Rifiuti, Limosani e Barbalace: "Indispensabile coinvolgere i territori" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rifiuti, Limosani e Barbalace: “Indispensabile coinvolgere i territori”

Rifiuti, Limosani e Barbalace: “Indispensabile coinvolgere i territori”

sabato 10 Giugno 2017 - 05:31
Rifiuti, Limosani e Barbalace: “Indispensabile coinvolgere i territori”

Facendo riferimento alla normativa in quest'analisi Michele Limosani e Nicola Barbalace suggeriscono una forma di autosufficienza nella gestione che tenga in considerazione i limiti territoriali individuati anche con le Città Metropolitane.

Gli enti locali – i Comuni – sono i soggetti responsabili della gestione del ciclo integrato dei rifiuti mentre la Regione è chiamata a svolgere le funzioni di programmazione, indirizzo e coordinamento, a fissare gli obiettivi in relazione alla quota di differenziata, a favorire l’adozione delle politiche a sostegno dell’economia circolare, della riduzione della produzione dei rifiuti urbani e del riuso dei beni a fine vita, a sostenere le infrastrutture e gli impianti necessari per consentire ai territori di essere autosufficienti.

Per ottenere un servizio efficiente ed economico, infatti, occorre ritornare al modello di governance fondato sulla delimitazione territoriale per ambiti territoriali ottimali di dimensioni coincidenti con i confini delle aree vaste – liberi consorzi e Città metropolitane – con conseguente attribuzione delle funzioni di regolazione del servizio a enti di governo di natura pubblicistica. E’ indispensabile, ancora, sostenere una politica per un ciclo dei rifiuti che si chiuda all’interno del territorio/ambito diventando, quanto più possibile, autosufficiente nel recupero e smaltimento dei propri rifiuti e quindi produttivo di economie di scala.

Si tratta, di fatto, di declinare il principio di autosufficienza, valido a livello nazionale e regionale, anche a livello locale e quindi realizzare sul territorio un sistema integrato per garantire un equilibrio tra produzione e smaltimento. A tal fine, risulta necessaria l’individuazione di una serie di impianti di gestione integrata la cui varietà va commisurata alla loro adeguatezza e completezza rispetto agli obiettivi fissati e che consenta di eliminare il ricorso alla discarica, primo e improrogabile obiettivo che le politiche di un territorio nella gestione del ciclo dei rifiuti devono poter raggiungere.

L’analisi delle best practices in Europa suggerisce che il mix ottimale di gestione dei rifiuti per annullare completamente il ricorso in discarica sia 50-60% differenziata (da destinare al riciclo ed al compostaggio), 40-50% di termovalorizzazione (con recupero termico ed energetico). Rispetto ai Paesi con la più efficiente gestione dei RU, l’Italia, ed in particolare la Sicilia, mostra un grave ritardo per gli scarsi livelli di recupero energetico e l’eccessivo conferimento in discarica. Ostacolare il recupero energetico finisce per alimentare il conferimento in discarica con gravi danni per l’ambiente, senza considerare che la saturazione delle discariche autorizzate rende più complicata la gestione dei rifiuti e aumenta il rischio di smaltimenti illegali.

Coerentemente con questa impostazione generale si muove il DDL n. 1243, di iniziativa governativa, recante “Norme in materia di organizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani” che ha già superato il vaglio della Commissione legislativa Ambiente e Territorio dell’ARS. Un disegno di legge che intende risolvere le molteplici criticità insorte in fase di attuazione della legge regionale 8 aprile 2010, n. 9 e succ. mod. ed eliminare le discrasie registrabili, sul piano normativo, rispetto al quadro nazionale e comunitario.

La proposta normativa prevede l’individuazione di nove ambiti territoriali ottimali che coincidono con i confini degli attuali dei liberi consorzi e delle Città metropolitane e vengono individuati nove Enti di governo, titolari delle funzioni di regolazione, vigilanza e controllo i cui organi sono composti dai Sindaci dei Comuni dell'isola ricadenti nell’ambito territoriale di riferimento. Viene eliminata, inoltre, la possibilità di affidare il servizio di raccolta, spazzamento e trasporto attraverso i piani d’intervento presentati dai Comuni in forma singola o associata.

Le funzioni di regolazione saranno distinte da quelle di gestione puntando alla netta separazione tra il ruolo dell’Ente di governo, nel nostro caso la Città metropolitana di Messina, quale soggetto regolatore ed organizzatore della domanda di servizio e quello del Gestore. Spetta poi all’ente di governo metropolitano o del libero consorzio procedere all’affidamento del servizio utilizzando esclusivamente uno dei modelli di gestione previsti dall’ordinamento nazionale e comunitario vigente con conseguente superamento delle eventuali gestioni dirette poste in essere dai Comuni in questi anni.

