Reggio, l'Asp sospende 53 sanitari no vax - Tempostretto

Reggio, l’Asp sospende 53 sanitari no vax

Dario Rondinella

Reggio, l’Asp sospende 53 sanitari no vax

mercoledì 03 Novembre 2021 - 07:13

I 53 sanitari sono stati sospesi dal servizio e dallo stipendio, perché non hanno rispettato l’obbligo di sottoporsi a vaccinazione anti covid-19.

53 sanitari, tra medici e paramedici in servizio in ambulatori e strutture dell’Azienda sanitaria provinciale, sono stati sospesi dal servizio e dallo stipendio, perché non hanno rispettato l’obbligo di sottoporsi a vaccinazione anti covid-19. Il provvedimento è stato emesso dal Commissario straordinario della stessa Azienda Gianluigi Scaffidi, il quale ha spiegato che si tratta di “ una decisione che non ha nulla a che vedere con l’obbligo di esibire il green-pass per accedere nei luoghi di lavoro, recentemente introdotto dal Governo.

Questa deliberazione è il risultato di una indagine interna avviata da tempo e relativa a verificare tra il personale in servizio in questa Asp, il rispetto dell’obbligo, in quanto operatore sanitario, di sottoporsi a vaccinazione anti-covid. È stata una lunga battaglia con avvisi, diffide, raccomandate e pec, spesso non ritirate o non aperte, per ritardare i termini di notifica”.

Ai 53 sanitari, le cui deliberazioni di sospensione, su proposta del Direttore del Settore Risorse Umane, indicano ciascuna il solo numero di matricola del dipendente destinatario del provvedimento, sottoscritte da Scaffidi, viene contestato il mancato assolvimento dell’obbligo vaccinale, così come declamato dal comma 2 dell’art. 4 del DCA (Decreto Commissario ad Acta) n. 44 dell’11 marzo 2021.

L’Azienda ha inoltre considerato “non applicabile” al dipendente la declaratoria del comma 6 dello stesso articolo, “in quanto lo stesso – è scritto – non potrebbe essere utilizzato in altre mansioni, anche inferiori, che non implichino contatti interpersonali o che non comportino, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS Cov 2, né risulta applicabile il comma 10 del citato articolo. Il provvedimento – ha specificato infine Scaffidi – mantiene efficacia fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino completamento del piano vaccinale nazionale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021”.

Tag:

2 commenti

  1. MARCUS TULLIUS CICERO 3 Novembre 2021 09:49

    Ancora si deve assistere alla ridicola messinscena di manovrette e manovrettine, intese a non adempiere agli obblighi che la legge prevede. Questo, tra l’altro, è un chiaro segno di mancanza, in questi individui, del senso di rispetto nei confronti della legalità e delle Leggi di questo nostro Stato. Ma soprattutto, è mancanza di rispetto nei confronti dell’art. 32 della nostra Costituzione repubblicana.

    0
    1
  2. Tutti i medici dovrebbero fare il tampone ogni 48ore, essendo luoghi delicati…perché noi pur avendo vaccino siamo obbligati al tampone per entrare(cosa giustissima!)e loro sono liberi di visitarci solo perché hanno il vaccino..mica sono immuni!una contraddizione unica!mah

    0
    0

Rispondi a MARCUS TULLIUS CICERO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007