Tir in città. Cacciola: “Regole valide anche per chi ha sempre pensato fossero fastidiose e secondarie” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tir in città. Cacciola: “Regole valide anche per chi ha sempre pensato fossero fastidiose e secondarie”

Tir in città. Cacciola: “Regole valide anche per chi ha sempre pensato fossero fastidiose e secondarie”

martedì 15 Marzo 2016 - 10:51
Tir in città. Cacciola: “Regole valide anche per chi ha sempre pensato fossero fastidiose e secondarie”

L’assessore alla Mobilità difende il comandante della Polizia municipale, Calogero Ferlisi, e replica agli armatori, accusandoli di non perseguire l’obiettivo primario comune (i tir fuori dal centro città) una volta condiviso

Prima il comandante della Polizia Municipale, Calogero Ferlisi, poi l’assessore Sebastiano Pino, poi ancora l’amministratore delegato di Caronte e Tourist, Vincenzo Franza, ora l’assessore Gaetano Cacciola. Non si ferma lo scambio di accuse tra l’amministrazione comunale e gli armatori privati sul tema del passaggio dei tir alla rada San Francesco in assenza di deroghe al porto di Tremestieri.

"Il vero ed unico obiettivo di questa amministrazione – afferma Cacciola – è fare in modo che, in condizioni normali, i tir che dalla Sicilia devono raggiungere il continente, e viceversa, non attraversino la città, nell'attesa della realizzazione del nuovo porto a sud che eliminerà definitivamente il traffico di tutto il gommato da attraversamento. E questa è anche una priorità assoluta per i messinesi. Nessun interesse di parte, nessuna opportunità politica potrà mai prevalere rispetto alla salute e alla sicurezza dei cittadini”.

Come Ferlisi e Pino anche Cacciola ricorda che “l'oggetto della concessione della rada San Francesco prevede esclusivamente l’imbarco e lo sbarco di auto e pullman, non già di tir. Quindi, dall’osservanza e dal rispetto di questo principio scaturirebbe il raggiungimento dell’obiettivo primario. Su questo aspetto, anch'esso da rammentare, la Polizia Municipale non ha poteri d'intervento. In considerazione di circostanze eccezionali, dovute o a particolari eventi atmosferici o a un flusso elevato di mezzi pesanti al porto di Tremestieri, per evitare il formarsi di lunghe code che potrebbero interferire con la viabilità autostradale, ecco intervenire l’ordinanza 488 che regola in maniera puntuale circostanze appunto eccezionali, allo scopo di garantire la sicurezza, oltre che in città, anche nella sede autostradale. I responsabili per la conduzione di queste modalità sono la Capitaneria di Porto, l’Autorità Portuale, gli armatori, gli autotrasportatori, l’Amministrazione comunale e la Polizia municipale, che hanno da sempre condiviso gli obiettivi, manifestando la volontà comune di lavorare in coordinamento per il loro raggiungimento”.

La considerazione è che, in questo ultimo anno – prosegue Cacciola -, “nonostante non ci siano stati molti eventi eccezionali tali da attivare la 488 in termini di deroghe, sono stati evidenziati numerosissimi passaggi di tir alla rada San Francesco (non provenienti dalla città) e di conseguenza, in particolare nelle ultime settimane, sono state emesse parecchie multe per passaggi di tir non in deroga. Da queste semplici riflessioni deriva la considerazione fatta dal Comandante della Polizia Municipale di Messina e l’invito agli armatori a collaborare al rispetto dell’Ordinanza (che significa, nei fatti, indicare agli autotrasportatori che il porto a loro dedicato è quello di Tremestieri e trasportarli proprio in quella sede). Niente di più, quindi, che normale attività di controllo e diffusione del rispetto delle regole”.

