Risanamento Messina. De Luca alza il tiro su Navarra: "Scenda dall'elicottero" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Risanamento Messina. De Luca alza il tiro su Navarra: “Scenda dall’elicottero”

Rosaria Brancato

Risanamento Messina. De Luca alza il tiro su Navarra: “Scenda dall’elicottero”

mercoledì 06 Gennaio 2021 - 09:04
Risanamento Messina. De Luca alza il tiro su Navarra: “Scenda dall’elicottero”

"Non ha mai visto una baracca e in due anni non ha fatto nulla per Messina. Lo invito a un confronto pubblico" così replica il sindaco al parlamentare Pd

Com’era prevedibile sul fronte risanamento è botta e risposta tra il sindaco De Luca e il parlamentare dem Pietro Navarra. Non si è fatta attendere infatti la replica del primo cittadino all’affondo del deputato nazionale (al quale per la verità aveva risposto sul momento anche la parlamentare azzurra Matilde Siracusano).

“De Luca servo sciocco”

In sintesi Navarra aveva ribaltato su De Luca tutte le contestazioni sul risanamento “il servo sciocco sei tu, nei confronti della Regione, anzi lo sei ancora di più perché in due anni dal governo regionale non hai ottenuto un euro per il risanamento”. Il deputato nazionale Pd ha poi sottolineato come anche De Luca non scherzi quanto a promesse disattese ed ha invece rivendicato l’azione dei parlamentari della maggioranza per far sì che il ministro Provenzano abbia deciso d’interessarsi al risanamento. De Luca deve averci pensato su perché la risposta è arrivata 24 ore dopo l’affondo.

Navarra ha mai visto baracche?

Il linguaggio di Pietro Navarra si è notevolmente deteriorato a causa di un crescente nervosismo, segno che sull’argomento risanamento si è toccato un nervo scoperto- scrive De Luca– Presumo che abbia visto le baraccopoli forse solo sorvolandole con un elicottero, non essendovi alcuna traccia nelle cronache locali di una sua visita diretta”.

Poi chiede al parlamentare Dem se, visti i precedenti in Commissione Ambiente alla Camera (con i rinvii chiesti dalla maggioranza) se può garantire che adesso il Pd non chiederà l’ennesimo rinvio della legge come già avvenuto a giugno e a novembre dell’anno scorso.

Il no della Protezione civile

Navarra contesta al sindaco troppe parole al vento e pochi fatti e soprattutto pochi impegni mantenuti, evidenziando poi come a non dare risposte sia stata la Regione Siciliana. De Luca riepiloga quanto accaduto dalla sua elezione, nel giugno 2018 ad oggi. Il governo Musumeci, con delibera di Giunta n° 343 del 2018, ha esitato positivamente la dichiarazione dello stato di emergenza igienico sanitaria per Messina. E’ stato invece il Consiglio dei Ministri, attraverso il Dipartimento della Protezione civile nazionale a dichiarare la mancata sussistenza dei presupposti per la dichiarazione dello stato di emergenza.

“Ecco i fatti e le risorse”

Quanto alle risorse stanziate nell’ambito della legge 10 del ’90 sul risanamento sono state stanziate le seguenti somme: € 444.855,15 (opere di risanamento in via Annunziata Alta), € 352. 284,54 per opere di risanamento in via Macello Vecchio, € 666.280,43 per opere di demolizione e risanamento a Camaro Sottomontagna, € 947.730,94 per opere di demolizione e risanamento a Tremonti, € 213.554,84 opere di demolizione e risanamento a Via delle Mura, € 1.951.236, 97 per acquisto case, € 2.667.802,00 per acquisto case. Con Decreto dell’Assessorato regionale Infrastrutture e Mobilità n. 2601/20 è stata finanziata la realizzazione di un primo blocco alloggi per € 1.440.000 che fa parte di un programma più ampio di importo pari a € 10.684.185,82 approvato con Delibera di Giunta n. 756 del 27.11.2019. Finanziato un progetto nel programma regionale Agenda urbana Azione 9.4.1. trasmessa all’O.O. con prot. n. 174229 del 31 luglio 2020 per l’importo di € 4.998.614,00 per la realizzazione di n. 25 alloggi di Giunta Comunale n. 333/20.

