuparsi, soprattutto, della rivendicazione sostanziale dei diritti lesi alla cittadinanza, penalizzata e mortificata sotto l’aspetto economico dalla TARI ed esposta, da anni, a grave rischio per la salute ed alle conseguenze di un disastro ambientale causato da tonnellate di rifiuti per le strade. Marra non ha mai convocato neppure una seduta di consiglio per chiarire alla Città le ragioni di un disastro nella raccolta dei rifiuti e dei milioni di euro pubblici spesi senza un minimo servizio ed oggi respinge un istituto di partecipazione popolare.

Il problema burocratico

Insisteremo nel chiedere un incontro, sino ad oggi negato, per discutere della TARI e dei rifiuti e, nondimeno, evidenziando questa posizione di chiusura istituzionale che appare strumentale ed offensiva per una democrazia che la Costituzione italiana vuole, prima di tutto, garantire sul piano sostanziale che non può scindere dal rispetto e dalla considerazione della partecipazione popolare. A Reggio, sommersa dai rifiuti e nell’abbandono totale, la democrazia è diventata una questione di timbri e di proclami.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x