Dopo la lunga premessa, la stoccata: “Purtroppo la reazione degli armatori è apparsa come una voce fuori dal coro, non più disponibile a perseguire l’obiettivo primario comune. Appare inoltre assolutamente stonato l’acuto nei confronti del comandante Ferlisi che continua con serietà e rigore ad esercitare la sua funzione nonostante vicissitudini burocratiche non gli abbiano ancora consentito di dedicarsi ad uno solo dei mandati a lui al momento affidati. Questa amministrazione continuerà a perseguire il rispetto delle regole, che tali debbono essere per tutti, anche per coloro che per molto tempo hanno ritenuto che fossero un fastidioso elemento secondario".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. BISOGNA RISPETTARE LE REGOLE GIUSTE 15 Marzo 2016 11:20

    I T.I.R. OLTRE CHE AD IMBARCARSI A RADA SAN FRANCESCO NELLO STESSO APPRODO SBARCANO E QUINDI NON SONO I CONDUCENTI A VIOLARE L’ORDINANZA PERCORRENDO LE VIE CITTADINE E NON RECANDOSI COSI A TREMESTIERI. PER LO SBARCO A RADA SAN FRANCESCO LOGICA FA COMPRENDERE CHE I T.I.R. VENGANO IMBARCATI A VILLA SAN GIOVANNI SULLA NAVI DIRETTE A QUELLO APPRODO PIUTTOSTO CHE A QUELLO DI TREMESTIERI. CHI E’ CHE PRENDE QUESTA DECISIONE???? CON LE CORSE DELLE PRIME ORE DEL MATTINO SBARCANO ALMENO 10 (DIECI) T.I.R. PER VOLTA E DURANTE LA GIORNATA IL FLUSSO SI MITIGA MA NON SI INTERROMPE. FORSE LA CONFERENZA STAMPA DEGLI ARMATORI E’ FATTA A SENSO UNICO. SI GRADIREBBE UNA MAGGIORE ONESTA’ INTELLETTUALE.

    0
    0
  2. BISOGNA RISPETTARE LE REGOLE GIUSTE 15 Marzo 2016 11:20

    I T.I.R. OLTRE CHE AD IMBARCARSI A RADA SAN FRANCESCO NELLO STESSO APPRODO SBARCANO E QUINDI NON SONO I CONDUCENTI A VIOLARE L’ORDINANZA PERCORRENDO LE VIE CITTADINE E NON RECANDOSI COSI A TREMESTIERI. PER LO SBARCO A RADA SAN FRANCESCO LOGICA FA COMPRENDERE CHE I T.I.R. VENGANO IMBARCATI A VILLA SAN GIOVANNI SULLA NAVI DIRETTE A QUELLO APPRODO PIUTTOSTO CHE A QUELLO DI TREMESTIERI. CHI E’ CHE PRENDE QUESTA DECISIONE???? CON LE CORSE DELLE PRIME ORE DEL MATTINO SBARCANO ALMENO 10 (DIECI) T.I.R. PER VOLTA E DURANTE LA GIORNATA IL FLUSSO SI MITIGA MA NON SI INTERROMPE. FORSE LA CONFERENZA STAMPA DEGLI ARMATORI E’ FATTA A SENSO UNICO. SI GRADIREBBE UNA MAGGIORE ONESTA’ INTELLETTUALE.

    0
    0
  3. Stavolta è da apprezzare l’intervento “scientifico” e ragionevole dell’assessore Cacciola.

    0
    0
  4. Stavolta è da apprezzare l’intervento “scientifico” e ragionevole dell’assessore Cacciola.

    0
    0
  5. assessore,ma come mai i nuovi vigili che presidiavano la tommaso cannizzaro da via la farina a gravitelli facendo rispettare il divieto di sosta anche a doppia fila,sono all’improviso da due giorni scomparsi? si sono imboscati loro o avete scelto di creare il caos ad arte?

    0
    0
  6. assessore,ma come mai i nuovi vigili che presidiavano la tommaso cannizzaro da via la farina a gravitelli facendo rispettare il divieto di sosta anche a doppia fila,sono all’improviso da due giorni scomparsi? si sono imboscati loro o avete scelto di creare il caos ad arte?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x