Si può e si deve fare ancora meglio nella politica dei rifiuti a livello regionale ma la sostenibilità delle politiche del ciclo sui rifiuti passa per un pieno e responsabile coinvolgimento di tutti gli stakeholders interessati ed, in primis, degli enti locali.

Michele Limosani, Nicola Barbalace

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

8 commenti

  1. A parole e’ tutto facile il consiglio comunale per ben 16 volte non ha avuto il coraggio di discutere il caso non arrivando al numero legale..
    CONSIGLIERI POLITICANTI SIETE VOI I RIFIUTI DI MESSINA.
    AREOPORTO DEL MELA

    0
    0
  2. A parole e’ tutto facile il consiglio comunale per ben 16 volte non ha avuto il coraggio di discutere il caso non arrivando al numero legale..
    CONSIGLIERI POLITICANTI SIETE VOI I RIFIUTI DI MESSINA.
    AREOPORTO DEL MELA

    0
    0
  3. Limosani dovrebbe avere il coraggio di uscire dalla fittizia imparzialità universitaria e avere il coraggio di fare i suoi interventi di tuttologia da esponente dichiarato del PD (nonchè futuro candidato sindaco)

    0
    0
  4. Limosani dovrebbe avere il coraggio di uscire dalla fittizia imparzialità universitaria e avere il coraggio di fare i suoi interventi di tuttologia da esponente dichiarato del PD (nonchè futuro candidato sindaco)

    0
    0
  5. Benedetto XVII 10 Giugno 2017 18:27

    Dopo avere letto il documento se ne sa meno di prima. Basterebbe dire: 1. Una società interamente pubblica non è in grado di risolvere il problema. 2. Con buona pace delle anime belle, a Sud possono funzionare solo aziende gestite dai privati. La differenziata è fondamentale ma è indispensabile avere i termovalorizzatori per smaltire il resto e bisogna averli al più presto. 3. Le discariche sono una rovina, ora e per le prossime generazioni. 4. Per raggiungere livelli elevati di raccolta differenziata, soprattutto nei centri urbani, è necessaria la tariffazione puntuale (individuazione di chi ha prodotto i rifiuti), per premiarlo o punirlo. 5. Per organizzare la tariffazione puntuale ci vorranno molti decenni.

    0
    0
  6. Benedetto XVII 10 Giugno 2017 18:27

    Dopo avere letto il documento se ne sa meno di prima. Basterebbe dire: 1. Una società interamente pubblica non è in grado di risolvere il problema. 2. Con buona pace delle anime belle, a Sud possono funzionare solo aziende gestite dai privati. La differenziata è fondamentale ma è indispensabile avere i termovalorizzatori per smaltire il resto e bisogna averli al più presto. 3. Le discariche sono una rovina, ora e per le prossime generazioni. 4. Per raggiungere livelli elevati di raccolta differenziata, soprattutto nei centri urbani, è necessaria la tariffazione puntuale (individuazione di chi ha prodotto i rifiuti), per premiarlo o punirlo. 5. Per organizzare la tariffazione puntuale ci vorranno molti decenni.

    0
    0
  7. Benedetto XVII 10 Giugno 2017 18:35

    Le anime belle che glorificano la zero waste (100% di differenziata), va detto che pare vi sia un solo posto al mondo dove hanno raggiunto l’obiettivo: Kamikatsu, un paesino di 2000 abitanti che, da anni, suddividono i rifiuti in 34 (!!!!!) categorie e portano i sacchetti nei centri di raccolta secondo un calendario prestabilito. Se Ialacqua crede di poterli imitare, si accomodi e tanti auguri. Se, invece, inizia a usare il cervello, scelga un termovalorizzatore moderno, con bassissima emissione di fumi e tenti di metterlo in funzione al più presto. Se vuole il male dei cittadini e, soprattutto, delle prossime generazioni, continui così e contribuisca a far crescere le discariche e i loro veleni

    0
    0
  8. Benedetto XVII 10 Giugno 2017 18:35

    Le anime belle che glorificano la zero waste (100% di differenziata), va detto che pare vi sia un solo posto al mondo dove hanno raggiunto l’obiettivo: Kamikatsu, un paesino di 2000 abitanti che, da anni, suddividono i rifiuti in 34 (!!!!!) categorie e portano i sacchetti nei centri di raccolta secondo un calendario prestabilito. Se Ialacqua crede di poterli imitare, si accomodi e tanti auguri. Se, invece, inizia a usare il cervello, scelga un termovalorizzatore moderno, con bassissima emissione di fumi e tenti di metterlo in funzione al più presto. Se vuole il male dei cittadini e, soprattutto, delle prossime generazioni, continui così e contribuisca a far crescere le discariche e i loro veleni

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007