Rifiuti fuori regione e caro Tari, Laccoto: "Rischio dissesto per 150 Comuni" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rifiuti fuori regione e caro Tari, Laccoto: “Rischio dissesto per 150 Comuni”

Alessandra Serio

Rifiuti fuori regione e caro Tari, Laccoto: “Rischio dissesto per 150 Comuni”

martedì 26 Ottobre 2021 - 07:00

L'onorevole chiede lumi su come il Governo Musumeci vuole evitare che gli enti locali buchino i bilanci

“Con i costi altissimi per il trasporto e il conferimento dei rifiuti, 150 Comuni rischiano il dissesto: l’assessore regionale venga subito a riferire in aula all’Ars su come intende affrontare questa grave situazione”.

Il deputato regionale Giuseppe Laccoto chiede l’intervento del Governo Musumeci per arginare il caro Tari, che rischia di arrivare alle stelle, e il problema che la crisi rifiuti rischia di diventare per gli enti locali.

Laccoto ha depositato l’interrogazione parlamentare annunciata lo scorso fine settimana a seguito della comunicazione della Sicula Trasporti, la società che gestisce la discarica di Lentini in cui si conferiscono i rifiuti indifferenziati di quasi tutti i centri della Sicilia Orientale, e che ha notificato l’introduzione di una ulteriore tariffa di conferimento pari a 334 euro a tonnellata per i rifiuti che dovranno essere trasportati fuori Regione. “Una stangata che nessun Comune può sostenere” commenta ancora l’onorevole Laccoto che ricorda come, per legge, l’intero costo per lo svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti urbani, compreso il trasporto e il conferimento in discarica, grava totalmente sui cittadini.

“Ma è bene ricordare – afferma Laccoto – che il termine fissato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’approvazione del Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti è scaduto lo scorso 31 luglio e che per l’anno in corso, lo stesso piano non può essere né modificato né aggiornato. Solo l’intervento finanziario della Regione Siciliana può evitare il sicuro dissesto della quasi totalità dei comuni interessati e bisogna muoversi in fretta. Domani sarà troppo tardi”. “Sono stato facile profeta lo scorso febbraio a lanciare l’allarme sulla questione rifiuti, ma il mio appello è caduto nel vuoto. Adesso – conclude il deputato regionale- occorrono provvedimenti straordinari ed urgenti”.

Tag:

2 commenti

  1. Meglio subito i termovalorizzatori! Ubicati in località che non interferiscono con la salute pubblica

    3
    0
  2. bonanno giuseppe 26 Ottobre 2021 12:27

    vedrete xge con il PONTE sullo Stretto…fara il Miracolo anche per i rifiuti,,,,

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x