Comune in pre- dissesto

Questi sono fatti- replica De Luca– Mi meraviglia come lei, professore ordinario di economia nel settore pubblico, possa affermare che ho utilizzato per acquistare case fondi lasciati da Accorinti. Al mio insediamento ho ereditato un Comune in una condizione di pre-dissesto sancita dall’adesione alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale”.

La riprogrammazione

Quei bilanci sono stati oggetto di interventi da parte della Corte dei Conti che ha ribadito le misure interdittive dei programmi di spesa oltreché la sussistenza di profili di irregolarità e la grave criticità in relazione alla sana gestione finanziaria e suscettibili di pregiudicare gli equilibri economico-finanziari. Il sindaco rivendica la riprogrammazione dei fondi del Pon Metro (sull’Asse 3 e 4) e del Poc con 20 milioni per acquisto alloggi, sbaraccamento e riqualificazione aree libere.

I rinvii di Pd e 5Stelle

Non le sembra fuori luogo scrivere che l’interessamento sulla questione da parte del governo è dovuto a lei? Ma esattamente lei cosa ha fatto da quando è stato depositato il testo visto che è calendarizzato in quota Forza Italia su richiesta di Gelmini e Siracusano? E cosa mi dice sul rinvio e quindi sul rallentamento esplicitamente causato dal PD e dai 5 stelle? Certo deve essere doloroso per un professore come lei ammettere che una giovane deputata come Matilde Siracusano le può insegnare il mestiere di parlamentare”. Quanto al Recovery Fund il sindaco ricorda a Navarra che il progetto c’è già ed è stato presentato a settembre dall’amministrazione comunale così come richiesto dall’Agenzia di Coesione e da Anci.

Un confronto pubblico

Non voglio perdere l’occasione per invitarla a fare un giretto in una delle 86 baraccopoli, ma stavolta, se permette, scenda dall’elicottero. Se ritiene che io abbia realizzato solo il dieci per cento del mio programma, solleciti i suoi consiglieri comunali a porre in discussione la mia ultima relazione sull’attività svolta. Si renderà conto che sbaglia anche su questo. Quando vuole un bel confronto pubblico caro Pietro Navarra batta un colpo che la mia squadra e’ pronta”.

Risorse per Ateneo di Padova

L’ultimo affondo del sindaco è sulla legge di rilancio del 2020 nella quale proprio Navarra, ex Rettore di Messina, risulta primo firmatario di un emendamento Pd che ha portato ingenti risorse all’Università di Padova. “Lei è lo stesso Navarra che ha fatto un emendamento per far arrivare soldi per Padova e zero per Messina ?”

Articoli correlati

Tag:

5 commenti

  1. Lo zampognaro dovrebbe dire in base a quali progetti, presentati in che data, sono state stanziate (e quando) le cifre al centesimo che elenca. Così, tanto per completezza di informazione.

    19
    12
  2. …lo zampognaro come lo chiami tu,.servo del sistema e anche persona disfattista ha dato case ai baraccati..e ha sistemato il bilancio che l’amico tuo a
    Accorinti e company avevano dissestato…

    10
    12
    1. Commento qualunquista. Prima dovrebbe informarsi bene come stanno le cose, e non credere, invece, all’asino che vola!

      0
      0
    2. Caro Gian invece il tuo amico insieme alla sua giunta fino a oggi ha fatto un cumulo di chiacchiere fatti zero teatro mediatico fine a se stesso vivacchiando su progetti precedenti che forse e dico forse ammesso che ancora duri porterà a termine

      2
      0
    3. Se continui a seguire le dirette facebook di questo incantatore di buddaci non c’è nulla che si possa fare per te!
      Se invece sei fra i suoi beneficiari, dovresti sapere come stanno le cose e avere la decenza di non invertire la verità e tacere. Ma praticando lo zoppo….

      0
      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x